Argomenti (categorie) ai quali appartiene questo titolo


Droghe Tribali


Shake
€ 12,00
Quantità

pp. 112, Milano
data stampa: 2012
codice isbn: 978889710926

Cibi divini, alimenti per l'anima o strumenti visionari per il contatto col mondo sovrannaturale? Queste sono alcune delle principali ragioni per le quali le popolazioni tribali assumono droghe, attraverso l'ingestione di centinaia di formiche rigorosamente vive, lo scorticamento di parti di pelle per assorbirne gli effetti attraverso la ferita, la golosa ricerca di putrefazioni cadaveriche umane o l'istillazione negli occhi di corrosivo succo di millepiedi. Nonostante l'apparente irrazionalità, c'è tanto significato, umanità ed emozione in questi comportamenti estremi.

Nella cultura occidentale si continua a vedere le droghe come una forma di fuga dalla realtà. Nel mondo tradizionale - ma anche in alcuni ambiti del mondo moderno occidentale - il suo uso invece è ampiamente dettato da motivazioni differenti, spesse volte con l'opposto intento di "vedere meglio la realtà": come negli scopi spirituali-religiosi, sciamanico-terapeutici, magico-divinatori, iniziatico-pedagogici, come correttivi del carattere, per scopi giudiziari, o come viatici pre-morte.

Indice:

Prefazione

Salive di saggezza

Formiche, anatre e altri animali psicoattivi

Colliri e clisteri visionari


Colliri

Clisteri

Terogeni. Droghe per combattere


I guerrieri Masai

Altri guerrieri drogati

Delirogeni fra allucinazioni e visioni

Antichi Viagra e sodomie egiziane. La vera storia della lattuga

Droghe dal corpo umano.

Una nuova interpretazione dell'antropofagia

L'addomesticamento della molecola selvaggia

Note

  • Accettiamo i seguenti pagamenti:
- Carta di credito
- Paypal
- Bonifico bancario
- Conto corrente postale
- Contrassegno Accettiamo i seguenti pagamenti: - Carta di credito - Paypal - Bonifico bancario - Conto corrente postale - Contrassegno
  • Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a. Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a.