Libreria ASEQ - Via dei Sediari, 10 • 00186 Roma - Email: info@aseq.it - Tel. 06 6868400

  • Corsi Astrologia 2016
  • Selezione di volumi Aseq Editrice

    Selezione di volumi

    I Tarocchi dei Gatti

    I Tarocchi dei Gatti

    Libro + Carte
    Autore/i: Jodorowsky Alejandro
    Editore: L’Arte di Essere Edizioni
    illustrazioni di Christian Gaudin, traduzione di Andrea Colamedici e Maura Gancitano. pp. 102, contiene 22 Carte dei Gatti, Santarcangelo di Romagna (RN)

    I 22 arcani maggiori dei Tarocchi vengono qui reinterpretati in chiave felina, mettendo in luce nuove riflessioni sui Tarocchi e sull’animo umano. Oltre alla spiegazione simbolica di ogni arcano felino Jodorowsky indica varie modalità di lettura e tiraggio, creando in questo modo uno dei mazzi più suggestivi del settore.
    Le illustrazioni sono opera del celebre Christian Gaudin.

    «I Gatti sono un Mistero; i Tarocchi sono un Mistero; quando due misteri comunicano ecco che nasce la Bellezza. Io scrivo di Tarocchi per parlare dei gatti, e scrivo di Gatti per parlare di Tarocchi».

    Il mondo
    La mia follia felina, all’inizio della mia lunga ricerca per raggiungere la coscienza, mi ha spinto a lasciare tutto per vagare come un mendicante illuminato, convinto che la cosa più importante nella vita fosse ottenere la libertà, svuotare la mente, non possedere alcunché, svanire in qualche modo.
    Ma ho scoperto nel corso degli anni di possedere un immenso tesoro: me stesso.

    Visualizza indice
    1. Il matto
    2. Il bagatto
    3. La papessa
    4. L’imperatrice
    5. L’imperatore
    6. Il papa
    7. Gli amanti
    8. Il carro
    9. La giustizia
    10. L’eremita
    11. La ruota della fortuna
    12. La forza
    13. L’appeso
    14. XIII (l’arcano senza nome)
    15. La temperanza
    16. Il diavolo
    17. La torre
    18. La stella
    19. La luna
    20. Il sole
    21. Il giudizio
    22. Il mondo
    Vai alla scheda libro e aggiungi al carrello Modalità di acquisto

    Il Buddhismo Contemporaneo

    Il Buddhismo Contemporaneo

    Rappresentazioni, istituzioni, modernità
    Autore/i: AA. VV.
    Editore: Società Editrice Fiorentina
    introduzione e cura di Marta Sernesi e Federico Squarcini. pp. 188, Firenze

    I saggi contenuti in questo volume vertono sulle trasformazioni in atto nel buddhismo contemporaneo, sia nei paesi asiatici sia nei paesi occidentali.
    Questi cambiamenti interessano variamente la pratica, la dottrina, le istituzioni del buddhismo contemporaneo e creano nuovi modi di pensare e vivere il buddhismo, di concepirlo e parlarne.
    I diversi contributi raccolti in questo libro attraversano pertanto tre importanti campi semantici: rappresentazioni, istituzioni e modernità. Si tratta di una triade significativa, dove si incrociano la dimensione politica con quella semiotica, il contesto sociale con quello soggettivo, il versante diacronico con quello sincronico.
    Rivolgere dunque l’attenzione a questi tre campi non è solo di particolare rilievo per lo studio dell’odierna realtà buddhista, ma lo è anche per la comprensione del ben più ampio fenomeno religioso contemporaneo.
    Rappresentazioni, istituzioni e modernità sono tre ambiti intimamente interdipendenti e per questo inseparabili. È attraverso questi tre campi di senso, infatti, che gli agenti sociali dispongono e veicolano i contenuti e le esperienze religiose, avvalendosi di rappresentazioni funzionali di sé, dando vita a istituzioni ordinatrici e misurandosi con la modernità. L’insieme di questi tre campi semantici costituisce dunque un punto di vista privilegiato da cui osservare il divenire del buddhismo nel nostro tempo.
    I saggi di questo volume si articolano secondo questi percorsi tematici e forniscono una rosa di esempi dei processi di cambiamento e di ridefinizione del buddhismo in corso. E poiché le rappresentazioni sono funzionali al divenire delle istituzioni e queste ultime assumono le forme rese disponibili dalla modernità, tutti gli scritti qui raccolti si rivelano fra loro complementari, possono essere compendiati l’uno dall’altro e l’uno dall’altro arricchiti.

