Libreria ASEQ - Via dei Sediari, 10 • 00186 Roma - Email: info@aseq.it - Tel. 06 6868400

  • Seminario Teorico Esperienziale di Iniziazione al Mantra Madre
  • Selezione di volumi Aseq Editrice

    S. Andrea della Valle

    S. Andrea della Valle

    Autore/i: Ortolani Sergio
    Editore: Casa Editrice «Roma»
    pp. 18, nn. tavv. b/n f.t., pianta della chiesa b/n f.t. ripiegata, Roma

    Le chiese di Roma illustrate – N. 4

    Breve Storia delle Chiese Cattoliche Orientali

    Breve Storia delle Chiese Cattoliche Orientali

    Autore/i: Elli Alberto
    Editore: Ets
    seconda edizione, prefazione dell’autore. pp. 400, Milano

    Sull’onda del grande interesse suscitato dalla prima edizione di questo volume, ormai esaurito, e della situazione complessa e drammatica in cui vivono i cristiani in Medio Oriente, ne viene proposta una nuova edizione, riveduta e notevolmente ampliata. Il libro ricostruisce la storia e l’identità delle comunità cristiane che, pur essendo in comunione con Roma, hanno mantenuto un rito diverso da quello latino e anche – almeno in parte – una giurisdizione autonoma.
    Dopo aver analizzato l’origine e le cause storiche e teologiche delle divisioni tra i cristiani in Oriente, l’Autore fornisce una breve ma accurata descrizione delle diverse denominazioni cattoliche di rito orientale: maronita, greco-melchita, copta, etiopica, armena, caldea, sira, siro-malankarese e siro-malabarese. Rispetto alla prima edizione, sono state aggiunte le Chiese di rito bizantino dell’Europa orientale, nate dalla tradizione greco-slava.

    Alberto Elli è un ingegnere nucleare. Pur lavorando per i più importanti centri di ricerca italiani, ha continuato a coltivare, da autodidatta, interessi classici, in particolare nel campo delle lingue semitiche. Conoscitore delle lingue dell’antico Egitto, ha esteso le sue conoscenze ad accadico, sumerico, ebraico, siriaco, ge’ez (etiopico classico), arabo, armeno. Agli interessi linguistici ha sempre unito gli studi storici, che lo hanno portato a interessarsi a fondo delle cristianità orientali. Tiene corsi di geroglifico, ieratico, ebraico, accadico e copto.

    I Tarocchi

    I Tarocchi

    Autore/i: Balbi Domenico; Balbi Ada
    Editore: Ecig
    premessa di Paolo A. Rossi. pp. 160, con 78 carte, nn. ill. b/n, Genova

    Per la prima volta Domenico Balbi, l’autore di questa notissima serie di tarocchi, esposta nei maggiori musei e gallerie d’arte, presenta l’interpretazione delle radici simboliche e delle articolazioni esoteriche che ne hanno orientato la progettazione. Il volume è rivolto sia agli studiosi del simbolismo dei tarocchi che a coloro che desiderassero occuparsi delle tecniche cartomantiche.

    L’Enigma di Rosslyn

    L’Enigma di Rosslyn

    La verità dietro ai misteri templari e massonici
    Autore/i: Coppens Philip
    Editore: L’Età Dell’Acquario
    introduzione dell’autore, traduzione dall’inglese di Elena Ferrazzi. pp. 204, nn. ill. b/n, Torino

    La cappella di Rosslyn è una «enciclopedia di pietra» del sapere esoterico, nota da sempre agli appassionati, al pari di Rennes-le-Château, e assurta a meta obbligata di migliaia di pellegrini moderni da quando Dan Brown vi ha ambientato il suo Codice Da Vinci. Venerata dai massoni, frequentata dai templari moderni, la cappella scozzese voluta nel XV secolo dalla famiglia dei Sinclair conserverebbe autentici tesori, dalle testimonianze di viaggi precolombiani nelle Americhe a importanti reliquie quali il Santo Graal e la testa di Cristo.
    In questo libro Philip Coppens ne ripercorre l’incredibile vicenda storica e conduce il lettore in un appassionante viaggio nei misteri di questa straordinaria architettura gotica, tra capitelli e cripte, altari e sculture, vetrate e colonne, leggende e maledizioni.

    Philip Coppens è stato una figura poliedrica: conduttore radiofonico, autore di romanzi di ucronia e di saggi di scienza di confine, ha collaborato a lungo con History Channel e con le riviste «Nexus» e «Atlaantis Rising». Come giornalista investigativo è stato autore di importanti scoop nel mondo della politica e dei servizi segreti. Tra i suoi libri più noti ricordiamo The Canopus Revelation: Thee Stargate of the Gods and the Ark of Osiris e The Cryptogram of Rennes-le-Château.

    I Sogni e i Loro Misteri

    I Sogni e i Loro Misteri

    La crescita spirituale e il sonno
    Autore/i: Payeur Charles-Rafaël
    Editore: L’Età Dell’Acquario
    traduzione di Laura Gualdi. pp. 104, Torino

    L’uomo trascorre un terzo della sua vita dormendo, ma cosa succede veramente durante tale periodo di tempo?
    Charles-Rafaël Payeur risponde a questa suggestiva domanda adottando il punto di vista dell’esoterismo cristiano. Attraverso l’analisi della costruzione occulta dell’essere umano e la definizione dei diversi meccanismi che entrano in gioco, spiega come il sonno sia una formidabile sorgente di illuminazione e la sede per un prezioso lavoro di trasformazione interiore.
    Payeur illustra anche alcune semplici regole per l’interpretazione onirica, un metodo efficace per programmare il genere di attività che desideriamo vivere nel sonno e un sistema per ricordare con maggiore chiarezza e per un lungo tempo i sogni che facciamo.

    Charles-Rafaël Payeur, filosofo, teologo, conferenziere internazionale, ha intrapreso il compito di spiegare i misteri della vita alla luce della tradizione dell’ermetismo cristiano, un insegnamento esoterico che mira all’espansione integrale dell’essere umano.

    Il Licantropo

    Il Licantropo

    Un superuomo?
    Autore/i: Milin Gaël
    Editore: Ecig
    prefazione dell’autore, introduzione e cura di Jose Vincenzo Molle. pp. 216, ill. b/n, Genova

    La letteratura medievale è un mondo affascinante: in essa convivono prodezze e meraviglie, racconti e leggende, fate, streghe, demoni e lupi mannari. Ecco, di fronte a noi, un universo in cui tutto è possibile: gli uomini incontrano esseri faés [fatati]; gli eroi vanno alla ricerca di creature dell’Altro Mondo; preziosi bagliori sgorgano nella notte, illuminando tesori nascosti. Nell’epoca che evochiamo, la parola è onnipotente: gli esorcismi, le benedizioni, gli amuleti ci proteggono dal Maligno.
    Non è forse inutile ricordare l’interrogativo che un noto giurista ingàuno, oratore facondo ma anche un po’ burlone, suole rivolgere ai propri giovani, smarriti discepoli: «Conosci l’omitorinco? Lo conosci abbastanza? … Infatti, noi non conosciamo abbastanza né l’ornitorinco né il lupo mannaro. Pertanto, Milin ha scelto per noi di spazzar via tutti i preconcetti, guidandoci verso il ristoro delle fonti (cioè i testi, dall’Antichità alla nostra fin de siècle): vale la pena di scoprire la senefiance [il significato] di tanti segreti appassionanti.
    Esaminiamo il Bisclavret di Maria di Francia, splendente capolavoro delle narrazioni medievali di mannari. Il re accompagna il licantropo nella sua stessa stanza, lasciandolo solo con tutti i vestiti, e sbarra, poi, ogni apertura. Dopo un po’, ritorna nella camera: sul letto del sovrano non v’è più un lupo, ma un cavaliere, rivestito e dormiente. Il sonno è, in effetti, la situazione normale di colui che subisce lo sdoppiamento. Con ogni evidenza, i vestiti rappresentano il sostituto deL corpo.
    L’importanza del Doppio nel nostro universo mentale è, ora, chiara ai nostri occhi. Il lupo mannaro è uomo e, insieme, animale. Esso conserva la propria ragione umana, anche sotto forma lupigna. Il Doppio licantròpico si pone al centro d’un complesso antropologico fondamentale: quello dei rapporti dell’uomo con l’Altro Mondo, sia superiore sia ínfero.
    Come esergo, l’Autore potrebbe far sue le parole di San Bernardo: finis Libri sed non finis quaerendi. L’opera conclusa è un’opera aperta: custodisce in sé il germoglio d’una ricerca nuova.

    Gaël Milin è professore di Lingua e Letteratura francese del Medioevo e del Rinascimento presso l’Università della Bretagna Occidentale (Brest). Fondatore e coordinatore delle Journées d’Études del Centro di Ricerca Bretone e Celtica (Unità di Ricerca associata al CNRS), dirige – con Patrick Galliou -la rivista Kreiz, che diffonde, annualmente, gli Atti di tali Giornate. Oltre a numerosi articoli sulla «matière de Bretagne», ha pubblicato l’edizione critica delle Baliverneries d’Eutrapel di Noël du Fail (Klincksieck, Parigi, 1971). Inoltre, ha dato alle stampe il volume Le roi Marc aux oreilles de chela (Droz, Ginevra, 1991), versione compendiosa della sua Thèse de Doctorat ès Lettres: Béroul et le conte AT 782 du roi aux marques animales. Più recentemente, ha pubblicato Le Cordonnier de Jérusalem. La Véritable Histoire du Juif Errant, Presses Universitaires de Rennes, 1997.

