Ricerca avanzata

Argomenti (categorie) ai quali appartiene questo titolo


Dio e Contemplazione in Aristotele

Informatemi se questo titolo tornerà disponibile

x


Il fondamento metafisico dell'«Etica Nicomachea»

Vita E Pensiero
€ 15,50
Quantità

introduzione e traduzione di Giovanni Reale, con la collaborazione di Vincenzo Cicero
pp. XVI-224, Milano
data stampa: 1999
codice isbn: 978883430185

In questo libro Dudley cerca di dimostrare l'inesattezza della tesi secondo cui nelle Etiche di Aristotele non verrebbe espresso, almeno in modo chiaro, proprio ciò che costituisce il fondamento ultimativo della dottrina morale aristotelica.

In effetti, dice Dudley, il fondamento ultimativo non solo viene espresso con chiarezza dallo Stagirita, ma viene altresì ribadito più volte e in modo cospicuo, anche se, potremmo dire, non in quella maniera che l'uomo di oggi, sulla base dei propri criteri, esigerebbe. Tale fondamento è Dio, come causa finale: la felicità dell'uomo (scopo supremo dell'etica) ha una «somiglianza» con quella degli Dei, il che significa che l'uomo è felice imitando il divino. In altri termini, la natura e vita di Dio viene intesa da Aristotele come un modello per la vita umana perfetta, ossia come paradigma normativo e come misura assiologica.

Aristotele riprende dunque, adattandola alla propria ottica, la tesi platonica secondo cui la vita perfetta dell'uomo è una «imitazione di Dio». Nel corso del volume Dudley non solo dimostra come questa tesi sia fondamentale per il sistema etico di Aristotele, ma cerca anche di evidenziare, in vari modi, le diverse argomentazioni con cui il filosofo prova questo asserto.

  • Accettiamo i seguenti pagamenti:
- Carta di credito
- Paypal
- Bonifico bancario
- Conto corrente postale
- Contrassegno Accettiamo i seguenti pagamenti: - Carta di credito - Paypal - Bonifico bancario - Conto corrente postale - Contrassegno
  • Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a. Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a.