    Vai alla scheda libro e aggiungi al carrello Modalità di acquisto

    Atrium

    Atrium

    Studi Metafisici ed Umanistici – Anno XVII Numero 4 – 2015
    Autore/i: AA. VV.
    Editore: Cenacolo Umanistico Adytum
    pp. 188, ill. b/n, Lavarone (TN)

    Editoriale
             
    Antonio Rigopoulos
    La concezione dell’uomo nel buddhismo antico

    Pio Filippani-Ronconi
    Il quadruplice vuoto e la Mahāmudrā secondo il Sahajā yāna

    Gian Giuseppe Filippi
    Alcune note sulla nozione di līlā
         
    Nuccio D’Anna
    Il simbolismo dell’ascia.
    Funzione rituale e valore “pre-monetario”
         
    Franco Galletti
    «Le spalle inver’ Dammiata».
    I Fedeli d’Amore, i Francescani e l’Oriente
       
    Claudio Mutti
    L’opera di René Guénon in Vasile Lovinescu
       
    Vasile Lovinescu
    Il mito sotto il cielo delle stelle fisse
       
    Marco Toti
    “Religious Studies” e “religious awakening”. F. Schuon e la sapienza nativo-americana

    Segnalazioni e Recensioni

    Vai alla scheda libro e aggiungi al carrello Modalità di acquisto

    Lavori in Loggia

    Lavori in Loggia

    Il primo anno
    Autore/i: R.L. Iside 1481
    Editore: Tipheret
    pp. 144, ill. b/n, Acireale

    È passato ormai un anno da quel freddo primo di febbraio quando la Iside 1481 all’Oriente di Catania ha alzato le colonne. Oggi presenta un libriccino che raccoglie tutti lavori svolti all’interno del Tempio dalla Loggia. Il lavoro è stato strutturato seguendo un ordine temporale, le Tavole appaiono quindi da quella letta come prima il giorno dell’innalzamento delle colonne dall’Oratore, a quella letta all’ultima Tornata rituale. Ci piace comunque pensare che questi contributi non abbiano come autore chi li firma, ma siano il frutto di tutta l’Officina unita. Unica eccezione all’ordine temporale è la poesia A Iside, Regina d’Amore che l’autore ha dedicato all’Officina il giorno dell’innalzamento delle colonne, posta a chiusura del volume. Assieme alle Tavole degli appartenenti alla Iside 1481, si trovano anche i contributi di fratelli di altre Officine che hanno arricchito con la loro presenza e la loro sapienza leggendo nel Tempio i loro lavori, anche in questo caso non ci sono né il grado di costoro né l’Officina di appartenenza, in quanto agli “isidei” piace pensare che pure questi scaturiscano dal proprio eggregore.

    Vai alla scheda libro e aggiungi al carrello Modalità di acquisto

    I Cieli di Giorgione

    I Cieli di Giorgione

    Astrologia e divinazione nel Fregio delle Arti
    Autore/i: D’Amicone Silvio
    Editore: Zel Edizioni
    prefazione di Augusto Gentili, con un testo di Giacinto Cecchetto. pp. 148, 99 ill. b/n, Treviso

    Una sala di rappresentanza di una casa dell’antica Castelfranco – oggi Museo Casa Giorgione – mostra un apparato decorativo assai singolare: uno dei suoi due fregi, in particolare, affascina per la complessità dei soggetti rappresentati e l’evidente difficoltà di lettura che essi implicano. La mano è certamente quella del giovane pittore castellano; ma a cosa intendono alludere, su una medesima parete, i ritratti immaginari di antichi sapienti arabi ed ebrei, accostati a una quantità di libri aperti e figure astronomiche che occupano più della metà dello spazio disponibile?
    Le perplessità dello spettatore sono destinate a crescere, nel momento in cui la sequenza appare arricchirsi di armi e armature dismesse, cui seguono diversi strumenti musicali e le attrezzature utili all’esercizio della pittura e della scultura. Questi accostamenti, in realtà, sono solo apparentemente casuali: le massime latine che si frappongono regolarmente alle immagini, inneggiando alla virtù e alla prudenza, offrono una sorta di decalogo per chi voglia approfondire l’itinerario filosofico proposto; ma intendono soprattutto avvertire chi guarda dell’ira celeste che si sarebbe ben presto scatenata sul mondo.
    Le scienze astrologiche e i testi profetici saranno dunque le fonti a cui rivolgersi per indagare sui misteri del Fregio: l’autore accompagna il lettore fra i testi pubblicati sulla fine del Quattrocento, spiegando di volta in volta i passaggi in latino più significativi per la comprensione delle immagini. Una serie di comparazioni allarga il campo delle indagini alla produzione giovanile di Giorgione, più volte messa in rapporto con le incisioni prodotte da Albrecht Dürer in quegli stessi anni. Completano il volume una presentazione di Augusto Gentili e un’accurata appendice di Giacinto Cecchetto sulla storia documentaria della casa che ospita il Fregio delle Arti.

