Ricerca avanzata

Argomenti (categorie) ai quali appartiene questo titolo


Tags ai quali appartiene questo titolo

L'Amoroso Cerchio

Poesie dell'ultimo trovatore

Luni
€ 11,90
Quantità

introduzione e cura di Donatella Siviero.
pp. 152, Milano
data stampa: 1997
codice isbn: 978887984076

La lirica provenzale, tramontata nel Mezzogiorno della Francia alla fine del Duecento, sopravvisse per oltre un secolo, nella stessa lingua dei trovatori, al di là dei Pirenei. Nei Paesi Catalani un gruppo di poeti, principalmente legati alla corre aragonese, dà vita a una produzione raffinata e ricca di caratteri originali; fedele nel complesso ai moduli trobadorici, ma anche aperta all'influenza francese e soprattutto a quella italiana (è proprio qui che si possono cogliere i primi precocissimi echi del petrarchismo in Europa).
Il cavaliere valenzano Jordi de Sant Jordi, nato negli ultimi anni del secolo XIV e morto in giovane età nel 1424, fu al servizio di Alfonso il Magnanimo e prese parte alla spedizione di Sardegna e Corsica nel 1420. Seguì poi il suo re a Napoli, dove nel 1423 cadde per un breve periodo prigioniero del condottiero Sforza, che combatteva per la regina Giovanna II d'Angiò-Durazzo.
Il suo piccolo ma variegato canzoniere ripercorre, non senza note di ironia, la maggior parte dei generi lirici occitani, alcuni dei quali abbastanza rari: dal grande canto d'amore alla satira, all'indovinello (devinalh), alla «noia» (enueg), alla canzone di riscatto (in occasione della prigionia napoletana), fino alla Passio amoris, un poemetto cum auetoritate, cioè intessuto di citazioni dai classici volgari. Nella sua poesia risaltano immagini vivide e potenti, che spingono agli estremi limiti il registro metaforico cortese. A Jordi de Sant Jordi, con la sua breve parabola esistenziale e poetica, è toccata la sorte di chiudere per sempre, ma non in sordina, la lirica cortese d'ispirazione trobadorica. Per questo può essere considerato, in assoluto, l'ultimo trovatore: con lui finisce, con eleganza e con grazia, un' intera epoca della letteratura europea.

Donatella Siviero si è laureata all'Istituto Universitario Orientale e ha portato a termine il dottorato di ricerca all'Università di Napoli Federico II. È stata professore a contratto di letteratura spagnola all'Università della Calabria e all'Università di Cassino. Ha pubblicato « Tirant lo Blanch» e la tradizione medievale (Soveria Mannelli, Rubbettino, 1997) e alcuni saggi di letteratura catalana e castigliana.

  • Accettiamo i seguenti pagamenti:
- Carta di credito
- Paypal
- Bonifico bancario
- Conto corrente postale
- Contrassegno Accettiamo i seguenti pagamenti: - Carta di credito - Paypal - Bonifico bancario - Conto corrente postale - Contrassegno
  • Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a. Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a.