Ricerca avanzata

Argomenti (categorie) ai quali appartiene questo titolo


Tags ai quali appartiene questo titolo

Illuminati e la Musica di Hollywood


€ 19,50
Quantità

traduzione dal francese a cura di Laura Gineprini, traduzione dall'inglese a cura di R. C.
pp. 320, nn. ill. b/n, Montevarchi (Ar)
data stampa: 2014
codice isbn: 978889830112

Domanda: Perché sembra che le celebrità del momento a Holywood  peschino tutte nello stesso pool genico di padri di nessun rilievo e madri single (Mel B, Kim Kardashian, Kimora Lee Simmons, Amber Rose, Nicole Murphy, Draya, Katt Stacks, ecc,ecc.), scambiandoseli l’un l’altra negli anni come fossero regali?
 Risposta: Perché c’è una parte di quelli che per comodità definiamo Illuminati (pur se appartenenti a una miriade di sette differenti) che fanno capo a  chi governa il mondo che si serve di schiavi sessuali (sia maschi che femmine) il cui compito è di mantenere le celebrità passive, non focalizzate, e possibilmente suscettibili alla dominazione ed al controllo totale da parte dell’elitè.Ecco perché purtroppo continuiamo a vedere sempre e solo gli stessi artisti e le stesse facce attorno a loro, cosa che accade anche se in forma diversa per via della professione  con le star del calcio e le varie veline specialmente qui da noi in Italia.
Sempre a livello italiano è particolarmente interessante il caso di Sara Tommasi (showgirl, attrice e modella italiana) che dopo il suo flirt con l’ex Primo Ministro Silvio Berlusconi  (si sempre lui…) ha affermato di aver fatto il patto col diavolo per ottenere il successo che ha avuto in passato, anche se poi  sembrerebbe  se ne sia pentita amaramente. In un video pubblicato su Youtube fatta da un noto intervistatore romano, Massimo Marino di  ViviRoma , progetto televisivo locale un pò trash ma molto apprezzato dal popolo della notte capitolina  al minuto 3:25 gli viene chiesto di  spiegare cosa siano quelle tre lettere “S” tatuate sulla sua spalla e lei risponde senza peli sulla lingua: “Soldi, sesso e successo… il patto col diavolo”. E poi continua rincarando la dose per rendere il concetto ancora più chiaro all’intervistatore: “Mai andare in chiesa, solo adorare il diavolo”. Infine dal minuto 4:15 la Tommasi accenna di una sua futura visita a Medjugorje facendosi però delle risate di incredulità verso Dio, deridendolo in maniera blasfema (min.5:05) e dicendo tra le altre cose: “Ma chi ci crede…” !
Nel mio nuovo libro non parlo della Tommasi,  ma dedico un piccolo spazio di approfondimento a un altra delle vittime del milieu Berlusconiano: Michelle Bonev che come tante donne dello spettacolo internazionale, come la stessa cantante Beyonce, si legano a questi uomini potenti per arrivare in cima alla piramide. Dal titolo del libro il cuore del problema si trova a Hollywood, non in Italia,  dove il “Diavolo” o meglio “Satana” quello  che il satanismo di tipo spirituale indentifica con il dio Enki, ha posto le basi del  suo successo un secolo fa e dove fu celebrata la prima Messa al mondo dell’infame culto di matrice  Luciferina noto come Thelema creato dall’illuminato e noto mago nero dedito alla Magia Sessuale  Aleister Crowley. Il pilastro centrale e il collante dell’esoterismo in fondo è  la MAGIA SESSUALE, utilizzata nei vari ambiti della stregoneria, del satanismo, del variegato mondo panteistico e del tantrismo sempre più popolare nel mondo dello spettacolo; la magia sessuale viene considerata come la sorgente di tutto il potere gestito dagli illuminati. L’uso del sesso per raggiungere  questi “poteri” appare così come il terreno comune di tutto ciò che è magico, occulto ed esoterico, unificando il tutto in un immenso crogiuolo pieno di vittime spesso ignare e sprovvedute come la Tommasi ma anche la povera Marilyn Monroe. Di sicuro oggi abbiamo artisiti molto più consapevoli che si votano anima e corpo senza ribellarsi a questo stato di cose.
Ma ha chi giova tutto ciò?
Nel mio nuovo libro ILLUMINATI, E LA MUSICA DI HOLLYWOOD vi introduco gradualmente al problema partendo dalla militarizzazione della musica che sta alle origini delle principali case discografiche. L’8 Novembre 1999 per esempio a riguardo della BMG tanto per citarne una, il Nation Magazine affermò che: “Contrariamente alla versione ufficiale della compagnia, Bertelsmann (N.d.A. e quindi la BMG) cooperò con i Nazisti nei tardi anni Trenta e nei primi anni Quaranta, pubblicando vario materiale di propaganda Hitleriana”.
C’è qualcun altro oltre a me che trova ironico come una compagnia una volta collegata al Nazismo possa ora rappresentare quella gente di cui una volta supportava l’uccisione? La BMG (Bertelsmann Music Group) Publishing controlla oltre un milione di copyright.   Società controllate dalla BMG:

  • Accettiamo i seguenti pagamenti:
- Carta di credito
- Paypal
- Bonifico bancario
- Conto corrente postale
- Contrassegno Accettiamo i seguenti pagamenti: - Carta di credito - Paypal - Bonifico bancario - Conto corrente postale - Contrassegno
  • Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a. Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a.