• Prezzo scontato

Argomenti (categorie) ai quali appartiene questo titolo


Tags ai quali appartiene questo titolo

Attesa di Dio

Informatemi se questo titolo tornerà disponibile

x



Rusconi
€ 15,00
€ 14,25 Risparmia 5%
introduzione e cura di J.-M. Perrin, traduzione dal francese di Orsola Nemi.
pp. 184, Milano
data stampa: 1991
codice isbn: 978881859937

Perché Attesa di Dio? La spiegazione si trova nelle stesse parole di Simone Weil: «I beni più preziosi non devono essere cercati ma attesi ». L'affermazione rispecchi a la fulgente e contraddittoria personalità dell'autrice, qui rivelata da un enigma religioso che fu il suo tormento ma anche la sua ragione di vita.
L'enigma viene gradualmente dipanato dai testi riuniti in questo volume che fu amorevolmente curato da padre Jean-Marie Perrin, corrispondente spirituale di Simone Weil. Attraverso le lettere, le riflessioni, il saggio sul Pater noster e gli «ultimi pensieri», Simone Weil precisa i termini del suo conflitto interiore.
Attesa di Dio propone una domanda: per quali motivi Simone Weil rimase ai margini del cattolicesimo, sulla «soglia della Chiesa», anziché entrarvi? Avrebbe risposto alla sua più viva aspirazione, quella di partecipare al mistero di Cristo. Benché di famiglia ebrea, Simone ebbe coscienza della sua vocazione cristiana fin dall'infanzia. Tuttavia esitò sempre, ritenendosi indegna dei sacramenti, imperfetta e insufficiente.
L'esperienza religiosa della «mistica rivoluzionaria» francese rivive e giganteggia nelle pagine di Attesa di Dio. In questi straordinari testi, Simone Weil assurge a inimmaginabili altezze di pensiero, sempre tesa al sovrannaturale, proiettata verso una straziante purezza interiore. Attesa di Dio trasfigura la parabola di un' anima che visse sempre in volontario esilio, straniera a tutti ma in diretto colloquio con quella «divinità nascosta» dalla quale attendeva un segno, un messaggio, un ordine.

Simone Weil nacque a Parigi nel 1909 da un'agiata famiglia ebrea dalla quale non ricevette alcuna educazione religiosa. D'intelligenza precoce, studiò presso l'École Normale e si laureò nel 1931, dedicandosi poi subito all'insegnamento. La scoperta della condizione operaia la avvicinò ben presto al sindacalismo e la spinse anche a sperimentare di persona la vita di fabbrica. Nel 1936 partì per la Spagna, dove contava d'unirsi agli antifranchisti. Al 1938, dopo una settimana santa trascorsa a Solesmes, risale l'inizio del suo interesse per i problemi religiosi, destinati a diventare centrali nell'ultimo scorcio della sua vita. Nel 1940, all'arrivo dei tedeschi, lasciò Parigi per rifugiarsi a Marsiglia. Nel 1942 partì con la famiglia per New York, di dove subito volle passare a Londra nella speranza di partecipare direttamente alla lotta antinazista. Ma mori in un sanatorio nel 1943. I suoi principali scritti (L'ombra e la grazia, Attesa di Dio, La prima radice, Lettera a un religioso, La condizione operaia, Oppressione e libertà, ecc.) apparvero postumi.

  • Accettiamo i seguenti pagamenti:
- Carta di credito
- Paypal
- Bonifico bancario
- Conto corrente postale
- Contrassegno Accettiamo i seguenti pagamenti: - Carta di credito - Paypal - Bonifico bancario - Conto corrente postale - Contrassegno
  • Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a. Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a.