    Jose Vincenzo Molle è ricercatore confermato di Filologia Romanza presso l’Università di Genova. Ha tradotto e prefato il volume di Paul Zumthor, Lingua, lesto, enigma (Il Melangolo, Genova, 1991). Per i tipi della Ecig ha curato l Templari. La regola gli statuti dell’Ordine (1994) e Merlino il Profeta. L’avventura del Graal (1995).

    Le Divinità Solari dell’Antica Europa

    Le Divinità Solari dell’Antica Europa

    dal 2000 a.C. al 400 d.C.
    Autore/i: Green Miranda
    Editore: Ecig
    prefazione dell’autrice, traduzione di Massimo Ortelio. pp. 208, nn. ill. b/n, Genova

    Dal Neolitico all’età romana, i culti solari occuparono una posizione centrale nell’ambito delle religioni europee. I popoli dell’Europa pagana temevano e veneravano il Sole in quanto Signore del Cielo e della Terra, fonte di vita e protettore dei defunti, e in suo onore tracciarono simboli, crearono immagini ed eressero templi.
    Sottoponendo ad attenta analisi un vasto campionario di testimonianze archeologiche, lungo un arco di tempo che va dal 2000 a.C. al 400 d.C., questo libro ricostruisce il percorso evolutivo dell’esperienza religiosa che produsse misteriosi megaliti nella prima età del bronzo e suggestive raffigurazioni antropomorfiche nell’epoca romano-celtica.
    La minuziosa indagine di Miranda Green, suggellata dall’affascinante ipotesi circa l’esistenza di un’autonoma divinità solare celtica anteriore all’epoca romana, non mancherà di suscitare l’interesse degli appassionati e degli studiosi di archeologia e antropologia, configurandosi come la prima analisi esauriente dei culti solari pre-cristiani e del loro grado di compenetrazione nella vita religiosa e culturale dell’Europa antica.

    Tantra, Spiritualità e Sesso

    Tantra, Spiritualità e Sesso

    Una introduzione al Vigyana Bhairava tantra e alcune risposte a ricercatori del vero
    Autore/i: Osho Rajneesh
    Editore: Ecig
    introduzione di Swami Premgeet e Swami Anand Videha, versione italiana di Swami Anand Videha. – pp. 130, Genova

    «Tantra è l’arte di vivere. L’arte di amare. Il Tantra non insegna la sessualità. Il Tantra dice: “accettati come sei” è necessaria una profonda accettazione se si vuole giungere a una reale trascendenza. Per il Tantra non esistono fratture: il sesso è l’energia fondamentale che possiedi, secondo il Tantra bisogna usare questa energia: non combatterla, ma trasformarla. Non si deve pensare al sesso in termini di antagonismo, di negazione, non lo si deve giudicare: è la tua stessa energia vitale, non è un male, non è un peccato. Qualsiasi energia è neutrale. Può nuocerti, può giovarti. Puoi renderla qualcosa di costrittivo, che ti limita, che ti è di ostacolo, una barriera insormontabile; oppure puoi farne un gradino per la tua evoluzione, la puoi usare per trascendere.
    Usata correttamente quell’energia ti è amica, usata erroneamente ti è nemica. Ma tu ne hai paura perché sei stato spinto a reprimere il sesso. La paura è profonda perché se il sesso tocca il suo culmine, dovrai affrontare l’estremo terrore, il terrore della morte. Perfino le nuove generazioni… non sono ossessionate dal sesso, ma il loro inconscio continua a condannarlo: è stato costruito secolo dopo secolo, racchiude in sé l’intero passato dell’umanità. La via del Tantra sembra essere molto difficile: come ci si può muovere nel desiderio senza esserne soppraffatti? Come partecipare all’atto sessuale restando pienamente consapevoli? La mente comune, abitudinaria, ne ha paura: sembra qualcosa di pericoloso. Non che lo sia, ma tutto ciò che conosci sul sesso provoca in te questa paura.
    Ma i giorni del Tantra si avvicinano; prima o poi esploderà fra le masse per la prima volta, perché per la prima volta i tempi sono maturi per vivere il sesso in modo naturale. Ed è possibile che questa esplosione avvenga in Occidente, perché Freud, Jung, Reich e l’intera psicologia occidentale hanno preparato il terreno per lo sviluppo del Tantra». (Osho)

    L’Armonia Nascosta

    L’Armonia Nascosta

    Discorsi sui frammenti di Eraclito
    Autore/i: Osho
    Editore: Ecig
    introduzione di Ma Yoga Anurag, traduzione a cura di Swami Anand Videha. pp. 330, Genova

    Di fronte a un’epoca di mutamenti così rapidi, senza confronti nella storia dell’umanità, la meditazione sembra oggi diventare una “questione di sopravvivenza”, ed è quindi importante metterne a fuoco il significato e la realtà, non più come un rituale esotico o esoterico, bensì in quanto vita vissuta con consapevolezza. Non è più possibile percepire quello spazio interiore solo all’interno di un rituale o di un arco di tempo dedicato allo spirito: si tratta di uno stile di vita.
    In questo contesto, il contributo della visione di Osho all’evoluzione della consapevolezza umana, è evidente. Figura controversa,egli non ha lasciato nulla di intentato per spingere l’individuo ad assumersi la piena responsabilità del proprio essere. Non attraverso la comprensione intellettuale, frutto di studi e letture, quanto piuttosto con l’esperienza, l’unica in grado di generare una prospettiva interiore nella quale collocare le sue parole, e le metafore su cui in genere il linguaggio si fonda. Ciò che conta è smettere di essere semplici spettatori e diventare attori nello splendido gioco della vita, imparando a viverne ogni aspetto come “testimoni  attivi”. Si tratta di una sfida resa necessaria dallo spirito del tempo… e forse è per questo che milioni di persone hanno piano piano preso in considerazione il messaggio e la visione prospettati da Osho, decidendo di affrontare un processo di consapevolezza attraverso la meditazione, e dando vita ad un uomo assolutamente nuovo, la cui esistenza si fonda sulla gioia, l’amore e la risata.

    Liber medicinalis Almansoris

    Liber medicinalis AlmansorisVenerdì 27 gennaio 2017, alle 17.00
    presso l’Istituto per l’Oriente C. A. Nallino, Via A. Caroncini 19, Roma

    Presentazione di Franco Cardini
    Introdurrà Claudio Lo Jacono

    Abū Bakr Muḥammad ibn Zakariyā ar-Rāzī
    Liber Medicinalis Almansoris
    a cura di Mahmoud Salem Elsheikh

    Se l’andaluso az-Zahrāwī, il famoso Albucasis, è considerato il principe dei chirurghi, il persiano Rāzī (865-925) è senza dubbio il principe dei medici. Con Rāzī, che visse a Baġdād e scrisse in arabo, la medicina araba supera la fase dell’eredità classica e passa a quella autoctona originale, con un sistema di contenuti e di ragionamenti tutto proprio. Il suo libro più famoso è certamente Al-Manṣūrī fī ’ṭ-ṭibb, noto come Liber medicinalis Almansoris. M.S. Elsheikh presenta la versione fiorentina di Al-Manṣūrī, tratta da un manoscritto laurenziano, confrontandola con i manoscritti arabi e latini, arricchendola di un amplissimo glossario, dove si assiste, per così dire, alla nascita del lessico italiano della medicina.

    Scarica la locandina.

    Per qualsiasi ulteriore informazione, è possibile contattare direttamente l’Istituto per l’Oriente C. A. Nallino, Via A. Caroncini 19, Roma (La sede dell’Istituto si trova sulla diretta prosecuzione della strada del Teatro Parioli), tel. 06.808.4106 – 06.807.9395 da lunedì a venerdì ore 9/13 e lunedì, mercoledì e venerdì ore 15,30/18.30. e-mail: ipocan@ipocan.it

    La Cittadella – Anno XI, n. s., n. 41-42, gennaio-marzo, aprile-giugno 2011

    La Cittadella – Anno XI, n. s., n. 41-42, gennaio-marzo, aprile-giugno 2011

    Il nostro 150°. Risorgimento e Romanità. Quaderni di studi storici e tradizionali romano-italici
    Autore/i: AA. VV.
    Editore: I Libri Del Graal
    pp. 144, nn. ill. b/n, Roma

    EDITORIALE Sandro Consolato Il ’nostro’ 150°

    AVCTORES

    Strabone: L’Italia (LC)

    STUDI E RIFLESSIONI

    Renato del Ponte
    Le misteriose radici del Tricolore d’Italia

    Federico Gizzi
    1911. L’archetipo di Roma Aeterna e le celebrazioni del 50° dell’Unità

    Gennaro D’Uva
    Giovanni Pascoli e l’Inno a Roma per il Cinquantenario del Regno d’Italia

    Inno a Roma di Giovanni Pascoli

    Achille Ragazzoni
    Garibaldi e la Tradizione di Roma

    Giovanni Damiano

    L’eredità difficile. Fortuna e ricezione di Mazzini nell’Italia post-unitaria (1872-1945)

    Mario Enzo Migliori
    La riscoperta degli Etruschi e il Risorgimento dell’Italia

    SanCo
    Postilla del Direttore: Una Alighieri tra cospirazioni e scavi

    Piero Di Vona
    Umberto Eco nel Cimitero di Praga

    Mario Giannitrapani
    Pomponio Leto e i Sacerdotes Achademiae Romanae. Elogio e difesa del Pontifex Maximus degli Umanisti romani, oltre le menzogne e le infamie

    Congedo meridionale

    Sentenze Morali

    Sentenze Morali

    testo greco a fronte.
    Autore/i: Fozio
    Editore: Olschki
    introduzione, traduzione e note a cura di Lucio Coco, testo greco a fronte pp. 114, Firenze

    Dalla Bisanzio del IX secolo ci giungono queste Sentenze, per la prima volta raccolte e pubblicate con il corredo del testo greco a fronte. Fozio, discusso, controverso e coltissimo ecclesiastico, suggerisce un insegnamento morale ancora valido, senza sovrastrutture e infingimenti, estremamente realistico e pratico, facendoci riflettere sull’oggi perenne dell’uomo, compreso nel gioco delle passioni e nel bisogno di vincerle per realizzare pienamente la propria umanità. Un’angolazione differente per la comprensione di un’epoca, uno strumento per avvicinarci alla comprensione di noi stessi.

