Libreria ASEQ - Via dei Sediari, 10 • 00186 Roma - Email: info@aseq.it - Tel. 06 6868400

L’Antico Testamento Ebraico

L’Antico Testamento Ebraico

Secondo la tradizione palestinese
Autore/i: Chiesa Bruno
Editore: Bottega d’Erasmo
pp. XII-424, Torino Prezzo: € 30,00

Il presente lavoro costituisce il frutto di una ricerca ispirata e condotta sotto la guida del Prof. Paolo Sacchi, dell’Università di Torino. In una prima stesura esso fu presentato come tesi di laurea, nell’ottobre del 1976, alla Facoltà di Lettere dell’Università di Torino.

Nella forma attuale il lavoro si differenzia profondamente da quella prima stesura, soprattutto per l’ampliamento della documentazione manoscritta, che costituisce l’oggetto primario della ricerca. Grazie ad un contributo finanziario del Consiglio Nazionale delle Ricerche, ho potuto infatti studiare direttamente gli originali di tutti i frammenti di testo biblico con puntazione palestinese, editi ed inediti, conservati nella collezione “Taylor-Schechter” della Cambridge University Library, e nella Bodleian Library di Oxford. L’importanza che tale studio diretto dei testi può avere è ampiamente dimostrata, a mio avviso, dalla quantità di osservazioni che è stato possibile raccogliere a integrazione, e anche a correzione, delle edizioni e degli studi precedenti.

Visualizza indice

Presentazione di P. Sacchi

Premessa

Abbreviazioni e sigle

Introduzione

I. Dal Neubauer al Revell. Gli studi sui manoscritti ebraici con puntazione palestinese

1. Premessa 

2. Le prime pubblicazioni 

3. L’opera del Kahle

4. L’ipotesi di P. Mordell

5. La scoperta e l’edizione di nuovi testi: A. Oiez Macho e A. Murtonen

6. L’indagine linguistica di S. Morag

7. Nuovi testi biblici: M. Dietrich

8. Un frammento di masora palestinese

9. La teoria di E.J. Revell

10. I testi di letteratura rabbinica: l’edizione di N. Allony

II. Osservazioni conclusive sulla storia della ricerca e problemi aperti

1. L’identificazione del sistema di puntazione P e le sue caratteristiche interne

2. La posizione occupata dal sistema di puntazione P nella storia: l’ambiente e la datazione

3. Rapporti con la tradizione e la puntazione tiberiense

III. Catalogo dei manoscritti biblici con puntazione palestillese

IV. Raccolta delle varianti

V. Valutazione della raccolta delle varianti: il testo biblico palestinese, le sue caratteristiche, e l’ambiente di origine della puntazione

1. Il testo biblico dei manoscritti palestinesi

2. La posizione del testo P nei confronti dei rami babilonese e tiberiense della tradizione diretta dell’ATH, della documentazione tiberiense medievale, e delle piu antiche tradizioni indirette

A. Varianti consonantiche

B. Le varianti di matres lectionis

C. Le varianti di vocalizzazione:

a. Puntazione p e puntazione tiberiense

b. Il sistema grafemico

D. Per l’individuazione dell’ambiente di origine della puntazione P e altre osservazioni sulle varianti di vocalizzazione

Conclusione

VI. Le comunità ebraiche del Nord-Arabia

1. Origine delle comunità ebraiche del Nord-Arabia

2. Sacerdoti della stirpe di Aronne

3. Attività economica e vita culturale

4. Il ritorno in Palestina

5. La storia delle comunità hiğazene in Palestina

Conclusione

Summary

Bibliografia

Indice

Vai alla scheda libro e aggiungi al carrello Modalità di acquisto

Commenti

Lascia un commento




Libreria ASEQ s.r.l. - Via dei Sediari, 10 - 00186 Roma - Tel. 06 6868400 - Partita IVA 08443041002