Ricerca avanzata

Argomenti (categorie) ai quali appartiene questo titolo


Credenze Religiose della Cina Antica

Supplemento N. 1 a <em>Cina</em>

Disponibile in copia unica
€ 14,00
Quantità

traduzione dal tedesco di Julius Evola
pp. 90, Roma
data stampa: 1958
codice isbn: 3147

Per lungo tempo, circa la religione cinese hanno predominato idee strane non meno di quelle che si sono avute sulla Cina in genere. Essa è stata considerata come un fenomeno a sé e le si sono volute perfino negare le caratteristiche essenziali di ogni religione, di ogni mitologia e di ogni sacerdozio. Da uno studio più approfondito è invece risultato, che la religione cinese in nulla si differenzia da quelle degli altri popoli, tranne che, in certi punti non essenziali in cui le peculiarità dello sviluppo complessivo della civiltà cinese hanno dato luogo ad alcune divergenze.

Come lo mostrano l'antropologia e l'archeologia unitamente ai risultati degli studi sulla lingua, sulla scrittura, sui costumi, sui riti e sulla tradizione dell'umanità estremo-orientale, l'evoluzione di questa si è compiuta in piena indipendenza dal ciclo della civiltà mediterraneo-occidentale e, in ultima analisi, è stata l'opera di uno speciale tipo umano, il Sinanthropus, che, per varie caratteristiche antropologiche rilevabili nei suoi resti - in particolare per la forma delle mascelle e per la posizione dei denti - appare essere il progenitore diretto dell'uomo cinese di oggi. Questo cinese dei primordi, sebbene avesse appena superato lo stadio animalesco, si trovava già al livello di una cultura paleolitica non insignificante che si può far corrispondere a quella europea del periodo prechelleano, e sembra che possedesse alcune particolari idee religiose. Effettivamente, nelle caverne di Chou-k'ou-tien, vicino a Pechino, luogo dei principali ritrovamenti relativi al Sinanthropus e alla sua cultura, è stato anche rinvenuto un gran numero di crani separati dal tronco e messi insieme, cosa che, in base a ritrovamenti dello stesso genere fatti nell'area della preistoria europea e ad analogie con quanto è proprio alle sopravvissute popolazioni primitive, farebbe pensare ad un culto dei crani. Ma, disgraziatamente scavi più recenti hanno dimostrato che il numero dei crani non supera il numero delle altre ossa. Tale ipotesi quindi non è più sostenibile. E' possibile che il Sinanthropus avesse già alcune idee religiose, ma è ancora impossibile stabilire quali. Sia questa ipotesi giusta o meno, basta il fatto che tutto ciò che si è potuto accertare riguardo alla religione cinese delle origini indica che l'animismo e la magia - che dell'animismo è controparte inseparabile e che secondo l'opinione di certi etnologi sarebbe ancor più antica di esso, per cui viene anche chiamato pre-animismo caratterizzarono lo stato più vetusto della esperienza religiosa dei cinesi.

Indice:

Il sacerdozio sciamanico


Gli spiriti


Gli dei antropomorfici


Le usanze sepolcrali


Le divinità della natura

  • Accettiamo i seguenti pagamenti:
- Carta di credito
- Paypal
- Bonifico bancario
- Conto corrente postale
- Contrassegno Accettiamo i seguenti pagamenti: - Carta di credito - Paypal - Bonifico bancario - Conto corrente postale - Contrassegno
  • Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a. Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a.