Ricerca avanzata

Argomenti (categorie) ai quali appartiene questo titolo


Tags ai quali appartiene questo titolo

Speculum

L'altra donna

Feltrinelli
Libro d'occasione, recante eventuali tracce d'uso
Disponibile in copia unica
€ 20,00
Quantità

traduzione di Luisa Muraro
pp. 348, Milano
data stampa: 1977
codice isbn: 900000001411

La sessualità femminile è rimasta il "continente nero" della psicoanalisi. Questa, infatti, non poteva che disconoscere l'altro, la donna, che si espande oltre il quadro del suo campo teorico, in quanto la scienza del "soggetto" che vi si definisce non ha mai interrogato la propria dipendenza da imperativi logici maschili. Bisognava dunque ripercorrere i testi in cui tale logica dell'uno, del medesimo, si ordina in sistema. Rileggere e reinterpretare Platone, per ricostruire come in esso si determinano le metafore che da allora in poi avrebbero veicolato il significato. Seguire gli sviluppi della storia, della teoria, e rilevare dove e come l'altro - donna - si trova esclusa dalla produzione del discorso, assicurandone con la sua silenziosa plasticità il suolo, il rilancio e il limite.

È quanto si è proposta Luce Irigaray con Speculum, volume in cui della donna e della sua sessualità si parla senza definirla, senza concluderla, contro tutte le pratiche e ideologie che dagli inizi del pensiero occidentale hanno ridotto il suo corpo al silenzio, all'uniformità, alla soggezione.

Il libro si compone di tre parti. La prima è una lettura della conferenza freudiana sulla femminilità. Lettura ironica, drammatica, attualizzante. Per accostamenti, commenti, questioni e aggiunte, il testo preso in esame viene macerato (sfatto) e dà così avvio al discorso di Luce Irigaray. Con gli strumenti teorici da Freud elaborati, l'autrice interroga e parla da un luogo, l'essere donna, che Freud ha tentato di esorcizzare. È come se i suoi esorcismi l'avessero segnalato. Su questa base procede una lettura di testi filosofici, da Platone a Hegel - è qui incluso anche un capitolo sulla letteratura mistica -, significativi di quel logocentrismo che esclude da sé l'essere donna. La terza parte è una lettura del mito della caverna quale metafora (impossibile) della matrice. La filosofia occidentale è come ripassata, in modo piu sistematico, a partire da uno dei suoi miti costitutivi: ma nel luogo in cui si pone colei che fa il ripasso s'intesse una tematica che irrevocabilmente straccia le sequenze note della storia filosofica.

  • Accettiamo i seguenti pagamenti:
- Carta di credito
- Paypal
- Bonifico bancario
- Conto corrente postale
- Contrassegno Accettiamo i seguenti pagamenti: - Carta di credito - Paypal - Bonifico bancario - Conto corrente postale - Contrassegno
  • Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a. Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a.