• Prezzo scontato

Argomenti (categorie) ai quali appartiene questo titolo


Tags ai quali appartiene questo titolo

Giardino e Sacro nell’Italia Preromana

Vegetazione, paesaggio tra cultura e religione

€ 22,50
€ 21,38 Risparmia 5%
Quantità

premessa di Andrea Pessina.
pp. 306, nn. ill. b/n, Firenze
data stampa: 2015
codice isbn: 978889708088

Un percorso evolutivo organico lega, nell’Italia preromana, l’ambiente spontaneo alla sua trasformazione in paesaggio antropizzato, e poi al giardino sacro: prendendo le mosse dalle trasformazioni dell’ambiente attivate nelle fasi protostoriche, è possibile seguire come in area italica nuove esigenze sociali abbiano generato la formazione di un paesaggio umanizzato sempre più capillarmente diffuso. L’intervento umano sul territorio, specie nella cultura etrusca, si rivela condizionato dal timore religioso e dunque dal ricorso a delle regole, dettate dagli stessi dèi, che trovano nel riparto sacro del cosmo, la limitatio, un canone pervasivo, perno centrale dell’Etrusca disciplina. La delimitazione degli spazi, che tra sfera civile e sacra, pervade anche l’architettura delle regge dell’Italia orientalizzante ed arcaica, è alla base del “ritaglio”, nel paesaggio, dei boschi sacri, che restano spazi al di fuori delle comuni attività civili e produttive, vincolati e consacrati alle divinità che al loro interno – come sull’originario ambiente naturale – continuano a governare. Ma anche negli spazi verdi sacri le volontà estetiche ed euritmiche mostrano di prendere progressivamente campo: nasce così il “giardino degli dèi”.

  • Accettiamo i seguenti pagamenti:
- Carta di credito
- Paypal
- Bonifico bancario
- Conto corrente postale
- Contrassegno Accettiamo i seguenti pagamenti: - Carta di credito - Paypal - Bonifico bancario - Conto corrente postale - Contrassegno
  • Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a. Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a.