Argomenti (categorie) ai quali appartiene questo titolo


La Farfalla e il Leviatano

Indagini su Lewis Carroll

Medusa
€ 22,00
Quantità

pp. 182, nn. tavv. a colori e b/n f.t., Milano
data stampa: 2017
codice isbn: 978887698353

È Alice che ha sognato le sue avventure o lei stessa non è che una parvenza nel sogno del Re Rosso? La domanda con cui si conclude AI di là dello specchio ricorda quella che più di duemilatrecento anni fa il filosofo taoista Zhuang-zi si pose dopo aver sognato di essere una farfalla. Era lui ad aver sognato di essere una farfalla o era la farfalla che aveva sognato di essere Zhuang-zi? Questa analogia è il primo indizio in un'indagine sull'opera di Lewis Carroll che oltre al taoismo coinvolge, per citare solo alcuni dei territori in cui si inoltra, la logica dei paradossi e la teologia negativa, l'ambiente della Oxford vittoriana e il dibattito occidentale sul concetto di Nirvana, la tradizione filosofica inglese e la poesia del sufismo persiano. Con Zhuang-zi, tra le dramatis personae si fanno notare il vescovo filosofo George Berkeley e Jorge Luis Borges, il capitano Ahab e Gordon Pym, Giobbe e Thomas Hobbes, James
Legge, traduttore di Zhuang-zi, e F. C. S. Schiller, il filosofo pragmatista che, nascosto dietro allo pseudonimo Snarkophilus Snobs, commentò nel 190 I l'enigmatico poema di Carroll La caccia allo Snark.
La scommessa è quella di trovare il senso dei nonsenses carrolliani ricostruendo l'orizzonte culturale del loro autore con gli strumenti della storia e della filologia, senza rinunciare tuttavia a prendere atto di misteriose convergenze avvenute su un piano "sottile" della realtà di cui il sogno resta la migliore metafora.
A un certo punto dell'indagine, grazie alla Bibbia utilizzata secondo il suggerimento di Northrop Frye come Grande Codice, lo Snark assume i tratti del Leviatano, inteso secondo l'esegesi protestante come un simbolo della potenza e della sapienza divine.
In conclusione, viene confennata l'intuizione di Snobs che La caccia allo Snark sia una parabola sulla ricerca de li' Assoluto, mentre i paradossi dei libri di Alice, a cominciare dal Paradosso del Sogno da cui l'indagine ha preso il via, si rivelano dei koan che già alludono al grande tema metafisico che Carroll svolgerà nel poema.

Renato Giovannoli (1956) è bibliotecario, docente di filosofia e ricercatore indipendente nel campo della semiotica della cultura e dei cultural studies. La fiction e in particolare la letteratura fantastica, considerate in rapporto ai loro presupposti filosofici, sono al centro dei suoi interessi a partire da La scienza della fantascienza, di cui è uscita recentemente una terza edizione accresciuta e completamente rinnovata (Bompiani, 2015). Con Medusa ha pubblicato i saggi: Elementare Wittgenstein! Filosofia del racconto poliziesco (2007), Il vampiro innominato. Il "Caso Manzoni-Dracula" e altri casi di vampirismo letterario (2008), Jolly Roger. Le bandiere dei pirati (20 Il) e Come costruire' la Biblioteca di Babele. a dispetto degli errori di Borges (2015). È in preparazione l'edizione di La Bibbia di Bob Dylan (Àncora, 2017-2018), un suo commento in tre volumi del canzoniere dylaniano, letto in prospettiva biblica.

  • Accettiamo i seguenti pagamenti:
- Carta di credito
- Paypal
- Bonifico bancario
- Conto corrente postale
- Contrassegno Accettiamo i seguenti pagamenti: - Carta di credito - Paypal - Bonifico bancario - Conto corrente postale - Contrassegno
  • Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a. Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a.