Libreria ASEQ - Via dei Sediari, 10 • 00186 Roma - Email: info@aseq.it - Tel. 06 6868400

I 99 Bellissimi Nomi di Allah

I 99 Bellissimi Nomi di Allah

Autore/i: Sharib Zahurul Hassan
Editore: Libreria Editrice Aseq
presentazione di Hasan Gudri Shahi, prefazione dell’autore, prefazione e traduzione di Qamar Uddin Zahuri Corrado, le calligrafie sono di Abdul Rehman Bastavi, i disegni sono di Aftab Ahmed e Shoukat Alì pp. 120, i nomi e i termini sono stati mantenuti come scritti nell’edizione originale, ill. b/n, Roma

Dalla presentazione:
«L’illuminazione Divina si manifesta nei 99 bellissimi nomi di Allah (asma’-al-husna) ed è la risposta a tutti i problemi e difficoltà. La recitazione di questi nomi o solo il tenerli vicini conferisce protezione e benedizioni. Se si sceglie di recitarli è meglio farlo dopo aver compiuto il lavaggio rituale. Se si decide di tenerli sempre vicini a sé, Allah ama la purezza, riporli quindi, in un luogo pulito. Il merito per la compilazione degli attributi dei 99 nomi sotto forma di questo libro va al dott. Zahurul Hasan Sharib, Gudri Shah Baba IV che iniziò a lavorare su questo progetto una trentina di anni addietro. Dopo molte ricerche e studi concretizzò i benefici e le diverse modalità per ottenerli nella semplice e concisa forma di questo libro rendendolo disponibile prima ai lettori in lingua inglese ed ora, con questa traduzione a quelli in lingua italiana. Mohammed Siraj Elschott, un discepolo olandese molto caro al dott. Sharib, lavorò con lui molto intimamente per la realizzazione di questo libro, lo tradusse in olandese quando ancora l’autore era in vita. Il libro fu pubblicato in Olanda dove è ancora reperibile. Sono entusiasta nel notare che la prima edizione, in inglese, di questo libro è stata pubblicata anche se diversi anni dopo la dipartita del suo autore. Questa edizione è stata resa possibile dalla fatica e dallo sforzo di Wajid Dehlvi. Prego che l’Onnipotente continui sempre a porre le benedizioni dei 99 nomi di Allah su di loro e le loro famiglie. Amen»

Dr. Zahurul Hasan Sharib Gudri Shah Baba IV
(9 gennaio 1914 – 8 aprile 1996)
L’autore Hazrat Dr. Zahurul Hasan Sharib nacque a Moradabad, un distretto dell’Uttar Pradesh in India. Dopo il dottorato in scienze politiche iniziò la carriera legale, ma un profondo interesse per la vita spirituale lo indirizzò verso il Sufismo. Si trasferì quindi ad Ajmer, la città che ospita il santuario del celebre Santo Sufi Khwaja Moin Uddin Hassan Chishti, dove trascorse molti anni, per amore, al servizio della sua guida spirituale Hazrat Nawab Khadim Hasan Shah Sahib, Gudri Shah Baba III. Nel 1970, dopo il trapasso della sua guida spirituale, il Dr Sharib ereditò l’ Ordine Sufi Gudri Shahi Baba come successore. Sotto la sua guida l’Ordine si espanse e divenne sempre più noto sia in oriente che in occidente. Il Dr. Sharib conosceva fluentemente diverse lingue orientali ( urdu, hindi, farsi, gujarati, arabo) ed occidentali (inglese, francese ecc.) ed i suoi numerosi libri che trattano di misticismo e sufismo sono tradotti in inglese, olandese, italiano e urdu. Altre sue pubblicazioni sono traduzioni originali di poesia persiana in varie lingue. Scrisse anche diversi testi sulla sociologia rurale. Il Dr. Sharib trapassò nella misericordia di Allah l’8 aprile 1996. La sua tomba e santuario in Usmani Chilla, nella città di Ajmer, attrae molti fedeli e così pure la celebrazione del suo URS (la cerimonia per ricordare il giorno del trapasso) che viene celebrato, secondo il calendario lunare, nel mese di Zeeqad 19 e 20 ogni anno presso la sua tomba.

L’Ordine o fratellanza Gudri Shahi è fondamentalmente un ordine Qadri Chishti connesso pure all’Ordine Suhrawardi e all’Ordine Naqshbandi, ma è sopratutto rappresentativo dell’Ordine Chishti fondato da Khwaja Mo’inuddin Hasan Chishti e questo per diverse ragioni.
La più importante è che Hazrat Sa’in-ji Gudri Shah Baba, il fondatore dell’Ordine Gudri Shahi e che era stato iniziato nell’Ordine Qadri (o Qadiri), ricevette dal suo Maestro, Hajji Ian Mohammad, l’ingiunzione di recarsi in Ajmer dove è il santuario e la tomba di Khwaja Mo’inuddin Hasan Chishti, di vivere e continuare il suo lavoro in quel posto. Da Khwaja Mo’inuddin Hasan Chishti ricevette un dono importante e cioè una ruhani nisbah, una diretta connessione spirituale, la quale implica anche un’affiliazione iniziatica.
Da ciò è sorto l’Ordine dei Gudri Shahi.
Il centro dell’Ordine con la sua principale Khanqah, ha sede vicino alle mura che delimitano il complesso della Dargah di Khwaja Mo’inuddin Hasan Chishti.
Ogni giorno, al pomeriggio, ci si reca alla Dargah, ci si siede in un angolo, dove una volta esisteva un vecchio ed enorme albero, posto di fronte all’entrata del Santuario di Khwaja Mo’inuddin Hasan Chishti, si medita e si partecipa alla cerimonia detta roshni dedicata al santo Sufi e gli si rende omaggio.
Da questo si può capire l’importanza ed il legame che l’Ordine Gudri Shahi ha con l’Ordine Chishti.

Vai alla scheda libro e aggiungi al carrello Modalità di acquisto

Commenti

Lascia un commento




Libreria ASEQ s.r.l. - Via dei Sediari, 10 - 00186 Roma - Tel. 06 6868400 - Partita IVA 08443041002