Argomenti (categorie) ai quali appartiene questo titolo


Lettere dall'Italia


Disponibile in copia unica
€ 40,00
Quantità

traduzione di Enrico de Boccard e Francesca Gauttieri di Monferrato.
pp. 358, 12 tavv. b/n f.t., Roma
data stampa: 1969
codice isbn: 7368

Il ritratto che Diderot, in uno dei suoi «Salons», ci dà del De Brosses, quella sua «petite tête gaie, ironique et satirique», sorride maliziosamente in tutte le pagine delle «Lettere dall'Italia».
Questo del viaggiare è, in Francia, un gusto particolare del XVIII secolo, una sollecitazione che invita alla ricerca, all'evasione, alla conoscenza diretta del mondo e delle persone e ne ripropone, al termine, il raffinato piacere del racconto.
E' chiaro che ogni cronaca, ogni narrazione, ogni diario risente della personalità dell' autore: De Ligne, Gautier, Stendhal offrono, ciascuno, una personale dimensione dell'angolo di mondo conosciuto.
Accanto ad essi si allinea De Brosses: curioso, sorridente, ironico. Il viaggio, per lui, ha ugualmente sapore di avventura; la sua intelligenza e i suoi sensi sono pronti a registrare ogni emozione, ma il tutto è filtrato da quella sua maniera ricca che, secondo Stendhal, «dit beaucoup et des choses très fortes, en peu de mots et très clairement, avec grâce sans pédanterie» e maliziosamente annota particolari e aneddoti.
Ne nasce una visione dell'Italia non consueta in questi diari: l'arte non rappresenta la chiave della scoperta del nostro Paese; il paesaggio vi fa da sottofondo, per quel che le strade e i luoghi procurano di piacere o di disagio, oltreché per la loro intrinseca bellezza. Quel che vi domina però, è la gente, gli italiani, in una Italia del '700: uomini e donne considerati e ritratti nel loro modo di vivere, nelle loro debolezze, nelle loro consuetudini e nelle loro feste, nelle celebrazioni e nelle avventure, nella vita pubblica e privata, e sempre si manifesta vivissima la capacità di rappresentazione dell'Autore, con le sue acute osservazioni sui personaggi e sull'ambiente.
Gaio, ironico, malizioso, dunque il De Brosses, ma anche, inaspettatamente toccato da una «reverie» tutta romantica quando confessa: «C'est souvent à moi-même que j'écris ici, et pour revoir à mon retour une seconde fois ce qui m'aura amusé dans ma promenade ...» così che la narrazione, fondendo esperienze e ricordi, raggiunge un equilibrio che può ben definirsi esemplare.

  • Accettiamo i seguenti pagamenti:
- Carta di credito
- Paypal
- Bonifico bancario
- Conto corrente postale
- Contrassegno Accettiamo i seguenti pagamenti: - Carta di credito - Paypal - Bonifico bancario - Conto corrente postale - Contrassegno
  • Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a. Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a.