Argomenti (categorie) ai quali appartiene questo titolo


Storia di Mar Yahballaha e di Rabban Sauma

Informatemi se questo titolo tornerà disponibile

x

Un orientale in Occidente ai tempi di Marco Polo

Zamorani
€ 24,00
Quantità

premessa e introduzione dell'autore.
pp. 304, ill. b/n, Torino
data stampa: 2000
codice isbn: 978887158089

Marco Polo, Guglielmo di Rubruck, Giovanni di Pian di Carpine... i viaggiatori europei che nel XIII-XIV secolo si spinsero in Oriente sono ben noti. Molto meno lo sono coloro che percorsero l'itinerario inverso: in quegli anni, infatti, vari orientali giunsero in Occidente, inviati dai mongoli come ambasciatori presso le corti europee. Di essi non sappiamo quasi nulla: se ne conosce a malapena il nome, approssimativamente trascritto nei documenti d'archivio com'era suonato alle orecchie europee.
La Storia di Mar Yahballaha e di Rabban Sauma, un testo siriaco del XIV secolo, colma questa lacuna. Ci presenta infatti la personalità e le impressioni di Rabban Sauma, che visitò l'Italia e la Francia tra il 1287 e il 1288 come ambasciatore del khan mongolo Arghun. Monaco nato in Cina, lasciò un resoconto scritto del proprio viaggio, rimaneggiato e inserito nell'opera storico-biografica qui tradotta e commentata. Oltre al viaggio, la Storia narra le vicende della chiesa d'Oriente nell'ultima parte del XIII secolo, nell'Iran governato dai mongoli, ed è una ricca e vivace testimonianza su di un momento storico cruciale per il vicino Oriente e l'Europa.

"La letteratura di viaggio ha una storia antichissima, oggi in via di estinzione perché a colmare insormontabili distanze provvedono i mezzi di informazione e la tecnica - pronti a fornire surrogati d'avventure. Se è ben nota una certa, soprattutto medioevale, scrittura di viaggio che procede da Occidente verso Oriente - Marco Polo, per far soltanto un esempio - assai meno lo è quella che dall'antichità alla prima età moderna segnava la direzione opposta. Qualche apocrifo disseminato qua e là per i secoli ci regala fra il resto la leggenda di Eldad il Danita che nel X secolo o giù di lì lasciò misteriosamente la terra dove risiedevano le dieci tribù perdute d'Israele - situata in un indefinibile chissà dove - e approdò in Europa apposta per narrare la propria storia. Decisamente più attendibile è la cronaca di Mar Yahballah e di Rabban Sauma, due monaci d'Oriente - il secondo nato addirittura in Cina -: nel XIII secolo uno di loro giunge nel cuore del nostro continente dalle lande più remote. […] Dentro occhi che giungono tanto da lontano, l'Occidente diventa generoso di meraviglie, e il mondo sembra sottosopra: chissà che non lo sia davvero." (Elena Loewenthal, "La stampa" 25-11-2000)
 
Pier Giorgio Borbone, docente di Lingua e letteratura ebraica all'Università di Pisa, "Fellow" del Leiden Institute for the Study of Religion dell'Università di Leiden (NL), si occupa di letteratura siriaca e di filologia biblica.

  • Accettiamo i seguenti pagamenti:
- Carta di credito
- Paypal
- Bonifico bancario
- Conto corrente postale
- Contrassegno Accettiamo i seguenti pagamenti: - Carta di credito - Paypal - Bonifico bancario - Conto corrente postale - Contrassegno
  • Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a. Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a.