Ricerca avanzata

Argomenti (categorie) ai quali appartiene questo titolo


Protocolli dei Savi di Sion


€ 9,50
Quantità

introduzione e cura di Domenico Dario Curtotti.
pp. 192, Marina di Massa (Ms)
data stampa: 2011
codice isbn: 978889572018

"Mi è stato dato, da un amico personale ora defunto, un manoscritto il quale, con una precisione e chiarezza straordinaria, descrive il piano e lo sviluppo di una sinistra congiura mondiale…” Così esordisce l’introduzione del “prof. Sergey Nilus” al più celebre e discusso falso del XX secolo, i pretesi “protocolli” di una riunione cospirativa dei “savi anziani di Sion” per dominare le nazioni attraverso “un’aristocrazia a base plutocratica” che
consegnerebbe definitivamente il mondo nelle mani degli ebrei.

Opera della polizia segreta zarista, pubblicata per la prima volta in Russia nel 1903 e già dimostrata un falso nel 1921 dal Times di Londra, che ne indicava esattamente le fonti letterarie, i Protocolli hanno nondimeno trovato innumerevoli sostenitori durante tutto il ‘900, dai regimi totalitari europei fino al più recente antisemitismo islamico. 

L’idea del complotto dei Manipolatori Occulti, di cui i Protocolli costituiscono l’impressionante e insuperato archetipo, è certamente una delle grandi ossessioni del ‘900: il secolo, non dimentichiamolo, dei regimi totalitari, di destra e di sinistra, delle società di massa e delle democrazie corrotte, dei poteri sotterranei e delle trame massoniche, dell’onnipervadenza dei media, delle manovre planetarie della finanza. 

Che l’antisemitismo di ieri e di oggi si sia ostinato a propagandare con successo sempre rinnovato l’autenticità dei Protocolli di Sion è sicuramente l’ennesima, lampante prova della stupidità umana. Ma tolto l’antisemitismo, così radicato nell’ambiente storico in cui questo falso fu prodotto, siamo sicuri che gli insegnamenti dei Savi non rivelino verità profonde sulle ciniche trame di un secolo che è ancora più che mai il nostro? 
In quali e quanti complotti si è già incarnata la Diabolica Ossessione della favola di questo libro, l’Occulto Dominio plutocratico e mediatico dietro la messa in scena delle democrazie, fino all’Ultima Dittatura del mondo finalmente ‘globalizzato’? 

Sergey Alexandrovich Nilus nacque nel 1862 e morì nel 1929. Scrittore religioso russo, fu il primo a pubblicare I Protocolli dei savi di Sion nel 1905.

Indice:

Introduzione

1 Un libro sconcertante
2 Origine e fonti
3 L'antisemitismo russo
4 Protocolli:il quadro mitico-narrativo
5 L'insegnamento dei Savi
a) L'umana natura e illusione
b) Le manovre planetarie della finanza
c) I media
d) La cultura e le scuole
e) Gli apparati repressivi
6 Excursus storico: complotto e ossessione del complotto nel XX secolo
7 La Justine di de Sade e la teorica del Male assoluto
8 La leggenda del grande inquisitore
9 Il Dialogue Di Jolye e l'immoralità della politica
10 Conclusioni

I protocolli dei Savi Anziani di Sion Epilogo
Appendice
Metamorfosi di un mito
Indice

  • Accettiamo i seguenti pagamenti:
- Carta di credito
- Paypal
- Bonifico bancario
- Conto corrente postale
- Contrassegno Accettiamo i seguenti pagamenti: - Carta di credito - Paypal - Bonifico bancario - Conto corrente postale - Contrassegno
  • Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a. Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a.