• Prezzo scontato

Argomenti (categorie) ai quali appartiene questo titolo


Brunilde e Rosaspina

Mito e fiaba dagli indoeuropei ai fratelli Grimm

Il Cerchio
€ 25,00
€ 23,75 Risparmia 5%
Quantità

Prefazione di Paolo Gulisano
pp. 392, Rimini
data stampa: 2019
codice isbn: 978888474545

Relegate spesso al mondo dell’infanzia, le fiabe rievocano da sempre l’immagine della nonna e dei bambini davanti al focolare durante le fredde e lunghe notti d’inverno. Le fiabe popolari non nascono dalla fantasia di un autore, noto o anonimo che sia, ma sono il frutto di una lunga serie di storie raccontate e ripetute nel corso degli anni, variegate in mille piccole sfumature. Affondano le loro radici profonde nel fertile terreno di miti e leggende. La raccolta di fiabe dei fratelli Grimm è forse l’esempio più eccellente. Perché si usa la bacchetta magica per produrre un incantesimo o lanciare un maleficio? Chi sono le fate che si presentano alla culla di Rosaspina, la bella addormentata? Come fanno i nani ad abitare dentro la roccia? Perché gli animali riescono a parlare e ad essere compresi dagli uomini? Come si fa a diventare invisibili? Perché non si deve sapere né pronunciare il nome di esseri terribili? Molte saranno le domande che sorgeranno nel corso della lettura di questo saggio che si propone di rintracciare e approfondire le origini di personaggi, situazioni ed episodi entrando nel mondo variopinto ed affascinante delle mitologie di matrice indoeuropea, con particolare attenzione a quelle appartenenti ai popoli che un tempo abitavano le terre germaniche: Celti e Germani, che si sono poi spinti verso Ovest e verso Nord creando le meravigliose culture irlandesi, gallesi e nordiche. Si scoprirà così che nulla è raccontanto per caso, ma che il piccolo particolare a cui non prestiamo attenzione è in realtà un riflesso di antiche leggende e miti indelebili nelle culture di questi popoli.

Indice:

PREFAZIONE

INTRODUZIONE
L’INIZIO DI UNA NUOVA DISCIPLINA
L’EUROPA E GLI INDOEUROPEI
I CELTI
I GERMANI E GLI UOMINI DEL NORD
LA MITOLOGIA COMPARATA
NOTE AL TESTO

