Libreria ASEQ - Via dei Sediari, 10 • 00186 Roma - Email: info@aseq.it - Tel. 06 6868400

Maschere dell’Himalaya e del Tibet

Maschere dell’Himalaya e del Tibet

Autore/i: Candellero Massimo
Editore: Marco Valerio
con una premessa di Aldo Proserpio pp. 360, completamente illustrato a colori, Cercenasco (TO) Prezzo: € 150,00

La Maschera ha avuto ovunque larga diffusione, a diversi livelli culturali. Poche sono le aree geografiche dove non fu mai impiegata ed anche in quelle fu comunque diffuso il Mascheramento, attraverso la pittura corporale ed il tatuaggio.

L’origine della Maschera, inoltre, è antichissima: graffiti e dipinti ce ne testimoniano l’uso già da parte dei cacciatori paleolitici; uso che certo si accrebbe di nuovi impieghi cultuali e religiosi con la rivoluzione agricola del neolitico.

Su tali antichi ed universali impieghi ci possono illuminare le testimonianze forniteci dallo sciamanesimo, come, più in generale, dalle tradizioni rituali e dai manufatti artistici di vari popoli dell’Africa, dell’America e dell’Asia. In relazione a tale soggetto, un particolare interesse riveste l’area tibeto-himalayana.

Qui, infatti, sono presenti una varietà di popoli ed una complessa stratigrafia di credenze: molte delle quali ancora vitali, nonostante la loro lontana origine e le tante trasformazioni avvenute nel corso dell’ultimo secolo.

In esse, sotto le più recenti e complesse elaborazioni filosofiche e religiose dell’Induismo e del Buddhismo, è così tuttora possibile studiare le tracce di un primordiale animismo e di un remoto sciamanesimo pan-asiatico.

In questo volume viene dunque descritto, innanzitutto, un quadro della complessa realtà etnica del mondo himalayano. Quindi, vengono esaminate le principali valenze simboliche, cerimoniali e religiose che, in esso, sono state svolte dalla Maschera e dalla pratica del Mascheramento, nel corso del tempo. Tali valenze sono numerose, poiché comprendono la superficie e la magia, il mito e la fede religiosa, la rappresentazione storica e la pura forma di divertimento. La Maschera appare talora come una semplice espressione popolare; ma in altri casi racchiude pure profonde allegorie e arcani significati simbolici di carattere esoterico: non a tutti, dunque, immediatamente comprensibili.

Visualizza indice

Premessa

Parte I

Distinzioni

Maschere classiche
Maschere di villaggio
Maschere arcaiche

Aree di provenienza

Il Terai

I Tharu I Rajbansi
I Rabhas
Satar e Santal

Bengala, Bihār, Jharkand e Orissa

Il Chhau
Ravankata e Ramlila
Gambhira
Polia e Desi
I Dhimal

Il medio Himalaya

I Kiranti
I Rai
I Limbu
Tamang, Magar e Gurung

Le valli centrali

Le alte terre

La Mongolia
Gli Sherpa
Il Sikkim
Il Bhutan

Storia e simbologia del ’Chams

La tradizione Nyingmapa e le danze sacre
La tradizione Sakyapa
La tradizione Kagyugpa
La tradizione Gelugpa
Alcune figure del folclore antico

Maschere cultuali e oracolari

Parte seconda

Apparato iconografico

Riferimenti bibliografici

Indice dei nomi delle divinità e delle personalità storiche

Indice delle etnie e delle località

Vai alla scheda libro e aggiungi al carrello Modalità di acquisto

Commenti

Lascia un commento




Libreria ASEQ s.r.l. - Via dei Sediari, 10 - 00186 Roma - Tel. 06 6868400 - Partita IVA 08443041002