Argomenti (categorie) ai quali appartiene questo titolo


Tags ai quali appartiene questo titolo

Lo Strappo dell'Anima

Freud & Jung Amici Rivali

Sugarco
Disponibile in copia unica
€ 23,00
Quantità

prefazione e introduzione dell'autore, traduzione di Savino D'Amico.
pp. 224, Milano
data stampa: 1992
codice isbn: 978887198134

L'anno, il 1906. Il luogo, la casa di Sigmund Freud a Vienna. L'avvenimento, i due giganti della psicoanalisi moderna, Freud e Carl Jung, faccia a faccia per la prima volta. Freud: cinquantenne, piccolo, impeccabile, cortese. Jung: appena trentenne, alto, rude e piuttosto goffo. Sono una coppia male assortita, eppure quel giorno ebbero inizio un'amicizia e una collaborazione molto ricca, che avrebbe contribuì to a promuovere le sorti della psicoanalisi nel mondo. L'incontro avrebbe avuto un'importanza di primo piano nella vita di entrambi.

Jung guarda a Freud come alla prima persona veramente importante che abbia mai incontrato. Finalmente ha trovato chi ha tanto cercato: un padre, un mentore, una guida spirituale su cui contare. Freud è altrettanto impressionato da lungo Non aveva osato sperare di trovare qualcuno che fosse così adatto a diventare suo erede spirituale, ad assumere la guida del movimento psicoanalitico dopo la sua morte. Finalmente, ecco un figlio sottomesso che ammirerà e consoliderà la sua grandezza, un figlio su cui poter contare. Ma questa fondamentale e storica collaborazione non doveva restare pacifica. Tra i due emersero ben presto divergenze cruciali riguardanti il primato della sessualità, la natura dell'inconscio e il posto della religione e della mitologia nella vita dell'uomo. Di conseguenza, la psicoanalisi, appena fondata come disciplina, si suddivide in fazioni.

In ultima istanza si può dire che l'unica caratteristica che Freud e Jung avevano in comune fosse la reciproca dipendenza. Il loro rapporto era più emozionale che intellettuale, diretto più dalla passione che dalla ragione. Per entrambi la loro amicizia non è stata altro che la ripetizione di precedenti tentativi di soddisfare esigenze che li avevano assillati fin dall'infanzia.

Per aiutare il lettore a capire le origini delle idee geniali di Freud e Jung sulla psiche umana, Duane Schultz riporta confronti e differenze poco noti delle loro rispettive infanzie, delle loro crisi di mezz'età e del loro rapporto con le donne. Ricrea anche l'appassionato periodo che va dal 1906 al 1913, inserendovi le figure più significative che contribuirono allo sviluppo della psicoanalisi e le idee innovative che ne accompagnarono la nascita. Attingendo alla feconda corrispondenza tra Freud e Jung, nonché a una vasta gamma di altre fonti, Schultz ridà vita all'entusiasmo che li accomunò all'inizio della relazione. Descrive inoltre a tinte vivaci la crescente dipendenza reciproca, che a poco a poco cominciò a inacidirsi e finì in una tempestosa controversia dopo pochi anni soltanto, con grande dolore per entrambi.

Questo libro non è un trattato accademico, ma una biografia attenta e imparziale di due geni. Il lettore non ha bisogno di possedere una specializzazione in psicologia o in psichiatria per essere in grado di apprezzare l'intimità, la natura emozionale e la reciproca dipendenza fra Freud e Jung, a un tempo amici e nemici.

Sono stati una strana coppia, un impasto non riuscito, un inquieto sodalizio. Eppure quando Sigmund Freud e C.G. Jung si incontrano per la prima volta, si tratta veramente di un lieto evento, l'inizio di un sodalizio durato sei anni che sarà il rapporto a un tempo più ricco, intimo e bizzarro degli annali della psicoanalisi.

Intimità e interdipendenza - espresse anche attraverso lo scambio di dieci lettere qui riportate - caratterizzano i sei anni del loro sodalizio, ma i primi sintomi di crisi del rapporto non tardano a manifestarsi. A poco a poco la fiducia si trasforma in risentimento, l'ammirazione in disprezzo; gli affronti immaginati e gli insulti della fantasia diventano reali; la loro creatività prende vie diverse.

Il figlio leale e devoto, Jung, comincia a trovarsi in disaccordo con gli insegnamenti del padre, Freud, e il padre non riesce ad accettare la progressiva indipendenza del figlio. Nonostante il loro genio nel vedere nelle anime degli altri, Freud e Jung, per tanto tempo, non videro nessuno di questi segni in se stessi.

Duane Schultz, psicologo e autore di numerosi libri, insegna all'University of South Florida.

  • Accettiamo i seguenti pagamenti:
- Carta di credito
- Paypal
- Bonifico bancario
- Conto corrente postale
- Contrassegno Accettiamo i seguenti pagamenti: - Carta di credito - Paypal - Bonifico bancario - Conto corrente postale - Contrassegno
  • Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a. Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a.