    Visualizza indice

    Introduzione

    Nota bibliografica

    Sentenze

    Indice scritturistico

    Indice analitico

    Gregorio di Tours

    Gregorio di Tours

    10-13 ottobre 1971
    Autore/i: AA. VV.
    Editore: Accademia Tudertina
    pp. 368, Todi (PG)

    Nella storiografia moderna, l’esigenza di muovere dalla pura metodologia euristica dell’accertamento degli avvenimenti, verso una comprensione interpretativa più approfondita dei documenti narrativi, agiografici, archeologici, letterari, iconografici, è divenuta semprè più evidente per quella misteriosa osmosi che appare esistere in tutti i tempi tra gruppi di potere, ambienti di cultura, ceti sociali e individui d’eccezione, che, in qualche modo, esprimono la coscienza oscura dei popoli e delle masse senza volto e per la quale il profeta, il capo religioso o politico, l’uomo di pensiero o l’artista riescono a chiarire e interpretare esigenze sociali, ideali di vita, speranze e passioni, che emergono da quella anonima coscienza oscura di gruppi e di comunità, conferendo alla
    lettura di certe opere e di certi testi il valore di una presa di contatto autentica e immediata con la realtà storica del passato.

    Perfino nelle discipline paleografiche, legate più rigidamente a una metodologia di puro accertamento del dato, la nuova scienza della codicologia (è una brutta parola, ma è ormai entrata nell’uso) testimonia l’esigenza di passare dal puro studio delle forme grafiche a quello del codice assunto come testimonianza e documento di per sé stesso della storia della cultura e della civiltà.

    Questo nuovo modo di attuare il nostro programma di lavoro è già stato sperimentato nel 1969 con la lettura di RATERIO, il vescovo del se colo X che Augustine Fliche, autore dei noti volumi sulla Riforma gregoriana, pone come rappresentante qualificato della cosiddetta riforma vescovile e come pioniere della riforma gregoriana stessa.

    Questo è quanto dovevo dire per spiegare le ragioni e il significato che dovrebbe avere questa nostra lettura di Gregorio di Tours, nel contesto della documentazione relativa all’ambiente storico e delle tradizioni di cultura e di spiritualità, nelle quali Gregorio di Tours visse e svolse la sua attività di Vescovo, di uomo che fu vicino ai potenti del tempo, di storico che inizia la serie dei più qualificati scrittori di storia dell’età medioevale.

    Alcune sottolineature a matita.

    Visualizza indice

    PREMESSA

    RAFFAELLO MORGHEN – Introduzione alla lettura di Gregorio di Tours

    SOFIA BOESCH GAJANO – Il santo nella visione storiografica di Gregorio di Tours

    LUCE PIÉTRI – Le pèlegrinage martinien de Tourss à l’époque de l’évêque Grégoire

    MICHEL ROUCHE – Francs et Gallo-Romains chez Grégoire de Tours

    MARC REYDELLET – Pensée et pratique politiques chez Grégoire de Tours

    MAY VIEILLARD TROIEKOUROFF – Tours au temps de Grégoire de Tours

    MASSIMO OLDONI – Gregorio di Tours e i «Libri historiarum». Le fonti scritte

    JEAN-BAPTISTE JUNGBLUT – Recherches sur le «rythme oratoier» dans les « Historiarum libri»

    Un Cane di Nome Mente

    Un Cane di Nome Mente

    Yoga e filosofia indiana
    Autore/i: Bharati Swami Veda
    Editore: Mimesis
    traduzione di Daniele Belloni e Susi Stefanini pp. 122, ill. b/n, Milano – Udine

    Addestrare la mente, proprio come fosse un cane fedele e ubbidiente, alla giusta azione, al comportamento equanime nelle relazioni interpersonali, di amicizia, lavoro o amore. L’autore propone da punti di vista sempre originali una filosofia personale della libertà che attinge alla metafisica indiana per suggerire l’attitudine mentale più efficace nei confronti dei grandi temi esistenziali: i misteri della nascita, il cammino della conoscenza, la relazione con la natura, l’amore, la malattia, la morte. Uno straordinario vademecum filosofico che parte dalla coltivazione del sé come presenza permanente e luminosa in grado di accompagnare l’uomo e dirigerlo verso una consapevolezza e una semplicità nel quotidiano che preludono al risveglio spirituale.

    Visualizza indice

    PREMESSA

    I ALLENARE LA MENTE

    II LA PURIFICAZIONE DEL MENTALE

    III L’ATTEGGIAMENTO VERSO LA MALATTIA

    IV LA PSICOLOGIA YOGA

    V LO YOGA NELLA VITA MODERNA

    VI IL SÉ

    VII CONVERGENZE E CONFLUENZE

    VIII CONTINUARE O INTERROMPERE UNA RELAZIONE

    IX L’EDUCAZIONE SPIRITUALE DEI BAMBINI

    X LA VERA CONOSCENZA CHE NASCE DA DENTRO

    XI AUTOREALIZZAZIONE, LA GUARIGIONE FINALE

    XII IL PRINCIPIO DI VASUDEVA

    APPENDICE I: PRIMI PASSI NELLA MEDITAZIONE

    APPENDICE 2: MEDITAZIONI DELLA LUNA PIENA

    MEDITAZIONI DELLA LUNA PIENA: COME POSSONO PARTECIPARE I PRINCIPIANTI

    GLOSSARIO DEI TERMINI SANSCRITI

    SHRI SWAMI RAMA DELL’HIMALAYA

    SWAMI VEDA BHARATI

    SVAMI RAMA SADHAKA GRAMA

    LA TRADIZIONE HIMALAYANA

    L’Europa e il Suo Oriente

    L’Europa e il Suo Oriente

    La spiritualità del cristianesimo orientale
    Autore/i: Bosco Nynfa
    Editore: Edizioni Scientifiche Italiane
    pp. 152, Napoli

    Il cristianesimo è senza dubbio una delle forze storiche che hanno contribuito alla formazione dell’identità europea. Ma la storia dell’Europa è anche la storia della progressiva separazione e del conflitto culturale, politico, religioso tra il suo occidente e il suo oriente. Il crollo del «socialismo reale» ha oggi avviato un arduo
    processo di riunificazione. È dunque urgente che gli Europei dell’est e dell’ovest si conoscano meglio, e imparino ad apprezzare, anziché temere, le «differenze» che li distinguono e li arricchiscono; incluse le differenze ecclesiali. Il futuro dell’Europa passerà anche attraverso il confronto tra le diverse confessioni cristiane. Questo libro vuol essere un piccolo contributo alla causa dell’ecumenismo e al tempo stesso un sommesso suggerimento a cercare nella riappropriazione del nostro «oriente interno», invece che nella fuga verso più remoti e favoleggiati orienti, se non addirittura dal mondo e dalla storia, il rimedio alla crisi attuale dell’occidente.

    Visualizza indice

    Prologo

    Capitolo primo Cenni storici sull’Ortodossia

    Capitolo secondo La spiritualità del cristianesimo orientale

    Capitolo terzo Il mistero della Trinità divina

    Capitolo quarto Il mistero della divumanità di Cristo

    Capitolo quinto Il Paraclito

    Capitolo sesto La deificazione dell’uomo e del mondo

    Capitolo settimo Il mistero della chiesa

    Capitolo ottavo La liturgia e l’icona

    Capitolo nono Il monachesimo come escatologia vissuta

    Il Mito Dacico nella Letteratura Romena dell’Ottocento

    Il Mito Dacico nella Letteratura Romena dell’Ottocento

    Autore/i: Merlo Roberto
    Editore: Edizioni Dell’Orso
    pp. X-404, Alessandria

    Dai cronisti medievali fino agli intellettuali del Novecento, le élite culturali romene hanno dato prova di un costante interesse per la definizione dell’identità nazionale. Tale definizione riposa in primo luogo sulla rivendicazione di un’origine, di un momento fondante che possa avvalorare il passato e garantire il futuro. In tal senso, la determinazione delle caratteristiche e delle specificità della «romenità» ruota da sempre intorno a due grandi miti delle origini nazionali e alla loro reciproca delimitazione: il mito latino e il mito dacico.
    Il presente volume illustra la genesi e l’evoluzione del mito storico-politico dacico, delle sue implicazioni ideologiche e delle sue ipostasi letterarie, chiarendo le circostanze e le ragioni della sua affermazione nello specifico contesto storico e culturale romeno del XIX secolo, segnato dalle lotte diplomatiche e dalle guerre per l’indipendenza dagli Imperi ottomano, asburgico e zarista e dalla complessa e spesso controversa assimilazione di forme e modelli della cultura occidentale. Tenendo conto anche dei problematici sviluppi novecenteschi, il volume traccia un quadro d’insieme delle diramazioni del mito dacico nella letteratura e nella cultura romena dell’Ottocento, con particolare riferimento alla costruzione di una dimensione eroica specifica del mito dacico e alla genesi e all’evoluzione del personaggio di Dochia, autentico «mito letterario» e figura per più versi esemplare dell’immaginario romantico romeno.

