Argomenti (categorie) ai quali appartiene questo titolo


Tags ai quali appartiene questo titolo

Confutazione delle Religioni

Informatemi se questo titolo tornerà disponibile

x


€ 16,00
Quantità

a cura di Rossana Barcellona, prefazione di Manlio Sgalambro, traduzione di Anna Vasta.
pp. 170, Catania
data stampa: 1993
codice isbn: 978888014006

Il naturalismo outré dell'opera da cui è tratto questo scritto, De admirandis Naturae deaeque mortalium arcanis, non è scopo a se stesso. Vanini ha un suo modo di scrivere che fa presagire segreti. Le ossessionanti citazioni dal Cardano, dallo Scaligero o da Pomponazzi, per dirne alcune, servono a nascondere e a fare apparire in un giuoco impertinente, tre o quattro cose su Dio, tre o quattro battute, sulla vita, buttate come a caso e di cui ci si rende conto, forse, troppo tardi. Un ateo? Ma nemmeno per sogno. Un libertino? Troppo poco. Un esprit fort? Certamente. Un empio? Sicuramente. Ecco Vanini. Uno che giuoca il giuoco dell'empietà per intero. Audacia ed erudizione, questo è il suo motto, il suo segno araldico. Tutto ciò che egli dice, è detto ironice. Egli muore, persino, ironicamente. Avviandosi al rogo, un monaco gli presenta il crocifisso da baciare. Ma egli rifiuta. Non accetta, con divina superbia, l'elemosina del paragone con Cristo che, davanti alla morte egli dice, trema e suda di paura e afferma di sé invece "ego imperterritus morior".
Il De admirandis fu pubblicato nel 1616, in settembre. In ottobre era già esaurito.

Indice:

  • Accettiamo i seguenti pagamenti:
- Carta di credito
- Paypal
- Bonifico bancario
- Conto corrente postale
- Contrassegno Accettiamo i seguenti pagamenti: - Carta di credito - Paypal - Bonifico bancario - Conto corrente postale - Contrassegno
  • Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a. Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a.