• Prezzo scontato

Argomenti (categorie) ai quali appartiene questo titolo


Tags ai quali appartiene questo titolo

Scipione Africano

Informatemi se questo titolo tornerà disponibile

x



Rizzoli
Libro d'occasione, recante eventuali tracce d'uso
€ 12,00
€ 11,40 Risparmia 5%
Traduzione di Gianni Montanari. Edizione italiana a cura di Ovidio Dallera
pp. 280, tavv. b/n f.t., Milano
data stampa: 1987
codice isbn: 978881716639
«Per il fatto che egli fu l'uomo più illustre fra quasi tutti quelli che vissero prima di lui, tutti cercano di sapere chi egli fu e da quali particolari doti naturali egli mosse per compiere tali e tante imprese.» Così Polibio, nelle sue «Storie», inizia a raccontare le imprese di Scipione. Attingendo soprattutto a Polibio e a Tito Livio, il grande storico militare Sir Basil Liddeli Hart ricostruisce le straordinarie gesta di quello che si può considerare il primo grande generale romano. Nel 210 a. C. viene inviato in Spagna a comandare le legioni romane il venticinquenne Publio Cornelio Scipione. Colto, intelligente, animato da una religiosa fiducia in se stesso, ammiratore della cultura greca, il giovane comandante non ha ancora l'età per essere eletto console. Di lui il Senato diffida profondamente perché avverte che quest'uomo, abituato a vincere, ha innate le doti del capo e del condottiero. In Spagna Scipione riesce ad attirarsi le simpatie e l'appoggio di molti capi iberici. Modifica la tattica tradizionalistica dei comandi romani, facendo combattere le legioni in formazioni meno serrate e più elastiche. Inizia prendendo la città di Cartagena, poi a Becula sconfigge Asdrubale Barca, fratello di Annibale. Quindi distrugge ad Ilipa due armate cartaginesi e, tornato a Roma, forte dell'appoggio popolare, ottiene il consolato e la Sicilia come provincia. Da lì attua il suo grande disegno di portare la guerra in Africa, così da costringere Annibale a lasciare l'Italia. Sbarca in Africa, a Utica, e riporta una grande vittoria ai Campi Magni. Genialmente intuisce che la cavalleria romana non è adatta alle nuove strategie, e si serve di quella numida. A Zama, nella battaglia capolavoro che pone fine alla seconda guerra punica, è la cavalleria a prendere alle spalle i veterani di Annibale, spianando la via al trionfo di Scipione.
  • Accettiamo i seguenti pagamenti:
- Carta di credito
- Paypal
- Bonifico bancario
- Conto corrente postale
- Contrassegno Accettiamo i seguenti pagamenti: - Carta di credito - Paypal - Bonifico bancario - Conto corrente postale - Contrassegno
  • Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a. Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a.