    Dopo la laurea e il dottorato in Romenistica, Roberto Merlo è stato per alcuni anni lettore di italiano in Romania. Attualmente insegna Lingua e Letteratura romena presso la Facoltà di Lingue e Letterature straniere dell’Università degli Studi di Torino. Ha pubblicato studi sul mito dacico nella cultura romena dell’Otto e del Novecento, sulla poetica di Marin Sorescu, sulle traduzioni di letteratura romena in italiano e sulla letteratura italofona dell’emigrazione romena, sulla didattica multilingue italiano-romeno, sui fenomeni di interferenza fra le due lingue e sui rapporti linguistici slavo-romeni. Ha tradotto dal romeno opere letterarie, tra cui Gabriela Adameşteanu, L’incontro, nottetempo, 2010 e Doina Ruşti, Zogru, Bonanno, 2010, e saggi specialistici, tra cui Marius Sala, Dal latino al romeno. Introduzione a una storia della lingua romena, Edizioni dell’Orso, 20092 (20041) e Ion Bulei, Breve storia dei romeni, Edizioni dell’Orso, 20062 (19991).

    Visualizza indice

    RINGRAZIAMENTI

    INTRODUZIONE

    Il mito e la Dacia

    1. Apertura

    2. «Mito»

    2.1. Letterarietà del mito – miticità della letteratura

    2.2. Forma – fiction e narratività

    2.3. Senso – significatività e aderenza

    2.4. Modalità – partecipazione e make believe

    3. «Dacico»

    3.1. Denotazioni storiche

    3.2. Connotazioni mitiche

    4. Prospettive

    5. Chiusura

    I. LA VENDETTA DI DECEBALO

    Il mito dacico tra immaginario storico e ideologia politica

    1. Preliminari – memoria, nazione, mito e ideologia

    1.1. Storia, mito e modernità

    1.2. Ideologia, mito e legittimazione

    2. Il mito dacico – origini, evoluzioni e sopravvivenze

    2.1. Il bacino semantico del mito dacico

    2.1.1. Ruscellamenti

    2.1.2. Divisione delle acque

    2.1.3. Confluenze, il nome del fiume e assestamento degli argini

    2.1.4. Istituzionalizzazione pedagogica ed esondazione

    2.1.5. Esaurimento dei delta

    3. Conclusioni – derive e demitizzazioni

    II. L’ARME E GLI AMORI

    Origini, strutture e forme del mito letterario dacico

    1. Preliminari – tentazioni

    1.1. Le «tentazioni» dello spirito

    1.2. Le «tentazioni» della letteratura

    2. Edificazione I – strutture e materiali

    2.1. Fondamenta

    2.2. Variazioni

    2.2.1. Temi

    2.2.2. Motivi

    2.2.3. Figure

    2.2.4. Simboli

    3. Edificazione II – forme e modelli

    4. Conclusioni

    III. LE DIMENSIONI DELL’EROE

    Spazi, tempi e figure del mito dacico in epoca romantica

    1. Preliminari

    2. Fondazioni storiografiche ed edificazioni letterarie

    2.1. Fondazioni storiografiche

    2.1.1. Scavi

    2.1.2. Fondamenta

    2.2. Edificazioni letterarie

    2.2.1. Spazi mitici

    2.2.1.1. La Montagna

    2.2.1.2. Il Fiume

    2.2.2. Tempi mitici

    2.2.2.1. L’Età dell’Oro

    2.2.2.2. Il Risveglio

    2.2.3. Figure mitiche

    2.2.3.1. La genealogia dell’Eroe

    2.2.3.2. Rex nihil desperans: ipostasi epiche

    3. Conclusioni

    IV. I VOLTI DI DOCHIA

    Genesi e metamorfosi di un mito letterario romantico

    1. Preliminari

    2. I «miti» di George Călinescu

    2.1. Mito «letterario» e mito «letterarizzato»

    3. La «nascita» di Dochia: la genesi del mito letterario

    3.1. Le origini del «mito»

    3.1.1. «Sintassi» della variante asachiana

    3.2. Il mito delle «origini»

    3.2.1. «Semantica» della variante asachiana

    3.3. La «geologia» del mito

    4. I «volti» di Dochia: le metamorfosi del mito letterario

    4.1. Dochia come elemento di localizzazione

    4.1.1. Dochia (1851) di Dimitrie Bolintineanu

    4.1.2. Florinta (1880) di Ion I. Bumbac

    4.2. Dochia come genius loci

    4.2.1. Dragoş (1852) di Asachi

    4.2.2. Eroul Ciubăr-vodă (1843) e Dragoş (1868) di Constantin Stamati

    4.2.3. Daciada (1890) di George Baronzi

    4.2.4. Traianida (1868-1869, 1870) di Dimitrie Bolintineanu

    4.3. Introduzione alla complessità della Dochia emineschiana

    5. La «morte» di Dochia: l’obsolescenza del mito letterario

    6. Conclusioni

    BIBLIOGRAFIA

    1. Fonti

    2. Critica

    3. Bibliografia supplementare

    Misteri di Roma

    Misteri di Roma

    Sette notti tra storia e mito, leggende, fantasmi, enigmi e curiosità
    Autore/i: Toso Fei Alberto
    Editore: Studio LT2
    prefazione di Giancarlo De Cataldo pp. 326, nn. ill. b/n, Venezia

    Sette itinerari da percorrere – preferibilmente di notte, passeggiando nel silenzio e riappropriandosi dei luoghi – per immergersi in un viaggio nel tempo e varcare la soglia delle apparenze addentrandosi in una Roma diversa, “sottile” e misteriosa, fatta di segni levigati dal tempo, allegorie e codici arcani da decifrare. Una raccolta di leggende e curiosità, di aneddoti e misteri, di storie lugubri e fatti divertenti che fa di “Misteri di Roma” un modo diverso di visitare la città, avvincente e suggestivo, giocato sul filo di una narrazione in cui demoni, papi e cortigiane, imperatori e vestali, esseri malvagi e fantasmi delicati prendono vita là dove il reale e l’immaginario si intrecciano nella storia dei luoghi attraverso il linguaggio del mito. “Misteri di Roma” è poi arricchito dalla novità del Codice QR (che rimanda a contenuti multimediali grazie alla lettura ottica); presenta infine un corredo fotografico elegante, le mappe dei percorsi e una veste grafica molto raffinata.

    Visualizza indice

    PRIMA NOTTE

    UNA MANO FANTASMA, QUATTRO FIUMI, LA LINGUA DI PASQUINO

    GIORDANO BRUNO, GIULIO CESARE E UN PAPA MORTO NELLO SGABUZZINO

    UNA PARTENZA IMPROVVISA

    LA STORIA CORRE TRA I BANCHI

    IL CONTE TACCHIA, OVVERO LA ROMANITÀ PIÙ VERACE

    COME IL SOGNO DI UNA CAREZZA

    UNA PUNGENTE LINGUA … DI PIETRA!

    TUTTI I SEGRETI DEI QUATTRO FIUMI

    UNA FAMIGLIA AMOREVOLE E UNITA

    SISTO V, CHE BRUTTO CARATTERE …

    UN ASSAGGIO DI RESURREZIONE

    L’ANGELO CHE NON PRESE MAI IL VOLO

    UNO STRAORDINARIO RITORNO ALLA VITA

    LA CADUTA DI UN DIO IN TERRA

    DUE ANZIANE GEMELLE

    LE STATUE MAGICHE A GUARDIA DELL’IMPERO

    UNO SPIRITO PIÙ FORTE DEL FUOCO

    SECONDA NOTTE

    FONTANE, OBELISCHI, UNA PORTA ILLUMINANTE

    BORROMINI, BERNINI. .. E IL BABUINO PARLANTE

    NERONE E IL NOCE DELLE STREGHE

    IL MURO “MALEDETTO”

    MESSALINA, SPETTRO INAPPAGATO

    UNA STATUA PARLANTE … PIENA DI SEGRETI!

    UNA PROPAGANDA … INDIGESTA

    BOCCHE SPALANCATE SULL’IGNOTO

    UNA PICCOLA FONTANA PROFETICA

    LE DOLOROSE FERITE DELLA GUERRA

    UN MISTERIOSO SUICIDIO

    QUATTRO DISINIBITE RAGAZZE

    LA COLONNA DEL TEMPIO CHE CROLLÒ

    ALLE SOGLIE DELLA CONOSCENZA

    TERZA NOTTE

    LA LUPA E I GEMELLI, LA BOCCA TIRANNA, NERONE, CELLINI … E IL PAPA DONNA

    COME SPIARE LA POTENZA DI DIO

    L’AVENTINO, REGNO DI ANTICHI E NUOVI MISTERI

    QUANDO ROMA FINÌ IN CENERE

    LE SPOSE RAPITE

    NIENT’ALTRO CHE LA VERITÀ

    ROMOLO E REMO E LA NASCITA DI ROMA

    “TRA LA VACCA E IL TORO TROVERAI UN GRAN TESORO”

    UN ANGELO INNOCENTE?

