Ricerca avanzata

Argomenti (categorie) ai quali appartiene questo titolo


Tags ai quali appartiene questo titolo

Psicanalisi e Religione


Libro d'occasione, recante eventuali tracce d'uso
Disponibile in copia unica
€ 15,00
Quantità

Traduzione di Ugo Varnai
pp. 96, Milano
data stampa: 1961
codice isbn: 900000005524

Erich Fromm, di cui le Edizioni di Comunità hanno pubblicato nel 1960 il volume «Psicanalisi della società contemporanea», ha studiato sociologia e psicologia all'università di Heidelberg, Francoforte e Monaco, e si è specializzato in psicanalisi all'Istituto di psicanalisi di Berlino. Dal 1926 si è dedicato alla psicologia applicata e alla ricerca teoretica. Egli è ora cittadino americano e tiene corsi alla Columbia University, al Bennington College, all'Istituto di Psichiatria William Alanson White, alla New School for Social Research, all'Università Nazionale del Messico e all'Università di Yale. In questo nuovo libro sui rapporti fra religione e psicanalisi, l'autore si propone di mostrare «che è errato sia concepirle come due discipline irreconciliabilmente opposte, sia pretendere di identificarle del tutto. Entrambi questi punti di vista sono semplici e comodi: mentre un esame approfondito e imparziale rivela che i rapporti tra la religione e la psicanalisi sono molto più complessi. Spero tra l'altro - egli scrive - di poter mostrare che non è vero che se non si accettano i dogmi religiosi si deve rinunciare a occuparsi dell'anima. Lo psicanalista è in grado di studiare sia la realtà umana che è presente nella religione, sia quella che è presente nei sistemi simbolici non religiosi. Dal suo punto di vista non interessa sapere se l'uomo torna alla religione e crede in Dio, ma se vive con amore e pensa secondo verità. Se la risposta è sì, i sistemi che adopera hanno poca importanza. Se la risposta è no, non ne hanno alcuna.
Se non è dato all'uomo di affermare con certezza qual'è la natura di Dio, gli è pur dato di descrivere la natura degli idoli; se il positivo è ineffabile, del negativo si può certo parlare. Non sarebbe ora di smettere di disputare sull'esistenza di Dio, e di unirci invece per smascherare le varie forme di idolatria contemporanea? Non sono Baal e Astarte che minacciano oggi la più preziosa eredità spirituale dell'uomo, ma nei paesi autoritari la deificazione dello Stato e del potere, e nella nostra cultura la deificazione della macchina e del successo. Non importa che si appartenga a una delle vecchie religioni, o che si creda alla necessità di una nuova; importa che si badi alla sostanza e non all'involucro, all'esperienza e non alle parole, all'uomo e non alle chiese, Questo dovrebbe bastare a unirci in una recisa negazione dell'idolatria: in essa potremo forse trovare una fede comune, e certamente un po' più di umiltà e d'amor fraterno».

  • Accettiamo i seguenti pagamenti:
- Carta di credito
- Paypal
- Bonifico bancario
- Conto corrente postale
- Contrassegno Accettiamo i seguenti pagamenti: - Carta di credito - Paypal - Bonifico bancario - Conto corrente postale - Contrassegno
  • Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a. Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a.