Libreria ASEQ - Via dei Sediari, 10 • 00186 Roma - Email: info@aseq.it - Tel. 06 6868400

Il Regno Longobardo d'Italia

di
Editore: Eurodes
Prezzo: € 15,00

Informazioni: traduzione di Claudio Salone; apparato iconografico a cura di Lidia Paroli - pp. 304, 48 tavv. b/n f.t., Roma
Stampato: 1979-01-01
Codice: 300000000863

Perché un libro proprio sui Longobardi? Non si tratta forse di un genere di argomento riservato agli studiosi di storia o, al massimo, a profani particolarmente colti ed interessati? Certamente no; se infatti vogliamo comprendere il mondo così com'è attualmente, è necessario conoscere le sue origini, i suoi inizi e quindi ritornare molto indietro nel tempo, in questo caso a quando la compagine dell'impero di Roma fu frantumata dalle torme dei « barbari invasori », a quando, dal caos che ne seguì, iniziò a formarsi lentamente un mondo nuovo.

In quel poderoso dramma della storia, che da scolari apprendemmo a definire come il periodo delle invasioni barbariche, i Longobardi compaiono sulla scena solo all'ultimo atto, e precisamente nell'anno 568 d.C., quando cioè invadono l'Italia. Alle loro spalle stavano però già mille anni di migrazioni, un lunghissimo periodo di tempo in cui, dall'estremo nord scandinavo mossero i loro primi passi verso il bacino dell'Elba, la Boemia, l'Ungheria, dove costruirono villaggi e case, per poi arrivare in Lombardia, la terra che porta ancora oggi il loro nome, in cui giunsero al massimo del loro splendore. Tutto il mondo sembrò trattenere il respiro quando essi occuparono le vette ed i passi alpini, per poi discenderne e stabilire il proprio dominio sul corpo straziato ed esangue d'Italia.

Chi erano questi uomini? Crudeli conquistatori che rinnovavano i lutti e le miserie delle precedenti invasioni con stragi e saccheggi? Pagani che immolavano vittime umane ai loro dei? Barbari che distruggevano quanto era rimasto dell'antica civiltà classica? Certo, tutte queste affermazioni contengono una parte di verità, ma non tutta. Quando, due secoli più tardi, l'esercito di Carlo Magno distrusse il regno longobardo, all'interno di questo era già germogliata una pianticella che, col procedere degli anni, sarebbe diventata un albero imponente, la cui ombra avrebbe poi ricoperto tutta l'Europa: il Medioevo.

Nessun incontro tra cultura germanica e cultura classica fu più fruttuoso e denso di significato per lo sviluppo della civiltà occidentale (è qui infatti che essa ha le sue radici), né alcun paese d'Europa svolse, per un periodo di tempo altrettanto lungo, un ruolo di pari importanza ed intensità in campo culturale ed economico come l'Italia settentrionale sotto i Longobardi. Nella capitale del regno, Pavia, e nelle varie residenze ducali, furono gettate le fondamenta di ciò che, più tardi, col Rinascimento, a Firenze, a Venezia, a Milano, a Bologna, raggiungerà il massimo del suo splendore.

Sotto il dominio longobardo si sviluppò, a sud delle Alpi, una vera e propria struttura cittadina, con una classe nobiliare, agli inizi essenzialmente legata alla conduzione della guerra, una libera borghesia ed una fascia di ceti artigiani autonomi, depositari delle tecniche allora conosciute. Il rifiorente commercio riallacciò una vasta rete di importanti relazioni, raggiungendo prosperità ed efficienza. L'istruzione in generale si collocò su livelli piuttosto elevati ed anche l'arte accennò ad intraprendere nuove strade. La lingua latina infine, diffusasi dall'Italia in tutto l'Occidente europeo, consentì che divenisse patrimonio comune a molti una produzione letteraria tra le più raffinate ed importanti mai comparse sulla terra.

È qui dunque che il Medioevo ha ricevuto la sua impronta, da qui inizia un'attività creatrice che non ha smesso di dare i suoi frutti anche nella nostra epoca. Mi pare perciò sufficientemente giustificato un libro sui Longobardi: dallo svolgersi degli avvenimenti legati alla loro storia, si può partire poi per comprendere meglio e più in profondità lo sviluppo delle nostre culture europee.

In un tempo come questo, pieno di contraddizioni e di incertezze sul significato stesso del mondo e della società, è necessario che lo storico dica qualche parola in più di chiarificazione al profano particolarmente interessato a questi problemi.

Il volume è disponibile in copia unica

Aggiungi al carrello - Add to Cart Modalità di acquisto Torna alla pagina dei risultati

Argomenti: Mondo Antico, Storia,

15,00 new EUR in_stock

Libreria ASEQ s.r.l. - Via dei Sediari, 10 - 00186 Roma - Tel. 06 6868400 - Partita IVA 08443041002