Ricerca avanzata

Argomenti (categorie) ai quali appartiene questo titolo


Diario di un Pazzo

Informatemi se questo titolo tornerà disponibile

x



Editori Riuniti
€ 15,00
Quantità

refazione di Renata Pisu, traduzione dal cinese di Primerose Gigliesi.
pp. 162, Roma
data stampa: 1993
codice isbn: 978883593726

"Immagina una casa di ferro senza finestre, praticamente indistruttibile, con tanta gente addormentata sul punto di morire asfissiata. Tu sai che la morte li coglierà nel sonno e che quindi non conosceranno le pene dell'agonia. Ora, se tu, con le tue grida, svegli quelli dal sonno più leggero e costringi questi sfortunati a soffrire il tormento di una morte inevitabile, credi di rendere loro un servigio?"

Non si può pensare la Cina, parlare della Cina, scrivere qualcosa sulla Cina, senza ricorrere a Lu Xun. La Cina di cui parla non è scomparsa, anche se molti così hanno preferito credere quando il grande paese divenne comunista. Lo stesso Mao sapeva bene che una rivoluzione non spazza via tutto; a Malraux che si complimentava con lui per tutte le cose belle realizzate rispose: «Per carità, ho cambiato al massimo due o tre cose nei dintorni di Pechino».
Lu Xun diceva che cambiare la Cina è troppo difficile perché «perfino spostare un tavolo ... richiede del sangue, e anche dopo ... non è certo che il tavolo venga spostato».
Nel Diario di un pazzo che fu la prima novella della letteratura cinese moderna e che dà il titolo alla raccolta, viene criticata tutta la cultura tradizionale cinese. K'ung I-chi, che narra la storia di un letterato fallito, è un atto d'accusa per tutta la classe dei mandariniletterati. Nella novella Medicina viene sferrato un feroce attacco alla tirannide e all'ignoranza. Villaggio nascosto e La vera storia di Ah Q sono altre due novelle tra le più rappresentative della raccolta che proponiamo in cui si fissa, come in un grande mosaico, «l'animo silenzioso del popolo cinese».
Non si può conoscere un paese solo attraverso i concetti e la storia, occorre sentirlo anche attraverso le immagini: la narrativa di Lu Xun è una chiave per capire.

Lu Xun (pseudonimo di Chou Shu-jen) nasce a Shaohsing , provincia del Chechiang, nel 1881. Dopo gli studi a Nanchino, vive in Giappone dal 1901 al 1905 dove studia medicina. Nell'ambiente degli studenti cinesi di T okio trova una circolazione di idee attivamente rivoluzionarie, che, insieme alla lettura dei classici francesi, inglesi e russi lo indirizzano verso la scelta della letteratura come missione civile dello scrittore per il riscatto del suo popolo. Autore di racconti, di versi e di numerossisimi saggi, Lu Xun è il più grande tra gli scrittori cinesi di questo secolo e uno dei massimi dell'intero Novecento letterario. Muore a Shangai nel 1936.

  • Accettiamo i seguenti pagamenti:
- Carta di credito
- Paypal
- Bonifico bancario
- Conto corrente postale
- Contrassegno Accettiamo i seguenti pagamenti: - Carta di credito - Paypal - Bonifico bancario - Conto corrente postale - Contrassegno
  • Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a. Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a.