    UN DRAGO PRIGIONIERO NELL’INFERNUS

    LE OCHE DEL CAMPIDOGLIO

    SUL TETTO DELLA CITTÀ

    IL FANTASMA DEL SENATORE

    … E LO SPETTRO DEL FRATE ADULTERO!

    L’ULTIMO DEI TRIBUNI

    QUANDO IL SANTO BAMBINO FECE TUTTO DA SOLO

    UFO ANTICHI E MODERNI

    SIMON MAGO E SIMON PIETRO, LOTTA ALL’ULTIMO MlRACOLC

    “IN HOC SIGNO VINCES”

    DIAVOLO DI UN BENVENUTO!

    IL PARTO DELL’IMPERATORE

    LA DONNA CHE VOLLE FARSI PAPA

    QUARTA NOTTE

    CAGLIOSTRO, I POMPIERI, UN SERPENTE CHE NON MINACCIA LA FORNARlNA, RAFFAELLO, TRlLUSSA… E LA PIMPACCIA

    DONNA OLIMPIA, UN PAPA IN GONNELLA

    GLI IMPERATORI DEL “ROMANESCO”

    CICERUACCHIO, EROE DEL POPOLO

    RAFFAELLO TRA INCARNATI E … CARNE

    IL PETROLIO DI TRASTEVERE

    L’INCREDIBILE CONTE DI CAGLIOSTRO

    I POMPIERI DI AUGUSTO

    UN PONTE DAVVERO SFORTUNATO

    QUATTRO TIPI CON LA TESTA SULLE SPALLE …

    BARTOLOMEO CONTRO SAN BARTOLOMEO

    NEL NOME DEL DIO SERPENTE

    QUINTA NOTTE

    TESORI PERDUTI, UNA SCIMMIA, UN PALADINO, VERGINI, CORTIGIANE … E L’ELEFANTE PULCINO

    DUE GEMELLI MOLTO INQUIETI

    I PASSAGGI SEGRETI DI ROMA

    LA STRAORDINARIA FONTE DELLA VERGINE

    SETTE, IL NUMERO MAGICO DI ROMA

    UN OROLOGIO PER CHI NON HA PROBLEMI DI TEMPO

    BELLA DA TOGLIERE IL RESPIRO

    IL TESORO DI SILVESTRO, PAPA MAGO

    UNA SCIMMIA MOLTO MATERNA

    LA CHIESA DELLE MILLE MADDALENE

    CARAVAGGIO TRA SPADA E PENNELLO

    L’ULTIMO DISPERATO GESTO DEL PALADINO

    IL TEMPIO “PADRE” DI TUTTI I TEMPLI

    PRENDERE ELEFANTI PER PULCINI

    SESTA NOTTE

    IL FIUME, IL CASTELLO, LA BAMBOLA D’AVORIO, MICHELANGELO, LA CENCl. .. E LE ANIME DEL PURGATORIO

    TRASLOCHI PERICOLOSI

    LO SPETTRO DEGLI SPETTRI

    UN RAZZO ANTE LITTERAM

    L’UNICA FIRMA DI MICHELANGELO …

    … E QUELLA DELL’AIUTANTE DI CANOVA!

    UN INSOSPETTABILE TRAVAGLIO

    LA MALEDIZIONE DI GREGORIO MAGNO

    HABEMUS PAPAM!

    L’IMBROGLIO DEL GIOVANE WOLFGANG

    IL NOME DEL PAPA

    MASTRO TITTA, UN LAVORATORE INDEFESSO

    TORTURA E MORTE SOTTO L’ANGELO

    LA BARCA MAGICA

    L’INNOCENZA PERDUTA DI BEATRICE

    IL TEVERE, DOVE TUTTO EBBE INIZIO

    UNA “BARBIE” DI DUEMILA ANNI

    LA “NON MORTA” VENUTA DAL PASSATO

    LA CASA DELLE ANIME PERDUTE

    LA PACE CON LA SPADA

    DIRITTO DI PRECEDENZA

    I FANTASMI DEGLI IMPERATORI VERI E FINTI

    SETTIMA NOTTE

    SPETTRI, ANATEMI, PROSPETIlVE E FUGHE, UN PAPA EBREO, UN BORGIA … E QUATTRO TARTARUGHE

    ONOFRIO DEL GRILLO, “IL” MARCHESE

    L’IRA DELL’APOSTOLO

    RODRIGO BORGIA, MOSTRO PER SEMPRE

    IL “MORTO” CHE NON VOLLE FARSI SEPPELLIRE

    I TRE NOMI DI ROMA

    UN DIAVOLO FIGLIO DI PAPA

    L’APPARENZA INGANNA …

    MAMELI E GLI ALTRI, I PRIMI ITALIANI

    UNA ANTICA MATER DOLOROSA

    FIGLI DI ABRAMO ALL’OMBRA DEL CUPOLONE

    IL PAPA EBREO

    LA FONTANA CHE SALVÒ IL DUCA

    L’AMARA ILLUSIONE DI BERENICE

    GOETHE E … IL TEATRO DELLA VITA

    UNA FIGLIA DAVVERO AMOREVOLE

    IL PAPA MORTO CHE FU CONDANNATO A MORTE

    BIBLIOGRAFIA DI RIFERIMENTO

    SITOGRAFIA DI RIFERIMENTO

    RINGRAZIAMENTI DELL’ AUTORE

    Viaggiatori del Tempo

    Viaggiatori del Tempo

    Autore/i: Kolosimo Peter
    Editore: Mursia
    pp. 216, 78 ill. b/n f.t., ill. b/n, Milano

    «Se esiste la possibilità di viaggiare nel tempo, essa è puramente illusoria: realizzandola, infatti, noi non ce ne andremmo a spasso per quello che è stato il passato o sarà il futuro del nostro pianeta, ma in un’altra dimensione.»

    È possibile che alcune scoperte o invenzioni di cui diamo il merito esclusivo all’epoca moderna fossero già note e in uso presso antichissimi popoli asiatici e americani. È ciò che lascia intuire questo viaggio attraverso la scoperta di misteriosi disegni sulle pietre, saghe di civiltà sconosciute, città d’argento, colline d’oro, nubi misteriose, presenze ignote e macchine volanti. Un viaggio nel tempo che porta dai pellerossa ai maya alla cultura nazca, dalla Siberia al Sahara fra i misteri del passato e del futuro.

    Peter Kolosimo (1922-1984), giornalista e divulgatore scientifico, è stato uno degli scrittori più letti in Italia e nel mondo. Con Non è terrestre, il suo testo più celebre, vinse il Premio Bancarella nel 1969. Mursia ha ottenuto l’esclusiva dell’intera sua opera.

    Iniziazione e Misteri

    Iniziazione e Misteri

    Gli Arcani della Vita Spirituale e i Misteri dell’Antichità. L’iniziazione orientale-cristiano-gnostica e RosaCroce
    Autore/i: Steiner Rudolf
    Editore: Rebis
    nuova edizione a cura di Pier Luca Pierini R. pp. 130, Viareggio (LU)

    Un allenamento graduale di tutto l’essere umano ad ascendere le vette dello spirito, dall’alto delle quali si può dominare la vita, raggiungere la percezione spirituale diretta, schiudere i sentieri della conoscenza dell’Invisibile, vincere il destino, divenire iniziatore, profeta, tergo e conquistare la propria libertà divina.

    Argomenti del testo: opere di Steiner, il Giardino della Maturità e gli arcani del mondo, facoltà e poteri dell’anima, l’investigazione trascendentale, le verità della vita spirituale, il Cristianesimo Esoterico e i Grandi Iniziati, il risveglio alla Verità, Misteri Egizi-Mithriaci-Orfici-Bacchici-Elusini, elevazione della natura umana, i benefici della sapienza. La Missione dei Misteri, il Guardiano della Soglia, le Guide Iniziatiche, l’Occulto, significato delle parole Bibliche, effetti negativi del Karma, le impressioni sensorie e la libera volontà ecc.

    Visualizza indice

    Opere di Rudolf Steiner

    Preambolo del traduttore

    Iniziazione e misteri

    Appendice

    Metodo Orientale

    Metodo Cristiano

    Metodo Rosicruciano

    La Novena di Fuoco

    La Novena di Fuoco

    Il culto sciamanico Muerte Negra
    Autore/i: Mansuino Daniele
    Editore: Amenothes
    pp. 260, Genova

    Questa opera sul culto sciamanico della Santisima Muerte Negra può essere suddivisa in tre parti. I primi quattro capitoli trattano gli aspetti exoterici del culto; quelli aperti a tutti, celebrati da migliaia di persone in Messico, Argentina e col trascorrere del tempo in sempre più numerosi Paesi del mondo. Nei tre capitoli successivi, dei suoi aspetti esoterici o segreti.

