Libreria ASEQ - Via dei Sediari, 10 • 00186 Roma - Email: info@aseq.it - Tel. 06 6868400

La Religione nell’U.R.S.S.

La Religione nell’U.R.S.S.

Autore/i: AA. VV.
Editore: Feltrinelli
prima edizione, a cura di Alessandro Bausani, prefazione di Ernesto de Martino, introduzione di A. Usakowski, nota del traduttore. pp. XXII-418, Milano. Prezzo: € 28,00

“La religione dev’essere dichiarata un affare privato”: con queste parole Lenin definiva nel 1905 l’atteggiamento dei socialisti verso la religione. Dalla rivoluzione bolscevica ad oggi il problema religioso in URSS, anche se non fu mai portato in primo piano, venne tuttavia affrontato con particolare attenzione: ci si occupò attivamente non solo delle questioni organizzative, dei rapporti fra chiesa e stato, ma anche della critica all’ideologia religiosa che gli uomini politici abbandonarono agli studiosi di storia delle religioni quando la rivoluzione ebbe definitivamente ricondotto la fede nell’ambito del privato. Spenti così gli ultimi bagliori di una battaglia che aveva fatto scorrere fiumi di inchiostro di qua e di là delle frontiere russe, ristabiliti fra chiesa e stato rapporti normali, si passò dall’aspra polemica condotta servendosi di ogni mezzo di pressione, lo studio più distaccato delle varie forme di coscienza religiosa, all’indagine storica di istituzioni, culti e professioni. Quanto si sia fatto in’ URSS in questo campo e quanto rimanga ancora da fare il lettore potrà scoprire da sé scorrendo questo volume in cui sono stati raccolti ed organicamente disposti articoli della Enciclopedia sovietica, saggi e documenti che. testimoniano del lavoro critico condotto in questi anni. Molte cose, in queste pagine, sorprenderanno gli studiosi italiani, certo più agguerriti in materia dei colleghi sovietici, ma essi sapranno certamente vedere oltre il velo ideologico la complessa problematica di un pensiero ancora acerbo. Il libro può essere diviso in sei parti; a una scelta di scritti su soggetti generali, fanno seguito studi e articoli su scuole e correnti, anche semireligiose (la teosofia e lo spiritismo, ad esempio), un’ampia messe di “voci” su argomenti cristiani (poste in ordine alfabetico), una sezione sugli aspetti russi del cristianesimo introdotti dall’articolo “Chiesa ortodossa,” una parte intitolata alle religioni non cristiane e infine alcuni saggi di carattere metodologico storicoreligioso o di filosofia della religione presi da riviste e pubblicazioni, compresa una polemica sorta fra due studiosi sovietici. In appendice il lettore troverà la traduzione di excerpta dagli atti del Congresso Panecclesiastico, tenuto nel luglio del 1948, in occasione del 5000 anniversario della autocefalia della chiesa ortodossa russa. Essi mostreranno fra l’altro l’opinione delle chiese dell’URSS sul Vaticano, sul cattolicesimo, sulla questione degli ordini anglicani e su argomenti attinenti alla vita e alla organizzazione religiosa sovietica. Infine, sempre nell’Appendice, sono riportati tre documenti relativi al caso del vescovo Osipov, professore all’Accademia e al seminario ecclesiastico di Leningrado clamorosamente passato all’ateismo nel 1959.
La raccolta curata da Alessandro Bausani, docente all’Istituto orientale di Napoli, è preceduta da un’ampia introduzione di Ernesto de Martino che ha anche collaborato all’ordinamento del volume.

Vai alla scheda libro e aggiungi al carrello Modalità di acquisto

Commenti

Lascia un commento




Libreria ASEQ s.r.l. - Via dei Sediari, 10 - 00186 Roma - Tel. 06 6868400 - Partita IVA 08443041002