Libreria ASEQ - Via dei Sediari, 10 • 00186 Roma - Email: info@aseq.it - Tel. 06 6868400

L'Islamismo e la Cultura Europea

di
Editore: Libreria Editrice Aseq
Prezzo: € 28,00

Informazioni: introduzione dell'autore. - pp. 352, 10 ill. b/n, Roma
Stampato: 2017-04-01
Codice: 978888544104

Il libro di Aldobrandino Malvezzi ha per argomento una questione della massima importanza: la conoscenza dell'Islamismo in Europa. Esistono parecchie storie degli studi orientalisti europei, ma questa non riguarda tanto gli studi intorno all'islamismo, bensì le idee diffuse e secolarmente accettate in Europa così dagli ambienti colti come anche dalle tradizioni popolari.
Lo studio di tali idee e delle circostanze che le hanno fatte nascere, accreditandole così a lungo, — è nota la loro influenza sul pensiero dei maggiori rappresentanti della cultura europea, da San Tommaso a Dante, da questi a Papa Pio II, da questi al Pascal, al Voltaire, a Goethe e a Napoleone I — ha un'importanza capitale per spiegare e confutare gli inveterati pregiudizi e il millenario malinteso che ha opposto l'una all'altra la civiltà cristiana e quella musulmana, con così grave scapito della, pacifica loro convivenza e del generale progresso culturale e spirituale dei popoli. La revisione di queste posizioni, già effettuata nel campo politico, dacché il mondo musulmano dopo avere in gran parte acquistato la propria indipendenza è diventato un fattore tanto importante della politica mondiale, meritava d'essere compiuta per la storia della cultura. Il libro del Malvezzi, frutto di pazienti ricerche storiche e di grande erudizione, si presenta quindi come mezzo efficace per chiunque voglia oggi orientarsi nei problemi quanto mai attuali del mondo arabo e dei suoi contatti con le nazioni europee.

Aldobrandino Malvezzi de' Medici discepolo di Giosué Carducci fu Professore all’Università di Firenze con la cattedra di Storia e Politica Coloniale. Ricevette la Laurea ad honorem in filosofia dall’Università di Bologna. Nel 1903 partecipò alla missione Schiaparelli a Luxor e a Karnak in Egitto. Numerose sono le sue pubblicazioni tra le quali: “Il risorgimento italiano in un carteggio di patrioti lombardi” (1924); “Il diario politico di Margherita Provana di Collegno” (1926); “La principessa Cristina di Belgioioso” (1936). La pubblicazione di "L’Italia e l’Islam in Libia" (1913) gli fruttò la chiamata dal nuovo ministero delle colonie. Partecipò alla Prima Guerra Mondiale e, una volta conclusa, continuò ad occuparsi di studi islamici che lo condu​ssero​ alla libera docenza in politica e legislazione coloniale nel 1934.​ Di cultura islamica e di islamistica scrisse oltre a L'Italia e l'Islam in Libia (1911), Odierne questioni politiche del mondo musulmano (1920),  I nuovi problemi della legislazione coloniale (1926), Elementi di diritto coloniale (1928), La politica indigena nelle colonie (1933) e, su suggestione di Leone Caetani, la sua opera più importante L'islamismo e la cultura europea.

Visualizza indice

INTRODUZIONE  pag. 1
CAPITOLO I. — La comparsa dell'Islàm  15
       »      II. — La prima reazione cristiana  39
       »     III. — Pietro di Cluny e i Crociati  75
       »      IV. — Il seminatore di scandalo e di scisma  107
       »       V. — Il pericolo turco  149
       »      VI. — Haroth e Maroth  187
       »     VII. — La Riforma Protestante e l'Islàm  215
       »    VIII. — Il tramonto della mezza luna   265
       »      IX. — Il sublime ciarlatano  291
CONCLUSIONE  327
              
INDICE DEI NOMI  333
INDICE DELLE ILLUSTRAZIONI  339

Il volume è disponibile

Aggiungi al carrello - Add to Cart Modalità di acquisto Torna alla pagina dei risultati
28,00 new EUR in_stock

Libreria ASEQ s.r.l. - Via dei Sediari, 10 - 00186 Roma - Tel. 06 6868400 - Partita IVA 08443041002