Argomenti (categorie) ai quali appartiene questo titolo


Miniature Persiane


Il Saggiatore
Disponibile in copia unica
€ 12,00
Quantità

introduzione di Emil Preetorius, traduzione di Angelica Comello.
pp. 50, 16 tavv. a colori, Milano
data stampa: 1959
codice isbn: 5597

Dalla nota al testo dell'autore:
"Fino a tempi recenti, la Persia e l'antichità iranica sono state viste, specie dagli Occidentali, attraverso il racconto dello Shahnameh, il famoso Libro dei Re del poeta Firdusi (sec. XI d. C.). Ma più che una lettura, Firdusi è un famoso, gigantesco «sentito dire». Salvo gli specialisti, chi ha affrontato i 100.000 versi della sua epopea? Parecchie delle miniature riprodotte in questa «Silerchia» suppliscono in parte a tale lacuna. Perché le miniature persiane, oltre che fantastiche invenzioni decorative, oltre che smaglianti e fantasmagorici tappeti di figure naturali e viventi, sono altrettante pagine di un libro aperto: in ognuna si legge una storia, un episodio epico o fiabesco. Sebbene diano a chi le guarda il pieno, felice appagamento dell'opera d'arte in sé conchiusa, esse nascono quasi sempre come illustrazioni di un testo poetico o narrativo. I procedimenti di impaginazione delle immagini, coi quali gli ignoti e spesso grandissimi maestri persiani invitano l'occhio a leggere i loro anonimi capolavori, sono descritti da Emil Preetorius nella prefazione a questo album. Il breve saggio del critico tedesco (noto anche per i suoi interessi sociologici) ci mette suggestivamente in possesso della chiave per interpretare e insieme gustare le figure-chiave, continuamente variate in nuovi contesti e invenzioni, che vediamo susseguirsi come sullo schermo di una mirabile lanterna magica. Dalla breve escursione attraverso questa antologia di miniature, si esce col senso di possedere un nuovo alfabeto, imparato per incanto: un immaginoso alfabeto di ideogrammi subito parlanti con l'immediatezza della poesia. Ma la guida del Preetorius risulta anche più preziosa, in quanto avvia, con l'aiuto di un'arte esotica e d'altri tempi, a risolvere parecchi dei dilemmi riproposti dall'arte più nostrana e moderna: quello, ad esempio, tra figuratività e astrazione; o quello tra naturalismo e visionarietà creatrice. Per quanto l'accostamento paia bizzarro, la fusione dell'arte grafica con quella lettera. ria, raggiunta dai miniaturisti persiani, presenta qualche parallelismo con la fusione tra poesia e musica conseguita dal nostro melodramma. Nel quale certe sigle sonore del sentimento si intrecciano e giustappongono a formare le melodie, cosÌ come le figure-chiave di queste tavole a comporre la scena miniata. Sfogliarne un florilegio dà alla vista una gioia simile a quella che una selezione di dischi d'opera procura all'orecchio. Con qualche cosa di anche più miracoloso. Perché, come nota it Preetorius, le miniature persiane gettano un ponte tra l'immagine visiva, fissata nello spazio, e la parola del testo che illustrano, la quale fluisce nel tempo. Spazio diventa tempo, e viceversa; mentre sul luogo della metamorfosi veramente «ridon le carte»."

  • Accettiamo i seguenti pagamenti:
- Carta di credito
- Paypal
- Bonifico bancario
- Conto corrente postale
- Contrassegno Accettiamo i seguenti pagamenti: - Carta di credito - Paypal - Bonifico bancario - Conto corrente postale - Contrassegno
  • Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a. Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a.