Ricerca avanzata

Argomenti (categorie) ai quali appartiene questo titolo


Volevano un maschietto...

Dalla sottomissione alla libertà III

Amrita
€ 15,00
Quantità

traduzione di Daniela Muggia.
pp. 208, Torino
data stampa: 2010
codice isbn: 978888938278

Gina ha un dono che le sconvolge la vita, che la porterà da Dunkerque a Roma, da Kabul a New York, mettendola in contatto con alte personalità ufficiali (ma, soprattutto, non ufficiali) del pianeta. Ha però un tratto distintivo che condivide con altre ragazze: i suoi genitori volevano un maschietto. Ha dunque atteggiamenti, comportamenti riflessi e convinzioni maschili, e le ci vorranno incontri davvero sorprendenti perché possa finalmente ritrovare la sua autostima e le chiavi della propria vita. Questo libro ci svela il mondo delle donne che, nelle speranze dei loro genitori, avrebbero dovuto nascere maschi. Molte lettrici si riconosceranno, e molti lettori riconosceranno le donne che conoscono.
È anche la storia di una guarigione che ci tocca tutti da vicino, uomini e donne: la riconciliazione con il principio femminile che giace sepolto in noi quando non lo riconosciamo.
Non è un romanzo, anche se si legge come un romanzo.

Indice:

Volevano un maschietto...



  • Gina continua

  • Avevo imparato a giocare da sola

  • Assorbita dai dettagli della mia vita

  • I mesi passavano..

  • Era tardi… o forse presto

  • Nel frattempo, in un hangar

  • Gina è felice

  • Lontano da Roma

  • Mi preparavo all'incontro...

  • Il mio 'lavoro' cominciò già il giorno seguente

  • Molto lontano da lì...

  • Era una giornata simile a tutte le altre

  • Sergio non era avaro di informazioni

  • Quel tragitto in treno

  • Non so se mi ero guadagnata la fiducia

  • La vita è terribilmente realistica

  • Dovevo recarmi in un posto di frontiera

  • La scena si cancella

  • Trascorsi qualche ora in attesa dell'elicottero

  • Volavo, come mi era stato detto, in business class

  • Mi sorpresi a pregare

  • Finalmente il taxi si fermò

  • Non era il vento

  • New York è una città seducente

  • Eccolo lì

  • Quale ostacolo le impedisce di realizzare i suoi sogni?

  • Mi sentivo sempre meglio

  • Volevano un maschietto...

  • Gina continua

  • Avevo imparato a giocare da sola

  • Assorbita dai dettagli della mia vita

  • I mesi passavano..

  • Era tardi… o forse presto

  • Nel frattempo, in un hangar

  • Gina è felice

  • Lontano da Roma

  • Mi preparavo all'incontro...

  • Il mio 'lavoro' cominciò già il giorno seguente

  • Molto lontano da lì...

  • Era una giornata simile a tutte le altre

  • Sergio non era avaro di informazioni

  • Quel tragitto in treno

  • Non so se mi ero guadagnata la fiducia

  • La vita è terribilmente realistica

  • Dovevo recarmi in un posto di frontiera

  • La scena si cancella

  • Trascorsi qualche ora in attesa dell'elicottero

  • Volavo, come mi era stato detto, in business class

  • Mi sorpresi a pregare

  • Finalmente il taxi si fermò

  • Non era il vento

  • New York è una città seducente

  • Eccolo lì

  • Quale ostacolo le impedisce di realizzare i suoi sogni?

  • Mi sentivo sempre meglio

  • Accettiamo i seguenti pagamenti:
- Carta di credito
- Paypal
- Bonifico bancario
- Conto corrente postale
- Contrassegno Accettiamo i seguenti pagamenti: - Carta di credito - Paypal - Bonifico bancario - Conto corrente postale - Contrassegno
  • Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a. Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a.