Ricerca avanzata

Argomenti (categorie) ai quali appartiene questo titolo


Tags ai quali appartiene questo titolo

L'Uomo e il Suo Divenire Secondo il Vêdânta

Informatemi se questo titolo tornerà disponibile

x



€ 30,00
Quantità

premessa dell'autore, traduzione di Corrado Podd.
pp. 240,
data stampa: 1965
codice isbn: 6062

Fra tutti i libri di René Guénon L’uomo e il suo divenire secondo il Vêdânta è forse quello che più di ogni altro mostra l’impalcatura del suo pensiero. Sottintendendo, naturalmente, che tale pensiero non pretende di inventare nulla, ma soltanto di esporre con la massima precisione un pensiero che da sempre è: la Tradizione primordiale, la cui dottrina, secondo Guénon, non traspare mai con altrettanta precisione come nel pensiero vedantico.
Ma che cos’è il Vêdânta? Una delle sei «visioni» (darshana) che, secondo le più antiche testimonianze indiane, ci permettono di capire ciò che è. Tutte vere, ma ciascuna in rapporto a un certo livello della realtà. Il più alto, che consente di inglobare in sé ogni altro, è appunto quello del Vêdânta, «il ramo più puramente metafisico di tali dottrine». Così si può dire che il Vêdânta è una sorta di dottrina suprema. Nessuno ha saputo esporla in Occidente con l’evidenza assoluta che incontriamo in questo libro di Guénon. E nessuno ha saputo sgombrare il campo, con gesto altrettanto autorevole, dai numerosi, tipici equivoci occidentali intorno a tale dottrina, considerata da tanti una filosofia o una religione o «qualche cosa che partecipa più o meno dell’una o dell’altra», mentre non è in verità nulla di tutto questo. Come scrisse Daumal: «Se Guénon parla del Veda, pensa il Veda, è il Veda». È perciò naturale che proprio in questo libro Guénon si soffermi sugli aspetti costitutivi, sulla composizione fondamentale dell’uomo, del mondo e della realtà extra-cosmica – e a queste pagine occorre sempre tornare quando Guénon, in altre opere, applica le categorie qui delineate. L’uomo e il suo divenire secondo il Vêdânta apparve nel 1925.

Indice:

PREMESSA



  • Generalità sul Vêdânta

  • Distinzione fondamentale fra il « Sé » e l'« io »

  • Il centro vitale dell'essere umano, dimora di Brahma

  • Purusha e Prakriti

  • Purusha inalterato dalle modificazioni individuali

  • I gradi della manifestazione individuale

  • Buddhi o l'intelletto superiore

  • Manas o il senso interno; le dieci facoltà esterne di sensazione e d'azione

  • Gli involucri del « Sé »; i cinque vâyu o funzioni vitali

  • Unità ed entità essenziali del « Sé » in tutti gli stati dell'essere

  • Le differenti condizioni d'Âtmâ nell'essere umano

  • Lo stato di veglia o la condizione di Vaishwânara

  • Lo stato di sogno o la condizione di Taijasa

  • Lo stato di sonno profondo o la condizione di Pràjna

  • Lo stato incondizionato d'Âtmâ

  • Rappresentazione simbolica d'Âtmâ e delle sue condizioni figurata dal monosillabo sacro Om

  • L'evoluzione postuma dell'essere umano

  • Il riassorbimento delle facoltà individuali

  • Differenza delle condizioni postume secondo i gradi della Conoscenza

  • L'arteria coronale e il « raggio solare »

  • Il « viaggio divino » dell'essere verso la liberazione

  • La liberazione finale

  • Vidêha-mukti e jîvan-mukti

  • Lo stato spirituale dello Yogî: l'« Identità Suprema »


INDICE DEI TERMINI SANSCRITI

  • Accettiamo i seguenti pagamenti:
- Carta di credito
- Paypal
- Bonifico bancario
- Conto corrente postale
- Contrassegno Accettiamo i seguenti pagamenti: - Carta di credito - Paypal - Bonifico bancario - Conto corrente postale - Contrassegno
  • Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a. Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a.