Argomenti (categorie) ai quali appartiene questo titolo


Tags ai quali appartiene questo titolo

Le Vie Spirituali dei Briganti


Medusa Edizioni
€ 30,00
Quantità

introduzione e cura di Alessandro Grossato.
pp. 176, nn. tavv. a colori e b/n f.t., Milano
data stampa: 2006
codice isbn: 978887698072

L'archetipo mitico, e la costellazione simbolica del "dio dei ladri", risale probabilmente agli albori dell'umanità, alla figura del trickster o "furfante divino".
Il filo conduttore dei diversi saggi che compongono Le vie spirituali dei briganti, terzo volume della collana Viridarium curato da Alessandro Grossato, è costituito dall'analisi della fenomenologia religiosa di una categoria certamente anomala di individui e di organizzazioni sempre vissute ai margini delle rispettive società; una fenomenologia spirituale piuttosto complessa, che fino ad oggi era stata assai poco documentata, per via della sua indubbia problematicità. Sei sono i contributi di cui si compone l'opera. Il primo saggio, di Carlo Donà, prende in esame il tema della redenzione del brigante nella tradizione narrativa medievale, partendo dalla figura evangelica di San Disma, il "Buon Ladrone". Ancora nell'ambito del Medioevo occidentale, Franco Cardini espone il caso opposto e paradossale del nobile crociato Rinaldo di Châtillon, signore di Transgiordania, che per poco non fu ricordato come un martire cristiano, pur avendo compiuto numerose rapine a danno di inermi pellegrini musulmani.
Angelo Iacovella descrive alcune particolari e poco conosciute forme di brigantaggio organizzato nell'Islam medievale. Alessandro Grossato, autore del quarto saggio, prende invece in esame la via spirituale dei ladri nell'Induismo, a partire dalle figure delle loro divinità patrone, fino alla forma estrema dei thag, che operarono lungo le vie commerciali dell'India fino alla seconda metà del XIX secolo. Attilio Andreani analizza la figura emblematica del bandito Zhi e, infine, Giorgio Arduini traccia un pregnante profilo storico e antropologico dell'ambigua organizzazione criminale degli Yakuza, dei suoi rituali e delle sua simbologie, in particolare di quelle connesse alla pratica del tatuaggio. Quest'esempio giapponese, forse più di altri, data la sua attualità, dimostra ancor oggi che cosa possa realmente succedere quando la "via dell'eccesso" incrocia, alla sua maniera, la via degli dèi.

Indice:

Alessandro Grossato
Introduzione. Le vie spirituali dei briganti in Europa e in Asia


Carlo Donà
Pessimae vitae finis optimus: la santità dei briganti nei racconti religiosi del Medioevo


Franco Cardini
Martire o brigante? Una nota su Rinaldo di Châtillon


Angelo Iacovella
Ayyarùn e Futuwwa


Alessandro Grossato
La via dei ladri in India


Attilio Andreini
Il Bandito Zhi: empietà e virtù


Giorgio Arduini
Yakuza: quando la via dell'eccesso incrocia la via degli dèi

  • Accettiamo i seguenti pagamenti:
- Carta di credito
- Paypal
- Bonifico bancario
- Conto corrente postale
- Contrassegno Accettiamo i seguenti pagamenti: - Carta di credito - Paypal - Bonifico bancario - Conto corrente postale - Contrassegno
  • Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a. Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a.