    Vai alla scheda libro e aggiungi al carrello Modalità di acquisto

    Atharva Veda Saṁhitā

    Atharva Veda Saṁhitā

    2 Volumes
    Autore/i: Whitney William Dwight
    Editore: Motilal Banarsidass
    translated into english with critical and exegetical commentary William Dwight Whitney. vol. 1 pp. 470, vol. 2 pp. 471-1046, Delhi

    Atharva-veda means `the Veda of the Atharvan’ or `the Knowledge of Magic Formulas’. The great importance of the Atharva-veda Samhita lies in the fact that it is an invaluable source of knowledge of popular belief as yet uninfluenced by ancient Indian priestly religion, of the faith in numberless spirits, imps, ghosts, and demons of every kind, and of the witchcraft, so eminently important to ethnology and for the history of religion. This work includes in the first place, critical notes upon the text, giving the various readings of the manuscripts; second, the readings of Paippalada of Kashmere version, furnished by the late Professor Roth; furhter, notice of the corresponding passages in all the other Vedic texts, with report of the various readings; the data of the Hindu scholiast respecting authorship, divinity, and metre of each verse; also references to the anciallary literature, especially to the well-edited Kausika and Vaitana Sutras, with account of the ritualistic use therein made of the hymns or parts of hymns, so far as this appears to cast any light upon their meaning; also, extracts from the printed commentary;p and finally, a simple literal translation with introduction and indices.

    Vai alla scheda libro e aggiungi al carrello Modalità di acquisto

    Il Profeta Giuseppe (su di lui sia la Pace)

    Il Profeta Giuseppe (su di lui sia la Pace)

    Commento alla Sûtra di Yûsuf, nel Corano
    Autore/i: Sâmi Ramazanoğlu Mahmud
    Editore: Erkam
    traduzione e note a cura di Giuseppe Seminara. pp. 224, Istanbul

    ManifestandoSi col Suo Attributo di Gloria (Jalâl) ai Profeti e ai santi, da Lui confermati con la Rivelazione, l’ispirazione divina e la pazienza, Allah li informa delle grandi sofferenze che li colpiranno.
    Allah,  sia  celebrata  la  Sua  Maestà  (Jalla Jalâluhu) aveva deliberato una grande sventura e un acuto dolore per Giacobbe  e Giuseppe,  affinché  si  dimostrassero  pazienti nonostante tutta la loro amarezza, e si rafforzasse il loro pentimento
    Questo  li  avrebbe  aiutati  a  essere  costantemente rivolti verso Dio e in Sua Compagnia, a troncare ogni
    interesse per tutto ciò che non è Lui e a conseguire gli stati spirituali più elevati. Ve ne sono di così sublimi, da potersi
    raggiungere solo affrontando e sopportando avversità e afflizioni di ogni genere.
    Per questo motivo alcuni grandi sapienti hanno affermato che Giuseppe fu lasciato dodici anni in prigione, perché era necessario che raggiungesse il completo perfezionamento del suo essere e delle sue qualità con il ritiro spirituale, la
    rettificazione dell’anima, le avversità e gli sforzi per superarle, affinché Dio fosse soddisfatto di lui. Se Giuseppe fosse rimasto col padre, invece, Allah non avrebbe facilitato la sua realizzazione spirituale. Per questo motivo i Profeti sono stati allontanati dalla loro Patria per qualche tempo, stranieri in terre lontane.

    Vai alla scheda libro e aggiungi al carrello Modalità di acquisto

    Colporteurs

    Colporteurs

    i venditori di stampe e libri e il loro pubblico
    Autore/i: AA. VV.
    Editore: Medusa
    pp. 184, interamente e riccamente ill. a colori e b/n, Milano

    Con saggi di:
    Laura Carnelos, Elda Fietta, Marie-Dominique Leclerc, Dominique Lerch, Claudio Salsi.

    Vai alla scheda libro e aggiungi al carrello Modalità di acquisto

    Tradizione e Massoneria

    Tradizione e Massoneria

    Autore/i: Geay Patrick
    Editore: Atanòr
    pp. 160, Roma

    L’autore ricostruisce modalità e fini del percorso iniziatico peculiare del Libero Muratore, in particolare mostra in quale modo la Libera Muratoria si inscriva nell’economia divina della fine dei tempi, annunciando l’avvento di un Tempio divino, futura dimora degli Eletti.

