• Prezzo scontato

Argomenti (categorie) ai quali appartiene questo titolo


Tags ai quali appartiene questo titolo

Il Viaggio in Occidente

2 Volumi

Luni
€ 60,00
€ 57,00 Risparmia 5%
Quantità

versione integrale italiana, traduzione di Serafino Balduzzi.
vol. 1 pp. XXXVII-762, vol. 2 pp. 763-1548, Milano
data stampa: 2013
codice isbn: 978887984383

Il libro è il punto d’arrivo dell’elaborazione leg­gendaria intorno al viaggio compiuto fra il 629 e il 645 dal monaco Xuanzang, detto Tripitaka, per recarsi dalla Cina all’India a raccogliere sutra bud­disti. In effetti Tripitaka riportò in patria e tradus­se una porzione considerevole dell’attuale canone buddista. Inoltre il monaco ci ha lasciato una bella relazione del suo viaggio lungo la perigliosa Via della Seta, punteggiata dagli scheletri di uomini e animali da soma che vi perivano. Ancora all’inizio del ventesimo secolo, al tempo delle prime esplo­razioni dei luoghi e razzie di reperti, questo reso­conto risultava sufficientemente circostanziato da renderlo parte obbligata del bagaglio degli arche­ologi europei.
Sir Aurel Stein, mandatario del British Museum e del governo anglo-indiano – quando seppe che Wang, il custode di un tempio buddista di Tun­huang, punto di partenza cinese della Via della Seta, aveva scoperto una grotta contenente cinque metri cubi di antichissimi rotoli buddisti – per ela­borare una strategia d’attacco all’ingenuo monaco non trovò di meglio che vantare la comune devo­zione a Tripitaka. Ma già prima del 1000 (e quindi dei rotoli di Tun­huang) circolavano leggende e cantafavole che facevano della spedizione di Xuanzang un’avven­tura fantastica. L’autore del Viaggio in Occidente si tiene alla larga dalla relazione autentica e racco­glie ogni fola. Vi aggiunge tutti i miti correnti nel paese, miti indiani (contatti col Râmâyana) forte­mente sinizzati, frottole di cantastorie, aneddoti popolari, detti e proverbi in quantità. Non basta: vi aggiunge parecchie invenzioni di tasca sua.
Il libro non è una collezione di materiali, ma è l’opera di una personalità spiccata, comunque si chiami (poniamo pure Wu Cheng’en): un uomo che l’ha fuso in un insieme coerente, vi ha sfogato i propri umori, ha dato il volo alla propria fantasia. In Cina questo è un libro di tutti. Al tempo dei Ming si leggeva nelle piazze; oggi il suo protagoni­sta, Scimmiotto, è popolare come Topolino.
Nel canone dei romanzi classici cinesi, questo è il più corto. Tutto è relativo: la grande giostra di avventure e di personaggi, che mostra in azione mentalità, ambienti e costumi, e illustra un po’ tut­te le mitologie correnti in Cina, occupa comunque molte pagine, ma inventiva, umorismo sorridente a satira corrosiva ne fanno, a sorpresa, una lettura fresca e divertente, e la struttura a episodi relati­vamente indipendenti lo rende ancor più accessi­bile.
Questa è la prima edizione integrale di un grande romanzo classico cinese che sia mai stata pubbli­cata in Italia.

  • Accettiamo i seguenti pagamenti:
- Carta di credito
- Paypal
- Bonifico bancario
- Conto corrente postale
- Contrassegno Accettiamo i seguenti pagamenti: - Carta di credito - Paypal - Bonifico bancario - Conto corrente postale - Contrassegno
  • Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a. Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a.