Ricerca avanzata

Argomenti (categorie) ai quali appartiene questo titolo


I Selgiuchidi

Informatemi se questo titolo tornerà disponibile

x


in Asia Minore

Il Saggiatore
Libro d'occasione, recante eventuali tracce d'uso
€ 27,00
traduzione di Roberto Bosi
pp. 276, 80 fotografie, 56 disegni, 2 carte geografiche, Milano
data stampa: 1969
codice isbn: 6303

Sulla via delle Crociate - e del commercio con l'Asia - l'Occidente incontrò spesso, in pace e in guerra, i Selgiuchidi. Descritti come i feroci Turcomanni che tanto filo diedero da torcere prima alle truppe dell'impero bizantino poi ai Crociati, la vera fisionomia della loro civiltà rimase nell'ombra, tanto agli occhi della cristianità essi apparivano «l'altro», l'esotico straniero, spesso nemico. Tutto ciò ha impedito che se ne indagassero le origini e le caratteristiche peculiari di sviluppo da quando, fissatisi nel territorio oggi corrispondente grosso modo alla Turchia, i Selgiuchidi furono artefici di una civiltà che ha tutte le carte in regola per attrarre la nostra attenzione. Originariamente nomade, questo popolo proveniva dall'interno dell'Asia; si spinse dapprima in Persia, intorno al Mille, e di qui un'ampia parte; continuò il suo cammino verso Occidente, finché sconfitto l'esercito bizantino a Manzikert, nel 1071, si accampò proprio di fronte a Costantinopoli - a Nicea che divenne parte del nuovo regno. Come gli Arabi, dei quali adottarono presto la religione islamica, questi nomadi, non appena convertiti alla «stabilità», si fecero prestissimo edificatori di straordinari complessi architettonici; la loro fu un'arte eclettica, capace di prendere il meglio dell'Oriente e dell'Occidente, finché non fu in grado di elaborare uno stile proprio, di alto livello funzionale ed estetico. Ospedali, orfanatrofi, moschee, mausolei, caravanserragli, ponti e strade sono le opere che ancor oggi si trovano - erette tra il 1000 e il 1300 - nei luoghi dove i Selgiuchidi fecero sentire la loro influenza. Ognuno di questi edifici dimostra quanto i sovrani selgiuchidi avessero a cuore il benessere del loro popolo. La medicina - sorella della fiorentissima scuola araba - operava negli ospedali, che prestavano assistenza ai malati del tutto gratuitamente. La matematica e le scienze furono coltivate dai sapienti in università sorte già - su un modello indiano nell'XI secolo. La poesia veniva incoraggiata e protetta nelle corti patrizie e diede in frutto poemi epici e satirici che ancor oggi sono i capolavori della letteratura turca.

Indice:

Introduzione


Date notevoli


Dinastie selgiuchidi


Cap. 1 Lo scenario


Cap. 2 Storia dei selgiuchidi di Rum


Cap. 3 Come vivevano i selgiuchidi


Cap. 4 Religione, filosofia e letteratura


Cap. 5 L'architettura


Cap. 6 Le arti minori


Appendici


Tavole


Bibliografia


Note alle tavole


Indice analitico


  • Accettiamo i seguenti pagamenti:
- Carta di credito
- Paypal
- Bonifico bancario
- Conto corrente postale
- Contrassegno Accettiamo i seguenti pagamenti: - Carta di credito - Paypal - Bonifico bancario - Conto corrente postale - Contrassegno
  • Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a. Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a.