Ricerca avanzata

Argomenti (categorie) ai quali appartiene questo titolo


Storia e Civiltà dei Greci 9/10

Informatemi se questo titolo tornerà disponibile

x


2 Volumi. 9) La Cultura Ellenistica - Filosofia, scienza, letteratura 10) La Cultura Ellenistica - Le arti figurative

Bompiani
€ 38,00
Direttore Ranuccio Bianchi Bandinelli
vol.9 pp. 392, 4 disegni e carte geografiche, 16 tavv. f.t., vol. 10 pp. 218, 12 disegni e carte geografiche, 8 tavv. a colori 64 tavv. b/n f.t., Milano
data stampa: 1977
codice isbn: 6408

9) La Cultura Ellenistica - Filosofia, scienza, letteratura
Per delineare le componenti essenziali del pensiero ellenistico F. Adorno prende le mosse non tanto dalla filosofia di Platone quanto dalla ricchezza dei temi e delle problematiche platoniche, ricostruendo sui testi e sui dati reali certi ambienti e certi modi di pensare - prescindendo dalle "etichette" e dalle "categorie" di una "storiografia" (ancora in servizio attivo) non poco metafisica.

La fortuna di Platone nell'ellenismo, in seno a strutture sociali radicalmente mutate, sta nell'essere il filosofo interprete lucidissimo della crisi delle pòleis greche e nell'averne prospettato la soluzione in un ordine politico specchio di un ordine cosmico, in una politèia panellenica, che, all'indomani della morte di Alessandro, è già pronta a rispondere alle nuove esigenze, a fornire la possibilità di una unione fra Greci e barbari, a dare una giustificazione filosoficoscientifica delle nuove monarchie e una giustificazione filosofico-politica, entro l'ambito dell'unica religiosità cosmica, delle disparate tradizioni religiose di questo mondo dilatato.

Epicureismo e stoicismo sono i due grandi cardini del pensiero dell'epoca, i due momenti più caratteristici di un concreto rinnovamento culturale verificatosi entro l'ambito della problematica comune all'Atene della prima metà del III secolo. Dell'appello di Epicuro a una vita razionale e illuminata, a una saggezza che sia consapevole conquista di misura, viene posto in luce particolarmente il peso politico e discussa l'apparente apoliticità.

Da Aristotele muove invece la specializzazione del sapere, uno dei tratti più moderni dell'ellenismo, donde il determinarsi delle singole scienze e tecniche e l'enorme progresso attinto in questo campo da scienziati quali Euclide, Archimede, Eratostene, Ipparco.

Una profonda trasformazione tecnologica investe anche la letteratura. Da tempo la letteratura greca non era più affidata solo alla tradizione orale, da tempo si giovava di una tradizione scritta: restava però prevalentemente "aurale ", cioè i testi scritti venivano generalmente letti ad alta voce, ed ascoltati pubblicamente. Ora, con la diffusione del libro e del commercio librario la letteratura vive esclusivamente negli scritti, da leggere mentalmente, individualmente, isolatamente, e diviene sempre più patrimonio esclusivo degli eruditi, rappresentanti ufficiali della classe dirigente, produttori-consumatori-critici delle opere loro e delle opere degli antichi.

G. Serrao, E. Degani, L. Canfora, B. Gentili e gli altri studiosi che hanno collaborato alle pagine sulla letteratura affrontano il loro assunto in stretta connessione con le mutate condizioni sociali dell'epoca e alla luce del nuovo rapporto tra autore e pubblico, tenendo presenti i più accreditati metodi della moderna critica letteraria, cercando di far filologia senza cadere nel filologismo positivistico del secolo scorso e di far critica letteraria senza scivolare nell'estetismo neoidealistico degli anni '30.

10) La Cultura Ellenistica - Le arti figurative
"L'arte riguarda la produzione (gènesis) e il cercare con la tecnica e la conoscenza come possa prodursi qualcuna di quelle cose che possono esserci e non esserci e delle quali il principio è in chi fae non in ciò che è fatto." Così Aristotele formula il· carattere creativo e la piena autonomia dell'arte: una nuova concezione estetica dalla quale chi si accosti alla produzione artistica ellenistica non può prescindere. Coerentemente con questa diversa valutazione dell'artista e della sua opera, nelle mutate strutture della società ellenistica, cambiano modi e rapporti di produzione. Le innovazioni formali e strutturali sono strettamente associate ai nuovi committenti, i dinasti ellenistici in primo luogo, dei quali celebrano la regalità, la potenza, il fasto; alle nuove esigenze funzionali dei grandi centri di importanza militare e politica; alla mobilità stessa della popolazione che vede Greci nelle città dell'India. e vede Orientali nelle città della Grecia continentale e insulare.

L'arte guida, e non per la prima volta, è la pittura che ha raggiunto la ricchezza del chiaroscuro, la rappresentazione dello spazio pittorico infinito, del paesaggio, della scena di genere e della natura morta. Il difficile compito della ricostruzione del come e perché di tante nuove acquisizioni in un campo per il quale le testimonianze principali (la grande pittura da cavalletto) sono scomparse, è affidato alle pagine di Ranuccio Bianchi Bandinelli, sintesi rigo. rosa e documentata che premette ad una acuta e sensibile lettura dei monumenti un solido criterio di interpretazione critica delle fonti letterarie e delle pitture di età romana.

L'influenza delle ricerche pittoriche si avverte in architettura e in scultura, dove si accentuano gli effetti di luce ed ombra, si dilatano gli spazi, si afferma il gusto per il grandioso e lo scenografico, si ricercano gli sfondi prospettici. Nelle opere di toreutica, che poche fra la ricchissima produzione sono scampate alla fame di metalli preziosi, si trova l'eco delle fastose parate nelle quali i sovrani ostentano tesori di oreficeria. La storia del prestigio della cultura greca, diffusa dalle conquiste di Alessandro e dei Diadochi, è scritta nei monumenti di centri lontanissimi tra loro, dalla Gallia all'India. dal Mar Nero a Cartagine.

Una novità è rappresentata dalle pagine conclusive, dovute, al pari del capitolo iniziale, a R. Martin e basate sui dati delle esplorazioni più recenti in Sicilia e Magna Grecia, sulle coste del Mar Nero. nell'Asia centrale. In esse si affronta, sotto molti profili per la prima volta, la sintesi di problemi complessi. quali l'urbanizzazione e la mobilità della popolazione. i modi di occupazione e di sfruttamento del terreno e le strutture dell'habitat rurale. La nozione di polis, cardine di un mondo che non ha mai conosciuto l'idea di "nazione", si integra e si definisce nei suoi rapporti con la chora, il suo territorio; la civiltà greca, ritenuta per eccellenza urbana, in tutto il corso della sua storia resta profondamente rurale.

  • Accettiamo i seguenti pagamenti:
- Carta di credito
- Paypal
- Bonifico bancario
- Conto corrente postale
- Contrassegno Accettiamo i seguenti pagamenti: - Carta di credito - Paypal - Bonifico bancario - Conto corrente postale - Contrassegno
  • Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a. Spedizione tramite Poste Italiane s.p.a.