    Vai alla scheda libro e aggiungi al carrello Modalità di acquisto

    L’Antro della Sibilla

    L’Antro della Sibilla

    e le sue sette sorelle
    Autore/i: Poli Giuliana
    Editore: XPublishing
    prefazioni di Giovanni Sacciaferro e Stefano Arcella, introduzione dell’autrice. pp. 192, nn. ill. b/n, Roma

    L’Autrice illustra e sistematizza le risultanti di una più approfondita ricerca sulle leggende e le tradizioni orali raccolte sul campo nei Monti Sibillini. Tre sono gli aspetti peculiari di questo libro. Il primo di aver riscoperto, salvaguardato e tramandato un patrimonio di tradizione orale che altrimenti rischiava di andare smarrito. Il secondo concerne il nesso fra le fonti orali ed il simbolismo dei fregi incisi sui portali e sui muri degli edifici storici, delle chiese, delle case dell’area studiata. Il terzo riguarda il rapporto fra la leggenda delle “Sette sorelle” ed il nucleo centrale di un più ampio e numeroso complesso di chiese sparse sui monti Sibillini, la cui topografia, secondo l’Autrice, riflette il modello celeste della Costellazione della Vergine, simbolo astrologico del Femminino inteso quale principio cosmico. La Tradizione orale e l’architettura religiosa, con la sua topografia e il suo simbolismo, vengono connesse con la grande tradizione letteraria sulla Regina Sibilla riportando il tutto agli archetipi universali e perenni del “mondo della Tradizione”: la Grande Madre – Regina celeste Signora della Vita. Un libro per chi ama la Grande Dea, l’archetipo femminile dell’Universo.

    Vai alla scheda libro e aggiungi al carrello Modalità di acquisto

    Agricoltura e Cambiamento Climatico

    Agricoltura e Cambiamento Climatico

    Autore/i: Capra Fritjof; Lappé Anna
    Editore: Aboca Edizioni
    introduzione dell’autore. pp. 56, Sansepolcro (AR)

    Oggi è sempre più evidente che i grandi problemi della nostra epoca (energia, ambiente, cambiamenti climatici) non possono essere compresi se considerati singolarmente.
    Si tratta di problemi sistemici che comportano conseguenze dannose in molti ambiti diversi, tra i quali merita grande attenzione l’ambito agricolo.
    Esiste, ad esempio, uno stretto legame tra l’agricoltura industriale, basata sui prodotti chimici, e il cambiamento climatico.
    Fritjof Capra e Anna Lappé offrono, in questo breve saggio, molti spunti di riflessione sull’agroecologia, un insieme di tecniche agricole basate su princìpi ecologici che danno vita ad una agricoltura biodiversificata, produttiva e socialmente giusta.
    L’agroecologia è caratterizzata da certificazioni biologiche, permacultura e agricoltura biodinamica e comprende sia una base scientifica che la pratica di un’agricoltura fondata su princìpi ecologici.

    “L’agroecologia è un’alternativa praticabile e sostenibile per nutrire il mondo” (F.Capra)

    Fritjof Capra, PhD, fisico e teorico dei sistemi, ha fondato il Center for Ecoliteracy di cui è direttore. È autore di diversi bestseller internazionali, tra cui Il Tao della fisica, La rete della vita e L’anima di Leonardo. Con Pier Luigi Luisi ha scritto Vita e natura. Una visione sistemica (Aboca Edizioni, 2014).

    Anna Lappé è un’esperta di sistemi alimentari e agricoltura sostenibile riconosciuta a livello internazionale. Tra le sue pubblicazioni ricordiamo Diet for a Hot Planet: The Climate Crisis at the End of Your Fork and What You Can Do About It (Bloomsbury USA, 2010). Attualmente dirige il Real Food Media Project. Con Frances Moore Lappé ha fondato lo Small Planet Institute and Fund.