1. IL CAMPO SEMANTICO DELLA CONOSCENZA

1.1. LA FIABA

1.2.  LA MITOLOGIA

1.2.1.   IL NOME: VALORE ED IMPORTANZA

1.2.2.   NECESSITÀ DI ACQUISIRE UN NOME

1.2.3.   I NOMI DEGLI DÈI

1.2.4.   ACQUISIZIONE DI POTERE TRAMITE LA CONOSCENZA DI UN NOME

1.2.5.   LA PAROLA E LA SUA POTENZA

1.2.6.   LA PAROLA USATA COME ARMA: I DUELLI VERBALI E LE SFIDE SAPIENZIALI

1.2.7.   IL CIBO COME MEZZO PER ACQUISIRE CONOSCENZA E SAGGEZZA

1.2.8.   LA BEVANDA SACRA CHE DONA SAGGEZZA E CONOSCENZA: UN MITO INDOEUROPEO

1.2.9.   L’ALBERO E LA FONTE

2. GLI INDUMENTI MAGICI ED IL LORO UTILIZZO

2.1.  LA FIABA

2.2.  LA MITOLOGIA

2.2.1.   INDUMENTI CHE FORNISCONO PROTEZIONE ED INVULNERABILITÀ

2.2.2.   IL DONO DELL’INVISIBILITÀ

2.2.3.   INDUMENTI COME MEZZO PER CAMBIARE SEMBIANZE, CELARE LA PROPRIA INDENTITÀ O ASSUMERE UN RUOLO DIVERSO

2.2.4.   CAPI PER CONQUISTARE O DICHIARARE IL PROPRIO AMORE

3.   LE FATE DEL DESTINO

3.1.   LA FIABA

3.2.   LA MITOLOGIA

3.2.1.   FIGURE FEMMINILI MITOLOGICHE LEGATE AL DESTINO

3.2.2.   IL CONCETTO DI MAGIA E IL VERBO ‘TESSERE’

3.2.3.   IL DESTINO

3.2.4.   L’IMPOSIZIONE DI DIVIETI

3.2.5.   LE MATRONE E ALTRE DIVINITA’

4.    L’ORIGINE DELLA BACCHETTA MAGICA

4.1.   LA FIABA

4.2.   LA MITOLOGIA

4.2.1.   L’ORIGINARIO USO PASSIVO DELLA BACCHETTA

4.2.2.   L’ORIGINE DELLE RUNE ED IL LORO USO PER DIVINARE ED OPERARE MAGIE

4.2.3.   I SACERDOTI MAGHI

4.2.4.   CARATTERI OGAMICI E RUNICI A CONFRONTO

5.  LA MELA: IL FRUTTO CONTESO

5.1.   LA FIABA

5.2.   LA MITOLOGIA

5.2.1.   LA MELA: SIMBOLO DI FECONDITÀ E PROSPERITÀ

5.2.2.   LA MELA E L’ALDILÀ

6.   LE RELAZIONI TRA SPINA, SOPORE E SONNO

6.1.  LA FIABA

6.2.  LA MITOLOGIA

6.2.1.   BRUNILDE E ROSASPINA: LA LEGGENDA DIVENTA FIABA

6.2.2.   LA SPINA QUALE STRUMENTO PER INDURRE AL SONNO

6.2.3. IL SONNO USATO COME ARMA

6.2.4.   I SOGNI PROFETICI

7.      IL LINGUAGGIO DEGLI UCCELLI E LE FIGURE ORNITOMORFE

7.1.   LA FIABA

7.2.    LA MITOLOGIA

7.2.1.   LA COMPRENSIONE DEL LINGUAGGIO DEGLI UCCELLI

7.2.2.   CORVI E CORNACCHIE NEI MITI E LA LORO SIMBOLOGIA

7.2.3.   I CIGNI E LE  FIGURE FEMMINILI MITOLOGICHE

7.2.4.   LE OCHE E ALTRI UCCELLI PORTATORI DI MESSAGGI

8.   LE MENOMAZIONI

8.1.   LA FIABA

8.2.   LA MITOLOGIA

8.2.1.   LE MENOMAZIONI ‘QUALIFICANTI’

8.2.2.   LA MENOMAZIONE COME STRUMENTO DELLE FORZE DEL CAOS

8.2.3.   LA MENOMAZIONE DEQUALIFICANTE

8.2.4.   LA CECITÀ

8.2.5.   IL DIO MONCO

8.2.6.   IL MUTISMO

8.2.7.   IL CULTO DELLE TESTE MOZZATE

9.    LE METAMORFOSI

9.1.   LA FIABA

9.2.   LA MITOLOGIA

9.2.1.   METAMORFOSI DI DÈI, EROI ED ALTRE FIGURE MITOLOGICHE

9.2.2.   LO SCAMBIO DI SEMBIANZE

9.2.3.  IL FURORE E LE CONGREGAZIONI DI GUERRIERI

9.2.4.   IL LUPO

9.2.5.   L’ORSO

9.2.6.   IL CINGHIALE

9.2.7.   IL CERVO

9.2.8.   RAFFIGURAZIONI ZOOMORFE

9.2.8.   LE ORECCHIE EQUINE: UN PARALLELO MITOLOGICO

10.  IL SIGNIFICATO MITOLOGICO DEL PIEDE E DELLA SOGLIA

10.1.   LA FIABA

10.2.  LA MITOLOGIA

10.2.1. IL PIEDE SIMBOLO DI FECONDITÀ

10.2.2. I TRE PASSI: UN RETAGGIO INDOEUROPEO

10.2.3. L’ATTO DI INCIAMPARE O DI FARE UN PASSO FALSO

10.2.4. LE SITUAZIONI SPAZIO-TEMPORALI LIMINALI

10.2.5. LA SOGLIA INVISIBILE TRA I MONDI

11.   LE PIETRE, OSSA DELLA TERRA

11.1.    LA FIABA

11.2.    LA MITOLOGIA

11.2.1. LE PIETRE COME SIMBOLO DI FERTILITÀ

11.2.2. LE PIETRE DELLA REGALITÀ

11.2.3. PIETRE DALLE QUALITÀ PARTICOLARI

11.2.4. LE PIETRIFICAZIONI

11.2.5. LE PIETRE, DIMORE DI ESSERI APPARTENENTI AL MONDO CTONIO O ULTRATERRENO

11.2.6. LA VENERAZIONE DELLE PIETRE

12.  IL SILENZIO E LA RISATA

12.1.  LA FIABA

12.2.  LA MITOLOGIA

12.2.1. LA RISATA LIBERATORIA

12.2.2. IL SILENZIO ED IL PERCORSO INIZIATICO

CONCLUSIONI

BIBLIOGRAFIA

INDICE DELLE ABBREVIAZIONI

  • Accettiamo i seguenti pagamenti:
- Carta di credito
- Paypal
- Bonifico bancario
- Conto corrente postale
- Contrassegno Accettiamo i seguenti pagamenti: - Carta di credito - Paypal - Bonifico bancario - Conto corrente postale - Contrassegno
  • Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a. Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a.