    Nell’ambito di un culto sciamanico, la suddivisione tra exoterismo ed esoterismo potrebbe apparire contraddittoria, perché queste categorie sono applicabili soprattutto alla spiritualità delle culture europee; ma a partire dal ventesimo secolo, la tendenza a distinguere tra due differenti forme di insegnamento, una più esteriore e una più segreta, ha cominciato ad estendersi anche ad una parte delle macumbe interetniche latinoamericane, ovvero a quei culti americani di origine sciamanica caratterizzati da un percorso di sincretismo con la cultura occidentale.

    Infine, gli ultimi sei capitoli sono dedicati a quello che forse è il più segreto dei rituali esoterici della Santisima: la cosiddetta Novena di Fuoco, interamente volta alla trasmutazione interiore.

    Per comprendere esattamente di che si tratti, occorrerà al lettore un … cambiamento di dimensione che lo proietti nel misterioso mondo delle scuole trasmutatorie, ovvero quelle ristrette associazioni che da innumerevoli secoli si tramandano di generazione in generazione le tecniche di trasmutazione interiore.

    Visualizza indice

    • Cap. I

    • Cap. II

    • Cap. III

    A. ORAZIONI D’AMORE

    • Preghiera per la buona fortuna in amore

    • Preghiera alla Santisima Muerte Negra per attirare l’amore

    • Orazione per attirare la persona amata

    • Orazione per il trionfo nell’amore

    • Orazione per la fortuna in amore

    B. GRAZIANI E RITUALI PER FORTUNA E PROTEZIONE

    • Orazioni per ottenere vari benefici

    • Orazione per ritrovare un oggetto smarrito

    • Orazione della falce protettrice

    • Orazione di protezione alla Santa Morte

    • Orazione della pace in famiglia

    • Orazione per proteggere i propri affari e i propri averi

    • Preghiera alla Santisima Muerte Negra per attirare fortuna

    • Rituale della Santisima Muerte Negra per il successo negli affari

    • Per la protezione della casa

    • Per la fortuna in affari

    • Per arrecare buona fortuna a uno studio legale

    • Per arrecare fortuna a un istituto di bellezza

    • Per arrecare fortuna a un’officina meccanica

    • Rituale contro l’alcolismo

    • Per la fortuna di un negozio di alimentari

    • Per la fortuna di un ufficio

    • Rituale per avere fortuna negli studi

    • Per la fortuna di un viaggiatore

    • Per la fortuna di un negozio in generale

    • Rituale per la fortuna

    • Per trovare lavoro

    • Preghiera per vincere al gioco

    Cap. IV

    C.

    • Orazione per colpire i nemici

    • Preghiera per la morte di un nemico

    D.

    Amuleti e Talismani

    E.

    • Rituali speciali

    • Santa mano della Morte (per soddisfare i desideri più difficili)

    • Novena exoterica de la Santa Muerte Negra

    • Rituale per l’accesso al culto esoterico della Santisima Muerte Negra

    • I Sette sigilli

    Le Esposizioni

    Le Esposizioni

    Esposizioni 11-23
    Autore/i: Afraate
    Editore: Paideia
    volume 2, a cura di Giovanni Lenzi pp. 272, Brescia

    Le Esposizioni di Afraate sono uno dei testi più importanti della letteratura siriaca. Composte tra il 336 e il 345 d.C. rappresentano la più antica opera datata pervenuta in questa lingua e forniscono un interessante e variegato panorama della chiesa in Persia nel IV secolo. L’autore appartiene a un particolare gruppo ecclesiale, tipico di questa regione, denominato «membri del patto» e composto da consacrati che vivono solitari o in piccole comunità, senza che per questo siano staccati dal resto della chiesa, ed è a questi che egli rivolge le sue esortazioni alla preghiera, al digiuno, alla perseveranza e alla carità. Tratto tipico dell’opera sono le frequenti citazioni sia dall’Antico sia dal Nuovo Testamento, a dimostrazione della formazione eminentemente biblica di un autore che d’altro canto non mostra il minimo interesse né per la filosofia greca né per le controversie cristologiche che travagliano la sua epoca. – Il secondo volume comprende le esposizioni 11-23, dedicate, tra altro, alla circoncisione, alla Pasqua, al Sabato, al Messia, alla persecuzione, ecc. Il volume si conclude con utili indici parziali.

    Visualizza indice

    Esposizione 11

    La circoncisione (Giovanni Lenzi)

    Esposizione 12

    La Pasqua (Ignazio De Francesco)

    Esposizione 13

    Il Sabato

    (Giovanni Lenzi)

    Esposizione 14

    La persuasione (Claudia Tavolieri)

    Esposizione 15

    Le norme nell’alimentazione (Marco Moriggi)

    Esposizione 16

    Le genti hanno preso il posto del popolo di Israele (Alessandro Mengozzi)

    Esposizione 17

    Il Messia Figlio di Dio (René Roux)

    Esposizione 18

    Contro gli ebrei e sulla verginità e santità (Giovanni Lenzi)

    Esposizione 19

    Contro gli ebrei, che dicono che è stabilito che devono essere radunati (Manel Nin)

    Esposizione 20

    La cura dei poveri (Manel Nin)

    Esposizione 21

    La persecuzione (Giovanni Lenzi)

    Esposizione 22

    La morte e gli ultimi tempi (Emidio Vergani)

    Esposizione 23

    L’acino (Giovanni Lenzi)

    Indice analitico

    Indice dei passi biblici

    Grammatica del Neopersiano

    Grammatica del Neopersiano

    Autore/i: D’Erme G. M.
    Editore: Istituto Universitario Orientale
    pp. 406, Napoli

    Ristampa anastatica novembre 2005

    Le Lingue Romanze

    Le Lingue Romanze

    Profilo storico-comparativo
    Autore/i: Barbato Marcello
    Editore: Laterza
    premessa dell’autore. pp. XII-180, ill. b/n, Bari

    Una presentazione chiara e rigorosa dei principali cambiamenti fonologici e morfosintattici occorsi nell’evoluzione dal latino alle lingue romanze. Il testo colma un vuoto nell’offerta didattica per l’università: esistono infatti numerosi manuali che trattano la storia esterna delle lingue romanze o che si concentrano sullo sviluppo dei generi testuali, mentre minore attenzione è dedicata alla grammatica storica. L’evoluzione è studiata sistematicamente per sardo, romeno, italiano, romancio, francese, occitano, catalano, spagnolo e portoghese. La conoscenza del latino non è presupposta. I principi della linguistica storica sono esplicitamente introdotti e illustrati.

    Marcello Barbato insegna Filologia e linguistica romanza presso l’Università di Napoli “L’Orientale”. I suoi interessi vanno dalla filologia medievale alla dialettologia, passando per la storia della lingua, la lessicografia, l’etimologia e la grammatica storica. Tra le sue pubblicazioni: Il libro VIII del Plinio napoletano di Giovanni Brancati (Napoli 2001); Lu Rebellamentu di Sichilia (Palermo 2010); Cronache volgari del Vespro (Roma 2012).

    Metafisica

    Metafisica

    edizione con testo a fronte
    Autore/i: Aristotele
    Editore: Laterza
    introduzione, traduzione e cura di Enrico Berti. pp. XXXIII-670, Bari

    In un’epoca appiattita sull’attualità, alla ricerca di senso, la filosofia e i suoi classici continuano a indicare essenziali punti di orientamento e possono fornirci le chiavi interpretative del nostro futuro.
    La Biblioteca Filosofica Laterza raccoglie opere che hanno formato la cultura filosofica occidentale e documenta la varietà di voci di cui essa si compone.
    La collana presenta testi rispondenti a rigorosi criteri scientifici di edizione, introdotti e curati dai massimi studiosi.
    La Metafisica rappresenta una delle opere più straordinarie del pensiero filosofico. In questa edizione con testo a fronte, la nuova traduzione e il commento di Enrico Berti, il più autorevole studioso italiano di Aristotele.
    La traduzione si basa sul testo dei manoscritti della cosiddetta ‘famiglia alpha’, oggi riconosciuti come i più affidabili perché non influenzati dal commento di Alessandro di Afrodisia e degli altri commentatori antichi. Essa si differenzia da quelle disponibili per il suo carattere il più possibile letterale, che aderisce al testo greco rendendo tra virgolette i neologismi e le espressioni tecniche introdotte da Aristotele. Il testo originale è quello dell’edizione Ross, ma si segnalano in nota tutti i passi in cui la traduzione se ne discosta. Le note aiutano la comprensione dei passi più difficili e danno conto dell’avanzamento degli studi più recenti. L’introduzione, infine, propone una nuova interpretazione complessiva della Metafisica di Aristotele, che Enrico Berti ha maturato in oltre cinquant’anni di studi.

    Antiche Leggende Incantesimi e Fate della Verde Irlanda

    Antiche Leggende Incantesimi e Fate della Verde Irlanda

    La magia popolare della terra di Erin
    Autore/i: Speranza Wilde Francesca
    Editore: Om Edizioni
    pp. 186, Quarto Inferiore (BO)

    Un meraviglioso viaggio nel mondo delle Fate irlandesi e della magia popolare, delle credenze e delle usanze del popolo di Erin.
    Il calendario celtico pagano e le usanze legate a queste occasioni; i festival fatati, la magia, la divinazione, la medicina popolare.
    Dalla magica Irlanda, culla dei Celti e della magia naturale, una inestimabile raccolta di antiche leggende, usanze ed incantesimi.
    Le proprietà delle erbe ed il loro uso tra medicina e magia.

