Argomenti (categorie) ai quali appartiene questo titolo


Islam

Informatemi se questo titolo tornerà disponibile

x


Il Saggiatore
€ 35,00
Quantità

traduzione di Quirino Maffi e Enrichetta Luppis
pp. 368, 61 tavv. a colori, 121 disegni, 51 planimetrie, 6 carte, Milano
data stampa: 1964
codice isbn: 6278

Bagdad, la città delle Mille e una notte, non rappresentò che un momento dell'arte islamica. In poco piu di un millennio, quell'arte conobbe, col succedersi e intrecciarsi di una ventina di dinastie, altrettanti periodi e stili. Eppure, Le mille e una notte, con i loro scenari traboccanti di tutto quanto lusinga o esalta la sensuale gioia di vivere, paiono il comune denominatore dell'inesauribile varietà di spettacoli che l'Islam artistico offre, lungo la sua mutevole vicenda. Nel seguirla, questo libro, a ogni pagina, diventa fiaba. Né per descrivere le favolose, incessanti apparizioni, Katharina Otto-Dorn ha avuto bisogno di fare favolosa la descrizione... Il suo proposito, anzi, è di rettificare molti luoghi comuni, sulla scorta delle più recenti scoperte e interpretazioni. Tra queste, l'accertamento sempre più sicuro degli influssi esercitati sugli stili e creazioni islamiche dall'«arte della steppa», dalla «civiltà della tenda». Il fenomeno si pronuncia dal primo periodo della dinastia abbaside (sec. IX-XI). Mediatrice ne fu la guardia turca del Sultano di Bagdad, divenuta ben presto un'aristocrazia assai potente anche in materia di gusto. Quegli influssi si fanno più intensi coi Selgiuchidi che, nella stupenda Isfahan, riverberano una memoria dei loro nomadi antenati d'Oriente. Frattanto certi motivi della plastica, esseri fantastici, sfingi, si collegano a suggestioni del mondo magico-sciamanico dell'Asia orientale. Prima di quelle due dinastie, i detentori dell'egemonia stilistica erano stati gli Ommiadi (sec. VII -VIII) che in Siria e particolarmente a Damasco, loro capitale, avevano tratto ispirazione da elementi classici e cristiani, o mutuati dalla Persia sassanide. Ommiadi, Abbasidi, Selgiuchidi pongono i temi di fondo, che rimangono più o meno riconoscibili nelle inventive variazioni di quasi tutti i maggiori momenti dell'arte islamica, persino nel moresco e nell'ottomano.

Indice:

PREMESSA


INTRODUZIONE


CENNO STORICO

LE PRIME MOSCHEE E LA LORO ORIGINE

L'ARTE DEGLI OMMIADI


L'ARTE DEL PRIMO PERIODO ABBASIDE

L' ARTE DEI TULUNIDI

L'ARTE DEI SAMANIDI

L'ARTE DEI GHAZNAVIDI


L'ARTE DEI FATIMIDI


L'ARTE DELL'AREA DEL MAGHREB


L' ARTE DEI SELGIUCHIDI


L'ARTE DEI MONGOLI


L'ARTE DEGLI OTTOMANI


L'ARTE DEI MAMELUCCHI


L'ARTE DEI SAFAVIDI  


LA MINIATURA

NOTE

APPENDICE

Didascalie delle planimetrie e delle carte


Tavola cronologica sinottica

Bibliografia

Indice delle illustrazioni a colori


Fonti dei disegni

Indice dei nomi e delle cose notevoli

  • Accettiamo i seguenti pagamenti:
- Carta di credito
- Paypal
- Bonifico bancario
- Conto corrente postale
- Contrassegno Accettiamo i seguenti pagamenti: - Carta di credito - Paypal - Bonifico bancario - Conto corrente postale - Contrassegno
  • Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a. Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a.