Argomenti (categorie) ai quali appartiene questo titolo


Tags ai quali appartiene questo titolo

Antonio Da Padova


Rusconi
Disponibile in copia unica
€ 16,00
Quantità

prima edizione, dedica dell'autore autografa,
pp. 220, Milano
data stampa: 1981
codice isbn: 6871

È abbastanza sorprendente che alla diffusa popolarità di sant'Antonio da Padova (1195-1231) si contrapponga generalmente una scarsa conoscenza del personaggio storico. Che tipo era Antonio? Quali pensieri e interessi lo muovevano e quali scelte determinanti ha effettuato, quali le vittorie e le sconfitte da mettere nel conto? La sua figura assume rilievo nella suggestiva cornice medioevale europea così ricca di eventi e di fermenti; in essa spiccano personaggi di grande rilievo come Federico II di Svevia e papa Gregorio IX, accanto ai quali la figura di Antonio sembra distinguersi per la singolare ed appassionante vicenda umana.
Di origine nobile e di formazione agostiniana, egli si fa frate minore e, in contrasto con Francesco, apre all'ordine la via della cultura e degli studi teologici, combatte a modo suo l'eresia e l'usura, scrive due libri che Dante legge e tiene in gran conto, sviluppa un intenso rapporto con le università di Bologna, Tolosa, Montpellier, Padova, collabora coi benedettini e i domenicani, attacca i vescovi e i preti che danno scandalo, è ritroso a frequentare la curia romana. Muore a 36 anni, suscitando una lotta armata per il possesso della sua salma.
Dalla ricomposizione dell'Antonio storico - dell'intellettuale curioso e aggiornato, del docente e dello scrittore ricercato dai dotti, del predicatore che infiamma la folla -, e quindi dalla rivisitazione critica dell'uomo e dello studioso, emerge sorprendentemente un personaggio ignorato o per lo meno pregiudizievolmente trascurato nelle sue caratteristiche. Questa nuova biografia, rigorosa e di accattivante lettura, senza nulla togliere all'immagine tradizionale che di Antonio mantengono i devoti, offre un ritratto a tutto tondo rivelatore di aspetti inediti e originali della sua personalità. Paolo Scandaletti ha inserito attentamente questa "storia" nello spaccato suggestivo dell'epoca medioevale cercando anche di spiegare come e perché questo frate lusitano abbia scelto Padova come città del cuore e quale recondito rapporto si sia instaurato con essa. Egli ha indagato con fervido impegno sul fenomeno antoniano e sui suoi sorprendenti sviluppi, sulle testimonianze di altri santi, di papi e di grandi artisti (come Donatello e Tiziano) e ha allargato l'indagine agli aspetti che in qualche modo sono stati influenzati dalla grande personalità del santo. Ne risulta una lettura avvincente, un contributo nuovo e originale agli studi su sant'Antonio da Padova.

Antonio non faceva politica; ma la sua lotta alle sopraffazioni e alle ingiustizie, mossa da intenti religiosi, serviva anche a ricomporre il tessuto sociale, frantumato dal mito del far denaro: un'" arte" che presto aveva sbarazzato il vivere civile da regole e scrupoli e riservato la maggiore considerazione ai più abili e spregiudicati. Per molti, quella di Antonio è stata una testimonianza scomoda, un termine di paragone piuttosto imbarazzante. In lui parole e vita scorrevano con naturalezza sul medesimo binario, prediche e scelte formavano un tutt'uno compatto e coerente. Così, proiettato nella storia per mano di Dio, vi portò un certo scompiglio, ma riuscì come pochi a sprigionare negli uomini anche la fede e l'amore, portando molti dalla sua parte, quella del messaggio evangelico. Dalle bolle pontificie del 1231 e del 1232, emanate per esaltarne la santità e proporne il culto, tutto ciò appare già decisamente nitido e spiega i motivi per i quali, oltre ogni consuetudine e dandone garanzia personale ai cardinali titubanti, Gregorio IX lo pose sugli altari in soli undici mesi. E quanto il papa avesse ragione è provato dal Il fenomeno antoniano" ,innescatosi subito dopo la morte e cresciuto per sette secoli e mezzo, sino a fare oggi di Antonio il santo più venerato del mondo.

Paolo Scandaletti, padovano di nascita e romano d'adozione, è giornalista di mestiere e scrittore per passione. Ha iniziato la professione per la via maestra della cronaca a « L'Avvenire d'Italia », è passato poi a « Il Gazzettino» per il quale ha viaggiato in Italia e in vari paesi del mondo. Ha realizzato inchieste sui partiti e le forze sociali, specializzandosi infine nel commento politico.
Ha pubblicato: Veneto ottanta (1972), Le tentazioni del compromesso (1976) col quale è stato finalista al Premio Estense, La fine del compromesso (1979) e Un papa dalla Polonia con Bogumil Lewandowsky e Blazej Kruszylowicz (1979).

  • Accettiamo i seguenti pagamenti:
- Carta di credito
- Paypal
- Bonifico bancario
- Conto corrente postale
- Contrassegno Accettiamo i seguenti pagamenti: - Carta di credito - Paypal - Bonifico bancario - Conto corrente postale - Contrassegno
  • Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a. Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a.