    Tantra & Amore

    Tantra & Amore

    Il corpo e l’anima – Nuovi strumenti per la relazione
    Autore/i: di Capua Gloria; Lambardi Maurizio
    Editore: Anima
    pp. 136, Milano

    Per poter vivere relazioni sane è necessario prima di tutto imparare a relazionarsi con noi stessi: una relazione appagante, viva, passionale e intima è un qualcosa che può essere trovato attraverso nuovi strumenti di ricerca interiore che mettono insieme corpo, mente, spirito ed emozioni. Il corpo diviene tempio dell’anima, è il luogo dove cui nasce il piacere, l’amore e la vitalità.
    Per poter accrescere il senso di benessere in noi stessi, piuttosto che concentrarci sull’esterno, abbiamo bisogno di buona volontà per conoscerci nel profondo e assumerci la responsabilità dei nostri comportamenti che spesso boicottano la nostra felicità.
    L’approccio che porta a una conoscenza approfondita di noi stessi può avvenire, oltre che dall’osservazione di come agiamo nella nostra vita, anche dall’utilizzo della relazione che stiamo vivendo come specchio di noi stessi. Sensazioni come fiducia, amore, vitalità, passione, nascono nel nostro corpo e, come i momenti di pieno appagamento, richiedono presenza ed espressione corporea; è pura illusione attribuirli a entità estranee a noi.
    l libro ci guida alla scoperta di un nuovo metodo, il quale integra un approccio orientale di antica saggezza come il Tantra a nuove tecniche occidentali che integrano corpo e mente, che ci accompagna in un percorso di ricerca interiore e di risveglio della coscienza verso la riscoperta di noi stessi, nell’ottica di costruire relazioni più sane con l’altro.

    Gloria di Capua & Maurizio Lambardi. Li accomuna il percorso con il neo-tantra e la formazione in Integrative Body Counseling. Specializzati in costellazioni familiari e counseling a mediazione corporea, Maurizio e Gloria sono “coppia” professionale e nella vita. Sviluppano un personale metodo di lavoro e intervento sulla persona dove il focus è la presa di coscienza, un viaggio prima di tutto vissuto nella relazione di coppia fra Gloria e Maurizio: non più concetti astrusi da manualistica, ma insegnamenti concreti e tangibili nella vita di tutti i giorni.
    Da alcuni anni organizzano in Italia sessioni di gruppo, individuali e di coppia sull’evoluzione personale e la cura della relazione. Grazie alla loro esperienza e competenza professionale e alla loro vita di coppia, sviluppano un nuovo metodo rivolto alla crescita personale e alla cura della relazione: l’Active Integrative Method, che unisce tecniche orientali propriamente legate al tantra, alla meditazione, a quelle occidentali come il counseling ad approccio corporeo e le costellazioni familiari, come strumento per approfondire l’intimità, l’amore e superare situazioni difficili e conflittuali nella vita.

    Visualizza indice

    Prefazione
    La nostra storia
    Introduzione
    1. Conoscere te stesso e il tuo modo di essere
        Strati dell’io
            1° Strato: agency
            2° Strato: il carattere
            3° Strato: lo scenario primario – ferite ed emozioni
            4° Strato: il nucleo
    2. Le dinamiche di coppia
        I quattro elementi dell’intimità
            Comunicazione empatica
            Ascolto attivo
            Esprimere correttamente le proprie emozioni
            Risanare un rapporto ferito
            L’arte di parlare dal cuore
            La cornice
        Il meccanismo vittima, carnefice e salvatore
        La polarizzazione
    3. Crescere in coppia
        Andare oltre le idee
        Crescere in coppia: la relazione che dura
        Le fasi della coppia
            Prima fase detta “Simbiosi”
            Seconda fase detta “Differenziazione”
            Terza fase detta “Sperimentazione”
            Quarta fase detta “Riawicinamento e amore”
            Quinta fase detta “Interdipendenza e sostegno reciproco”
        Accogliere la vulnerabilità
        Il coraggio di cambiare
    4. Amore e piacere nella relazione
        Una questione di impegno
            Creare spazi per il gioco e il piacere
            Focus sulla positività
            Prendersi in giro e scherzare
        Il gioco, l’eros e la passione nella coppia
            Sessualità e passione
            Sensualità e sessualità
        L’orgasmo
            La carica energetica
            Nessuno è responsabile dell’orgasmo dell’altro
        L’eros
            Le fantasie erotiche
        Accendere il desiderio e la passione
            La distanza giusta
            Oltre le idee fisse e il mito della coppia perfetta
            Passare da vittima a regista
    5.1 chakra e la coppia
        Cosa sono i chakra
        Le fasi di sviluppo umano in relazione ai chakra
        I chakra e la coppia
            Le polarità maschili e femminili
            L’unione tra sesso e cuore
        II risveglio corpo-mente: liberare l’energia dei chakra
        La meditazione
        La meditazione tantrica
        La danza
        Sustaining Constancy Exercises
        Chakra Breathing Meditation
    6. Alla scoperta dell’amore
        Il mistero dell’amore
            Le tre componenti dell’amore
        Ti amo
            Ti amo così come sei e non per quello che fai
            L’amore relativo
            Dall’amore relativo a quello incondizionato
            L’amore incondizionato
        L’amore è
    Epilogo
    Credits

    Budo Taijutsu

    Budo Taijutsu

    Tecniche segrete di combattimento senza armi dei samurai
    Autore/i: Hatsumi Masaaki
    Editore: Edizioni Mediterranee
    foto di Mizuho Kuwata e Minoru Hirata, traduzione dall’inglese di Andrea Tranquilli. pp. 208, 420 fotografie b/n, 7 fotografie a colori, Roma

    Masaaki Hatsumi, il più famoso Gran Maestro ninja vivente, esplora in questo libro l’essenza di alcune tecniche di combattimento senza armi proprie delle arti marziali giapponesi, note come Budo Taijutsu. Si tratta di metodi estremamente specialistici, selezionati tra la messe di insegnamenti segreti del ricco retaggio di varie scuole del Paese.
    Attraverso una serie di tecniche tramandate attraverso i lignaggi dei grandi maestri, il praticante sarà in grado di eludere o ricevere un attacco anche da parte di un avversario armato di spada, per poi reagire con pugni e calci fino a immobilizzare o controllare il corpo dell’aggressore. Tali arti di combattimento – trasmesse all’autore dal maestro Toshitsugu Takamatsu e derivanti da scuole diverse come il Kosshijutsu della Gyokko-ryu, il Koppojutsu della Koto-ryu e il Ninpo Taijutsu della Togakure-ryu – sono diventate in seguito la base di molte altre arti più popolari, inclusi il Jujutsu e il Judo.
    Quest’opera offre al lettore una conoscenza unica di alcune delle aree meno note delle arti marziali giapponesi, aumentando così la sua comprensione delle loro radici e consentendogli, allo stesso tempo, di apprendere ulteriori tecniche di lotta.
    Con le sue numerose foto di tecniche e di rari disegni, dipinti, documenti e rotoli segreti, Budo Taijutsu costituirà un’inestimabile aggiunta alla biblioteca di chiunque sia interessato agli aspetti più esoterici dell’antica storia marziale nipponica.

    Masaaki Hatsumi è un Maestro di Ryu che, rifacendosi all’antica scuola, ha riadattato le tecniche del bastone in modo da renderle utilizzabili anche oggi.

    Conoscenza dell’Uomo

    Conoscenza dell’Uomo

    Autore/i: Adler Alfred
    Editore: Arnoldo Mondadori Editore
    premessa dell’autore, traduzione dal tedesco di Gerardo Fraccari. pp. 270, Verona

    Per realizzare una vita equilibrata, sia nell’ambito individuale sia in quello sociale, è necessario che l’uomo abbia coscienza delle forze psichiche e dei motivi psicologici che lo spingono ad agire secondo determinate linee di condotta. Sebbene un vivo impulso alla comprensione reciproca sia alla base della convivenza sociale, troppo spesso – e per lo più per ignoranza  gli uomini falliscono nello stabilire rapporti con i propri simili, il che porta alle molte note false e disarmonie che minano alla base la struttura della famiglia e della società. Se la conoscenza dell’uomo fosse più profonda, la vita in comune risulterebbe molto più facile, in quanto più scarse sarebbero le possibilità di ingannare e di venire ingannati. Questo libro, nato da un corso di lezioni tenute dinanzi a un numeroso pubblico alla Volksheim di Vienna, intende per l’appunto offrire al lettore una guida alla conoscenza dell’uomo e delle cause prime del suo agire, dimodoché il singolo, riconoscendo i suoi errori e chiarendo a se stesso le leggi del proprio cosmo psichico, possa adattarsi meglio alla convivenza con i suoi simili e divenire un elemento felicemente integrato nell’ambiente sociale in cui vive.

    Alfred Adler nacque a Vienna il 7 febbraio 1870. Laureatosi in medicina nel 1895 esercitò in quella città la professione con particolare riguardo alle malattie nervose .. Nel 1892 cominciò, con un’inchiesta nelle scuole di Vienna, le sue indagini per la prevenzione della delinquenza infantile; nel 1924 iniziò il suo insegnamento di psicologia nell’Istituto pedagogico della città di Vienna; nel 1927 passò per un breve periodo alla “Columbia University” di New York dove si stabili definitivamente nel 1932. Seguace, in un primo tempo, della psicoanalisi freudiana se ne distaccò in seguito, fondando una scuola da lui definita della “psicologia individuale”, incentrata nello studio dell’istinto di dominazione. Mori ad Aberdeen (Scozia) il 28 maggio 1937.