    Vai alla scheda libro e aggiungi al carrello Modalità di acquisto

    Notizie su al-Ḥallāj

    Notizie su al-Ḥallāj

    La mistica dell’islam
    Autore/i: Massignon Louis
    Editore: Morcelliana
    introduzione, traduzione e cura di Luisa Orelli, postfazione di Maurice Borrmans. pp. 130, Brescia

    Al-Husayn b. Mansur al-Hallaj, nato in Persia nell’858 della nostra era, morto crocifisso nel 922 a Baghdad, allora capitale del califfato abbaside, è una delle figure centrali del sufismo, la mistica islamica. Le sue parole sono state tramandate oralmente dai suoi discepoli e messe per iscritto nei secoli successivi. Il testo qui presentato è ricomposto da Louis Massignon che ha consacrato tutta la vita alla persona e all’opera di al-Hallaj, da cui ha tratto ispirazione per un profondo rinnovamento nella concezione e nella prassi del dialogo islamo-cristiano: coinvolgere tutti coloro che osano, come Abramo, accogliere «gli altri» come «ospiti di Dio», a loro volta messaggeri del solo «Straniero» che ogni credente attende di accogliere.
    Si offre al lettore un classico di mistica sufi: come in una sorta di “Vangelo”, sono raccolte le sentenze, i gesti e le preghiere di al-Hallaj che i contemporanei videro attuarsi nei vari momenti della sua esistenza e soprattutto nel corso della sua Passione.

    Louis Massignon (1883-1962) è stato un grande orientalista francese. Tra le sue opere, monumentale e più volte ristampata è La Passion de Husayn ibn Mansur Hallaj, 4 voll. (Gallimard, 1975). Tradotte in italiano: Parola data (Adelphi, 1995); L’ospitalità di Abramo. All’origine di ebraismo, cristianesimo e islam (Medusa, 2002); Il soffio dell’islam. La mistica araba e la letteratura occidentale (Medusa, 2008).

    Luisa Orelli, arabista formatasi a Parigi (Paris III) e Roma (PISAI), ha vissuto a lungo al Cairo ed è traduttrice di letteratura araba.

    Vai alla scheda libro e aggiungi al carrello Modalità di acquisto

    Il Tipo Estetico della Donna nel Medioevo

    Il Tipo Estetico della Donna nel Medioevo

    Autore/i: Renier Rodolfo
    Editore: Forni
    pp. 196, Bologna

    Ristampa anastatica dell’edizione di Ancona, 1885

    Vai alla scheda libro e aggiungi al carrello Modalità di acquisto

    Il Quarto Livello

    Il Quarto Livello

    Integralismo islamico, massoneria e mafia,. Dalla rete nera del crimine agli attentati al Papa nel nome di Fatima
    Autore/i: Palermo Carlo
    Editore: Editori Riuniti
    introduzione dell’autore. pp. XX-266, Roma

    Questo libro – frutto di un’esperienza di magistrato «scomodo» e di una strenua volontà di capire – tenta di cogliere, in forma semplice, alcuni fatti e alcune convergenze legate ai più vasti intrecci tra interessi occidentali e integralismo islamico che hanno riguardato «anche» la storia italiana, che si sono inseriti «anche» nei nostri misteri.

    Un gioco occulto e distorto nel quale massoneria, poteri politici e bracci operativi criminali hanno avuto un ruolo da protagonisti tra lotte interne e guerre, traffici illeciti, commerci di armi, lavaggi di danaro sporco in paradisi fiscali protetti da oculati segreti bancari. Dietro tutto questo c’è solo un’apparente giustificazione: la ragione di Stato. Un dubbio di fondo però ci assale: ma di quale Stato?

    Vai alla scheda libro e aggiungi al carrello Modalità di acquisto

    La Migrazione dei Simboli

    La Migrazione dei Simboli

    Pubblicità e religione
    Autore/i: Nardella Carlo
    Editore: Guerini E Associati
    presentazione di Gustavo Guizzardi. pp. 192, nn. ill. a colori, Milano

    Perché la pubblicità fa ricorso a contenuti di carattere religioso per promuovere prodotti che con la religione hanno poco o nulla a che fare? Da quando ciò accade? Affrontare questi interrogativi conduce a riflettere su un importante mutamento che riguarda beni simbolici, di tipo religioso ed economico, e discorsi pubblici che hanno acquistato una rilevanza in larghi strati della società.
    La ricerca condotta coglie fenomenologie in pieno sviluppo. L’analisi empirica riguarda un ampio campione di pubblicità che copre cinquant’anni di storia sociale italiana, individua i simboli religiosi più usati, gli scopi pubblicitari cui tali simboli rispondono, i cambiamenti registrati nel tempo.
    L’interpretazione mette in luce le convergenze e le tensioni tra senso e consenso, marcando lo spostamento dei simboli religiosi al di fuori dei confini del loro campo.

    Vai alla scheda libro e aggiungi al carrello Modalità di acquisto
    Pagina 1 di 1.31912345...102030...Ultima »

    Libreria ASEQ s.r.l. - Via dei Sediari, 10 - 00186 Roma - Tel. 06 6868400 - Partita IVA 08443041002