Argomenti (categorie) ai quali appartiene questo titolo


Bernardino Da Siena e il Suo Tempo


Rusconi
Disponibile in copia unica
€ 23,00
Quantità

prima edizione, prefazione dell'autrice, traduzione dall'inglese di Camilla Roatta.
pp. 324, 2 tavv. a colori e 6 tavv. b/n f.t., Milano
data stampa: 1982
codice isbn: 5880

Tutti i grandi uomini, siano essi poeti, o uomini di Stato, o santi, trascendono la visione della loro epoca; ma c'è anche una parte di loro che ancora vi appartiene. La visione che Bernardino ha di Dio appartiene all'eternità, ma il mondo che lo circonda egli lo vede con gli occhi di un uomo del suo tempo, un tempo irrequieto, un'epoca di transizione. L'asciutto buon senso di Bernardino lo induce a rifiutare le superstizioni più grossolane, ma d'altra parte egli è in tutto eguale al più semplice dei suoi ascoltatori nel suo atteggiamento verso segni e portenti, o la presenza fisica di angioli e diavoli: come accade per ogni successiva generazione, il bene e il male assumono per lui la forma che egli si aspetta che assumano.

Bernardino fu davvero uomo del suo tempo, sia per il vivo interesse che provava nei confronti di uomini di ogni sorta, di ogni tipo di mestiere, commercio e sistema di vita, sia anche per il suo sapersi adattare, così che era accolto volentieri in ogni ambiente. Per più di quarant'anni viaggiò in lungo e in largo per l'Italia, e non c'era luogo ove non si trovasse come a casa sua. Chiacchiera perfino, strada facendo, con le «locuste» del suo tempo, i famigerati soldati di ventura,ai quali confessa la gran voglia che avrebbe, pur giudicando riprovevole la loro professione, di assistere, almeno una volta, a una battaglia.

Bernardino degli Albizzeschi (1380-1444), di origini aristocratiche e uomo di grande cultura, fu un predicatore di enorme popolarità. Egli percorse in lungo e in largo l'Italia e dovunque la sua voce veniva udita, nelle grandi città e nei borghi della campagna, rimaneva sempre una testimonianza del suo passaggio, l'eco di una leggenda. Il segreto del suo straordinario successo era molto semplice: chiunque lo ascoltava, anche le persone semplici, capiva ogni sua parola. «Di' il pane pane,» egli raccomandava ad ogni predicatore «di' colla lingua quello che hai nel cuore. » Quest'uomo piccolo, scarno, dall'aspetto sofferente, le gote incavate e iI mento aguzzo, conosceva e capiva molto bene i suoi ascoltatori, sapeva entrare nella loro vita e metterli a loro agio. Dalle prediche che egli stesso trascrisse, e soprattutto da quelle che furono trascritte in forma stenografica da scrivani che l'ascoltavano, rivivono mondi vivacissimi e multicolori di vita umana: zerbinotti senesi e ragazze che trascorrono le giornate sulle altane a lavarsi i capelli e a farli imbiondire al sole; donne vanitose, pettegole e litigiose; mercanti orgogliosi del loro denaro; commercianti disonesti, usurai, giocatori d'azzardo, preti ignoranti e frati fanatici, uomini ingiusti in posti di comando, carcerati miserabili, un mondo di faziosi, di malati di peste, di affamati. A questo universo Bernardino guardava con ironia e con la compassione di un uomo che, con tutta la sua santità, aveva tante cose in comune con la gente alla quale si rivolgeva. Massimo Bontempelli, parlando del Magnifico e di Savonarola, ha scritto che « Lorenzo è la mente del secolo. Gerolamo n'è la collera. Bernardino n'è iI cuore ».

Iris Origo ha ripercorso con mano sicura, in una narrazione vivacissima, la vita affascinante di Bernardino, le instancabili peregrinazioni, i quotidiani appuntamenti con i fedeli, rivelandoci un uomo legato intimamente al suo tempo, e pure fuori del tempo, nella sua profonda umanità.

Iris Origo, nata nel Gloucestershire, è figlia di padre statunitense e di madre irlandese. Ha studiato a Firenze e vive a Roma e alla Foce, la sua fattoria presso Siena.

È autrice di opere storiche e di biografie, prevalentemente ambientate nel paesaggio e nella storia italiana. Fra le sue opere: Leopardi (Milano 1954 e 1974); The Last Attachment, dedicata alla relazione amorosa tra Byron e Teresa Guiccioli; Il mercante di Prato (Milano 1958); A Measure of Love; Guerra in Val d'Orcia (Firenze 1968), diario della sua vita durante l'ultima guerra e importante contributo alla storia contemporanea.

Iris Origo è vicepresidente dell'International Social Service ed ha ricevuto la medaglia d'oro della Croce Rossa italiana in riconoscimento della sua opera durante e dopo la guerra. È Fellow della Royal Society of Literature ed ha tenuto alla Harvard University un ciclo di conferenze sulla storia medioevale della Toscana.

Indice:

Cronologia della vita di san Bernardino Prefazione

I. La falsa e la vera vocazione
II. Le donne
III. I mercanti
IV. La poveraglia
V. L'accusa di eresia
VI. Odi di parte, vizi e delitti: l'opera di pace
VII. Il soprannaturale
VIII. Gli umanisti
IX. La riforma degli Osservanti
X. L'ultimo viaggio Epilogo

Abbreviazioni
Note
Fonti e bibliografia Notizia

  • Accettiamo i seguenti pagamenti:
- Carta di credito
- Paypal
- Bonifico bancario
- Conto corrente postale
- Contrassegno Accettiamo i seguenti pagamenti: - Carta di credito - Paypal - Bonifico bancario - Conto corrente postale - Contrassegno
  • Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a. Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a.