• Prezzo scontato

Argomenti (categorie) ai quali appartiene questo titolo


Tags ai quali appartiene questo titolo

La Pittura Murale di Tunhuang


Garzanti
Libro d'occasione, recante eventuali tracce d'uso
Disponibile in copia unica
€ 45,00
€ 42,75 Risparmia 5%
Quantità

traduzione di Luisa Mottini De Roberto
pp. 142, nn. tavv. a colori, Milano
data stampa: 1962
codice isbn: 6574

Le grotte di Tunhuang si trovano a una ventina di chilometri dalla località omonima, sul confine occidentale della provincia di Kansu della Cina nordoccidentale. Furono ricavate dall'uomo nel fianco di una collina alluvionale che porta il nome di Mokau - donde, talvolta, la denominazione di grotte di Mokau - erta sopra il corso di un fiumicello che scende dall'Altyn-Tagh.

Le grotte furono scavate, ordinate e decorate tra il V e il XIV secolo. Al tempo del loro massimo splendore, sotto la dinastia T'ang (618-906), se ne contavano più di un migliaio. Col passare dei secoli, sabbia e vento ne hanno distrutte più della metà. Secondo gli ultimi rilievi effettuati dall'Istituto di Ricerche di Tunhuang, ne rimangono attualmente 486.

Le pitture e le sculture rimaste costituiscono oggi uno dei complessi più interessanti che l'ispirazione, il talento e la pazienza degli uomini abbiano mai prodotto.

In un'epoca come la nostra in cui l'umanità ha raggiunto per la prima volta la certezza quasi tangibile di avere in se stessa i mezzi per il suo annientamento o quanto meno per un ritorno allo stato che precedette gli albori della civiltà e di essere essa sola responsabile dei suoi futuri sviluppi, può essere assai illuminante rievocare l'esempio di Tunhuang.

Tunhuang fu infatti uno di quei grandi centri in cui confluirono e si fusero credenze, aspirazioni, tradizioni e tecniche appartenenti a civiltà la cui area geografica si estende dalle coste del Mar della Cina all' Asia Minore, e comprende l'Asia centrale e, a sud, il continente indiano.

Le pitture di Tunhuang attestano quale ruolo sostennero nell'alto Medioevo queste regioni della Cina situate ai confini del deserto di Gobi, non lontano dall' Alta Valle del Fiume Giallo, dove apporti ellenistici si sovrapposero a correnti venute dall'India e dall'Iran, per unirsi felicemente al flusso vigoroso della civiltà cinese.

L'arte di Tunhuang appare quindi come una testimonianza di particolare valore. In un certo senso gli umili artisti e artigiani che ricoprirono le grotte con le loro pitture e sculture, smentirono avanti lettera la celebre frase di Rudyard Kipling: «L'Occidente è l'Occidente, l'Oriente è l'Oriente e non si incontreranno mai. »

Indice:

Tunhuang, bastione avanzato della Cina sotto la dinastia Han  

Tunhuang, grande centro di comunicazione sulla via della seta

La leggenda del Buddha 

La diffusione del buddismo 

Il Grande Veicolo o Mahayana 

La propagazione del buddismo in Cina 

Tunhuang e la storia della Cina tra la creazione delle prime grotte e la dinastia Yuan

Tunhuang tra il XIII e il XX secolo

L'architettura delle grotte 

La tecnica dei dipinti

Rapporti tra la pittura e la scultura 

La pittura di Tunhuang nell' arte buddista e in quella cinese 

Tavola delle dinastie della Cina

Bibliografia essenziale

Carta della Cina


  • Accettiamo i seguenti pagamenti:
- Carta di credito
- Paypal
- Bonifico bancario
- Conto corrente postale
- Contrassegno Accettiamo i seguenti pagamenti: - Carta di credito - Paypal - Bonifico bancario - Conto corrente postale - Contrassegno
  • Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a. Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a.