Ricerca avanzata

Argomenti (categorie) ai quali appartiene questo titolo


L'Occidente in Asia 1850-1914

l'era dell'imperialismo

Ferro Edizioni
Disponibile in copia unica
€ 15,00
Quantità

presentazione di Ferdinando Vegas, prefazione dell'autore, traduzione dall'inglese di Luciana Marchi Pugliese.
pp. 256, 6 cartine b/n f.t., Milano
data stampa: 1968
codice isbn: 6853

La persona attenta ai grandi avvenimenti detta storia, lo studioso, lo studente, il pubblicista, troveranno in questo libro una ricca massa di informazioni, criticamente vagliate e sistemate, circa due fenomeni storici, strettamente connessi e intrecciati: le vicende dell'Asia, dal 185O al 1914, sotto l'urto del colonialismo e poi dell'imperialismo europei; e quella che si può ben chiamare una 'storia europea fuori d'Europa' che è sempre, nonostante la localizzazione geografica, una parte integrante della storia d'Europa.
Sin dagl'inizi del sedicesimo secolo l'Asia è stata in continuo contatto con l'Occidente, senza tuttavia dar luogo a 'conquiste' se non minime. Ma a partire dalla metà del diciannovesimo secolo l'urto occidentale divenne intenso e corrosivo: in quasi ogni nazione asiatica l'élite dirigente veniva rimpiazzata da un potere imperiale oppure veniva trasformata in una 'facciata' al servizio dell'amministrazione coloniale. Le lotte per avere un impero diedero alle potenze occidentali un nuovo spazio per le loro tradizionali rivalità, fino a quando lo scoppio della Grande Guerra riportò in Europa il campo della lotta.
Gli studi recenti hanno preso in considerazione soprattutto gli effetti dell'imperialismo sulle nazioni soggette. Ora questo libro cerca di equilibrare tale direzione di ricerca esaminando l'espansione coloniale dell'Occidente in Asia da un punto di vista europeo anche se, ovviamente, in maniera non esclusiva: studia cioè l'aggressione e il modo in cui l'Oriente divenne campo di battaglia e di sfruttamento da parte di imperialismi rivali. E si riesce a veder quanto complesse siano state le motivazioni dell'espansionismo europeo: se la bandiera inglese seguì l'azione dei grandi mercanti, il desiderio francese di avere un impero aveva origini culturali e religiose mentre la penetrazione russa in Asia poggiava anzitutto su ragioni politiche e strategiche. Gli stessi imperialisti, poi, non separavano in maniera consapevole i motivi economici dalle aspirazioni politiche o dalle convinzioni culturali: il potere economico simbolizzava in certo modo la superiorità della civiltà occidentale. E quale fosse per l'Occidente l'effettivo profitto dell'imperialismo, è un argomento che quest'opera analizza accuratamente insieme al corrispettivo costo per l'Oriente.
Si può ben dire che questo Occidente in Asia contiene i dati essenziali per comprendere l'attuale 'risposta' degli asiatici alla 'sfida' occidentale.

Michael Edwardes è una autorità nelle questioni asiatiche e autore di importanti opere come Asia in the European Age, Last Years of British India e la recentissima British India 1772-1947 ed è già conosciuto e apprezzato dal lettore italiano per altre duee opere tradotte: Storia dell'India dalle origini ai nostri giorni (Bari 1966 e Asia al bivio Milano 1962).

  • Accettiamo i seguenti pagamenti:
- Carta di credito
- Paypal
- Bonifico bancario
- Conto corrente postale
- Contrassegno Accettiamo i seguenti pagamenti: - Carta di credito - Paypal - Bonifico bancario - Conto corrente postale - Contrassegno
  • Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a. Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a.