    La Frase

    La Frase

    Lingua cinese moderna standard – La frase semplice – Il periodo composto – Il periodo complesso
    Autore/i: Madaro Federico
    Editore: Edizioni SEB27
    prefazione di Mao Wen, introduzione dell’autore. pp. 224, Torino

    Il progetto Lingua cinese moderna standard intende presentare agli studenti di cinese – dai principianti ai più esperti – un’analisi della grammatica attraverso capitoli e paragrafi particolareggiati in cui, a fianco delle spiegazioni dei fenomeni linguistici, viene fornito dall’autore un cospicuo repertorio di esempi, cardine del lavoro articolato nei due volumi indipendenti La parola [v] e La frase.
    La grammatica cinese è da sempre considerata materia di difficile inquadramento a causa di due fattori principali: la natura isolante delle parole cinesi, sostanzialmente prive di variazioni morfologiche che ne indichino tratti grammaticali o sintattici, e la prevalenza di regole posizionali rispetto alle regole sintattiche nella formazione di frasi. Per questo motivo la grammatica cinese è talvolta ritenuta in apparenza “facile” se rapportata agli altri aspetti della lingua, quali i caratteri o la fonetica. Tuttavia analizzando la materia secondo rigorosi principi grammaticali e sintattici di derivazione classica si dimostra che, se è vero che l’assenza di variazioni delle parole libera lo studente dal gravoso sforzo di memorizzazione di regole morfologiche, la mancata comprensione del complesso sistema di pesi e contrappesi di carattere posizionale finalizzati alla formazione di frasi spesso induce a commettere errori di costruzione che minano l’intelligibilità dell’enunciato.
    L’analisi del periodo proposta allo studente e svolta nel volume La frase attraverso una ricca collezione di esempi d’uso, dopo un’iniziale presentazione della struttura fondamentale della frase (tema e commento), si dipana secondo tre argomenti principali: la frase indipendente, il periodo composto e il periodo complesso. Nella prima sezione vengono presi in esame i vari tipi di frase semplice (informativa, interrogativa, volitiva, esclamativa); nella seconda vengono presentate le frasi coordinate (giustapposte, correlate); nella terza si considerano i vari tipi di subordinazione (causale, ipotetica, concessiva eccetera) e le relative congiunzioni. L’ampio novero di esempi illustrativi originali è arricchito da numerose citazioni tratte da varie fonti, quali testi giornalistici, testi di saggistica e testi letterari di celebri autori moderni e contemporanei.

    Federico Madaro è professore a contratto di Lingua e Letteratura cinese presso il Dipartimento di Lingue e Letterature straniere e Culture moderne dell’Università di Torino. Per più di quindici anni ha svolto attività di insegnante di lingua cinese per stranieri e di lingua italiana per cinesi presso università, istituti pubblici o privati e aziende. È autore di articoli scientifici in ambito sinologico, ha curato l’edizione italiana di opere sulla Cina e sull’Asia e ha tradotto numerosi racconti cinesi su riviste letterarie. Tra i suoi lavori il volume “Ta ma de” e altre insolenze. Il linguaggio trasgressivo nel cinese moderno (Cafoscarina, 1997).

    Strenna dei Romanisti – XVI 1955

    Strenna dei Romanisti – XVI 1955

    Autore/i: AA. VV.
    Editore: Staderini Editore
    pp. 342, nn. tavv. b/n f.t., ill. b/n, Roma

    SILVIO NEGRO – Appunti sull’antiroma
    DANIELE VARÈ – Spettri della scalinata
    CORRADO ALVARO – Lazio, commento di Roma
    GIULIO CESARE SANTINI – Er pastorello de Cerveteri
    LUCIANO FOLGORE – Stagioni romane
    ALBERTO MORAVIA – Un caso fortunato
    ANTONIO BALDINI – Bismarck e Antonio, ma niente doppio gioco
    BINO SANMINIATELLI – Trilussa e i pantaloni bianchi
    PIO PECCHIAI – Un vescovo e un fraticello sulla cupola di San Pietro
    ADRIANO GRANDE – Notte romana
    PIETIlO PAOLO TROMPEO – Al tempo del modernismo
    ALDO BOZZI – Il «Quadrilatero di scorrimento»
    ORFEO TAMBURI – «Amore di Roma»
    GILLA GREMIGNI – Folgore e Trilussa
    ANTONIO MUNOZ – Stranieri a Roma ai primi dell’ottocento
    LIBERO BIGIARETTI – Cartolina dal Piemonte
    GIUSEPPE ALBERTI – Enrico Fermi in un laboratorio scientifico romano
    DARIA BORGHESE – Paolo Bril sconosciuto
    LIBERO BIGIARETTI – Invito a Roma
    VITTORIO CLEMENTE – In casa dei Romanisti
    ROMOLO LOMBARDI – Colloquio co’ Augusto Sindici
    SCELEDRO – I settantacinque anni del Banco di Roma
    MARIO LIZZANI – Un amico d’America fra i romani del 1849
    LUIGI HUETTER – Sanzioni esemplari per un crollo edilizio nella Roma del primo Ottocento
    OTTORINO MORRA – Un volontario di Pio IX
    GOFFREDO CIARALLI – Senza scrupoli
    LEONE GESSI – Papa Benedetto XV
    CECCARIUS – «Roma e il suo fiore» (ricordi del 1871)
    ETTORE VEO – Pascarella e Trilussa
    MARIO VERDONE – La giostra a Corea
    LEONARDO KOCIEMSKI – Tarragona, figlia iberica di Roma
    GIANNETTO AVANZI – Pseudonimia romana e romanesca
    ALBERTO DE ANGELIS – Giovanni Sgambati: musicista fuori tempo
    WOLF GIUSTI – Majkov e Roma
    MARIO DELL’ARCO – Santa Marinella
    GUSTAVO BRIGANTE COLONNA – Nicola Marchese
    RODOLFO DE MATTEI – Pro e contro la «palla»
    Padre FRANCESCO FERRAIRONI – L’ospitalità di Roma nelle sue iscrizioni latine
    ARMANDO LODOLINI – Frati Agostiniani in Roma (1254-1870)
    LUIGI BARTOLINI – Ritratto
    GIOVANNI ORIOLI – «Arcidi» e trapezisti in Belli e Pascarella
    GUGLIELMO GATTI – Una curiosa dedica di Gabriele d’Annunzio
    CARLO A. ZANAZZO – E lo scirocco che scopre er gioco
    ANGELO STEFANUCCI – Testimonianze straniere sui Presepi romani dei secoli XVIII e XIX
    GIOVANNI INCISA DELLA ROCCHETTA – Del giardino Chigi alle Quattro Fontane
    LUIGI PIROTTA – L’amore per Roma di un non romano
    ARMANDO FEFÈ – L’archetti de San Giovanni e Paolo
    EMMA AMADEI – Manoscritti e incunabuli alla Mostra del Libro Mariano
    ALBERTO M. GHISALBERTI – Mario Menghini
    FRANCESCO POSSENTI – La federazione universale
    LUIGI GIORDANI – Primi passi di una clinica romana
    LIVIO JANNATTONI – Metropolitana, circonvallazione, strade mobili e traslatori
    ERMANNO PONTI – Ippolito diavolo matto
    Il nuovo edificio per la Sede dell’Istituto Mobiliare Italiano (I.M.I.)
    e dell’Ufficio Italiano dei Cambi (U.I.C.)
    RENATO LEFEVRE – Gli «Indiani» a Roma
    VINCENZO MISSERVILLE : Santa Maria in Cappella
    NELLO VIAN – Sera su Clelia
    ETTORE DELLA RICCIA – Roma è pronta ad accogliere i Giochi Olimpici del 1960
    CARLO PIETRANGELI – Come fu acquistata la «Venere Capitolina»
    GIORGIO BINI – Un sonetto romanesco del Belli stampato a Parigi nel 1846
    SANTE MONTANARO – Fari di fede nella Roma di oggi
    GIULIETTA PICCONIERI – Senza luna
    FRANCESCO BARBERI – Gli avvisi a stampa nella Roma del Cinquecento
    ROBERTO OLMI – Alpini a Roma
    ER PUPAZZARO – Un’incisione ignorata del Piranesi
    NINO BUZZI – Fiumaroli e non fiumaroli
    BRUNO PALMA – Roma numero due
    OTTAVIO LANCIOTTI – Chiese romane: S. Marco
    GIUSEPPE BORGIOLI – I fasti di Roma avvenire
    GIOVANNI BERLINGUER – Gli Ospedali disuniti
    TULLO TOIlIlIANI – Una famiglia romana d’artisti
    AROLDO COGGIATTI – Vincenzo Taburet
    GIUSEPPE VACCHINI – Le tre Madonne ai Parioli
    PIERO SCARPA – Adattamenti edilizi a Montecitorio dal ’70 in poi: dall’aula Comotto all’aula Basile
    PIETRO FROSINI – Carlo Maderno architetto e idraulico
    LEOPOLDO SANDRI – Pallade Bambina
    Indice delle illustrazioni

    Libreria ASEQ s.r.l. - Via dei Sediari, 10 - 00186 Roma - Tel. 06 6868400 - Partita IVA 08443041002