Libreria ASEQ - Via dei Sediari, 10 • 00186 Roma - Email: info@aseq.it - Tel. 06 6868400

Storia della Turchia Contemporanea

Storia della Turchia Contemporanea

Autore/i: Biagini Antonello
Editore: Bompiani
introduzione dell’autore. pp. 192, Milano Prezzo: € 8,50

La Repubblica turca si costituisce dopo la prima guerra mondiale e la dissoluzione dell’Impero ottomano. Dopo il trattato di Sèvres (1920) Kemal Atatürk (1880-1938) attua un coerente programma di riforme interne per modernizzare il Paese e una politica estera volta a stabilizzare i confini e la sovranità nazionale della nuova Turchia. La rottura con la tradizione islamica e ottomana consente di realizzare il progetto di uno Stato laico e nazionale a tutela del quale si ergono per molti anni i militari che si considerano gli eredi diretti dei princìpi enunciati dal “padre dei Turchi”, dal “liberatore”, dal “vittorioso”, come, con orgoglio, viene ancora oggi chiamato Kemal. La diaspora del movimento politico dei Giovani Turchi – Kemal si era dissociato ben prima della fine dell’Impero – vede alcuni di questi entrare nel complesso gioco internazionale che la Russia dei soviet sta conducendo in Afghanistan, mentre la politica estera adottata dopo il trattato di Losanna (1923) colloca la Turchia sulle posizioni anglo-francesi e dunque poco incline alla politica del “revisionisrno” nei confronti delle deliberazioni della Conferenza della pace di Versailles. Dopo la seconda guerra mondiale, con la guerra fredda e la contrapposizione Est-Ovest, la Turchia diviene elemento fondamentale nel sistema di sicurezza della NATO sia nei confronti dell’Asia sovietica che nei confronti dell’instabilità politica del Medio Oriente. Con la fine del sistema bipolare si apre per il Paese una nuova fase politica per !’ingresso nell’Unione Europea che provoca però alcune tensioni interne collegate al cosiddetto fondamentalismo islamico e impone alcune scelte, come la soluzione del problema curdo e la tutela dei diritti umani. La Turchia ha avviato tale ulteriore processo di modernizzazione che investe anche il settore economico, e il suo ingresso nell’UE appare oggi più concreto con l’avvio dei negoziati deliberato dai Paesi dell’Unione il 3 ottobre 2005.

Antonello Biagini (1945) è professore ordinario di Storia dell’Europa orientale presso l’Università di Roma “La Sapienza”, direttore del Centro interuniversitario per gli studi ungheresi e sull’Europa centro-orientale, delegato del Rettore per i rapporti con le organizzazioni non governative, presidente del Comitato di Roma dell’Istituto per la Storia del Risorgimento italiano, socio onorario della Società Geografica Italiana, Ofiter Ordinul National “Serviciul Credincios” della Repubblica di Romania, Pro Cultura Hungarica (1996). È dottore in Storia honoris causa dell’Università di Szeged (Ungheria). Ha pubblicato monografie e saggi sull’Europa centro-orientale nei secoli XIX-XX e in questa collana Storia dell’Albania contemporanea (1998, IV ed. 2005, premio Latina Tascabili, tradotto in lingua albanese, 2000); Storia della Turchia contemporanea (2002, tradotto in lingua romena 2005); Storia della Romania contemporanea (2004).

Vai alla scheda libro e aggiungi al carrello Modalità di acquisto

Commenti

Lascia un commento




Libreria ASEQ s.r.l. - Via dei Sediari, 10 - 00186 Roma - Tel. 06 6868400 - Partita IVA 08443041002