Ricerca avanzata

Argomenti (categorie) ai quali appartiene questo titolo


Tags ai quali appartiene questo titolo

Il Processo Rituale

Informatemi se questo titolo tornerà disponibile

x


Struttuta e Anti-Struttura

Morcelliana
Libro d'occasione, recante eventuali tracce d'uso
€ 22,00
con una introduzione di Dario Zadra, traduzione di Nicoletta Greppi Collu
pp. 232, 20 tavv. b/n f.t., Brescia
data stampa: 1972
codice isbn: 978883721857

«Oggi (gli antropologi) sembra siano stati coinvolti in misura crescente nello studio sociologico del simbolismo. II professor Victor Turner deve essere annoverato tra quelli maggiormente responsabili di quest'ultimo orientamento dell'antropologia sociale» (Times Literary Supplement).

In questo originalissimo libro lo studio del comportamento e del simbolismo rituale sono usati come chiave per comprendere la struttura e i processi sociali. Turner guarda al rituale come a un meccanismo sociale per accostarsi a problemi sociali reali e mostra come l'analisi del processo rituale fornisca la possibilità di approfondire fa struttura e la trasformazione di gruppi e società in molti luoghi e periodi dell'esperienza umana.
L'opera ha inizio con un'accurata ricerca sui rituali femminili degli Ndembu nell'Africa centrale; ciò serve a mettere in luce i legami tra serie specifiche di simboli e di comportamenti rituali e i bisogni e le strutture sociali in cui tali elementi sono inalveati. Ciò porta a considerare in termini più generali i pro~essi rituali come tali, e in particolare la fase liminale dei riti di passaggio, in cui i partecipanti si muovono tra stati e condizioni sociali antecedenti e susseguenti. Questo stadio di liminalità è spesso caratterizzato da quella che il Turner chiama communitas un sistema di relazioni egualitarie tra persone spogliate del loro status e della loro proprietà); il resto dell'opera applica tale concetto per riuscire a comprendere un'ampia gamma di fenomeni sociali, dalla formazione dell'Ordine francescano nel medioevo a correnti di misticismo indù, agli hippies e agli Hell's Angels degli anni '60.
L'originalità e importanza del Processo rituale apparirà chiara a studenti e scienziati che si occupano di antropologia, di religioni comparate e pensiero sociale e'l tutti coloro che hanno interesse per la natura e il significato del comportamento rituale e simbolico. Vi si attua l'acquisizione e il deciso superamento, in direzione più integralmente umana, dei risultati delle ricerche strutturaliste, in un contesto culturale ricchissimo e vivace, aperto alle più varie intuizioni interdisciplinari.

L'Autore, Nato a Glasgow, Victor W. Turner ricevette il dottorato in antropologia sociale dall'università di Manchester. Da allora ha insegnato sia in tale università che in quelle di Cornell e di Chicago, dove ora è professore di pensiero sociale e antropologia. Inoltre, ~ stato professore ospite al Collegè universitario di Makarere in Uganda. Turner ha partecipato al field-work presso gli Ndembu e i Lamba nella Zambia e i Gisu in Uganda. e ha trascorso quattro anni come ufficiale ricercatore al Rhodes-Livingstone Institute nella Rhodesia del Nord. Nel 1965 ha ricevuto la Rivers Memorial Medal del Royal Anthropological Tnstitute di Gran Bretagna e Commonwealth, e nel 1966 ha tenuto le Lewis Henry Morgan Lectures all'università di Rochester, base di questo libro.

  • Accettiamo i seguenti pagamenti:
- Carta di credito
- Paypal
- Bonifico bancario
- Conto corrente postale
- Contrassegno Accettiamo i seguenti pagamenti: - Carta di credito - Paypal - Bonifico bancario - Conto corrente postale - Contrassegno
  • Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a. Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a.