Libreria ASEQ - Via dei Sediari, 10 • 00186 Roma - Email: info@aseq.it - Tel. 06 6868400

Selezione di volumi Aseq Editrice

Pico della Mirandola, la Vita e il Pensiero

Pico della Mirandola, la Vita e il Pensiero

Filosofia e cabbala nel più geniale pensatore del rinascimento
Autore/i: Semprini G.
Editore: Fratelli Melita Editori
pp. 284, Genova

Dalla Prefazione dell’Autore:

“Mi sono indotto a pubblicare questo studio sulla filosofia e le opere del Mirandolano per sciogliere un impegno che avevo assunto di fronte a me stesso, quando licenziai una quindicina d’anni or sono, una breve monografia pei tipi Atanor sulla vita e l’attività letteraria della «Fenice degl’ingegni».

Oggi finalmente assolvo questo debito anche se, lo confesso, non ne sono del tutto soddisfatto. Il presente volume vuol essere qualcosa di più di uno studio integratare di quel mio primo saggio, del quale ho pure utilizzato più di uno spunto; esso vuoie raccogliere anche quelle indagini particolari che, nel frattempo, andai pubblicando su varie riviste – come la Rivista di psicologia sperimentale, la Rivista neoscolaslica e BiIychnis – come pure alcune ricerche sulle più recenti interpretazioni del pensiero pichiano…”

Visualizza indice

INDICE

PREFAZIONE

I. La Vita

II. Il Pensiero

III. Le Opere:

1. Il Commento alla canzone d’alJl()re di Girolamo Benivieni (La dottrina estetica)

2. Le Tesi e l’Apologia

3. L’Heptaplus (La concezione cosmologica).

4. Il De Ente et Uno (La concezione ontologica)

5. La refutazione dell’astrologia (Gli albori della scienza)

IV. APPENDICE:

l. Dei filosofi barbari. Lettera di G. Pico a Ermolao Barbaro

2. Della dignità dell’uomo . Preambolo – Creazione dell’uomo – Percbè si debba ammirare l’uomo – La scala di Giacobbe – Interpretazione mediante i filosofi – I misteri delle primitive religioni – L’amore disinteressato della filosofia – La discussione è la vita della filosofia – Le conclusioni secondo la propria opinione – Origine della Cabbaia – Gli inni di Orfeo e di Zoroastro.

«Post fata resurgo»

Bibliografia

Roma Rinascente

Roma Rinascente

La città antica tra Quirinale e Pincio
Autore/i: AA. VV.
Editore: De Luca
a cura di Maria Baumgartner, presentazioni di Francesco Prosperetti e Pierluigi Cocchini pp. 296, nn. ill. a col., ril., Roma

Presentazioni Francesco Prosperetti e Pierluigi Cocchini

Introduzione Marta Baumgartner

IL CONTESTO

Le pendici del Pincio tra la valle sallustiana
e la valle del tevere Raffaele Leonardi
Inquadramento topografico Riccardo Montalbano

LO SCAVO

La città antica tra Quirinale e Pincio: evoluzione di un contesto urbano Marta Baumgartner
Sepolcri lungo la via Salaria vetus Mattia Pultrone
Nota antropologica – tomba 2 Paola Catalano, Stefania Di Giannantonio
Acquedotti Stefano Pracchia, Mattia Pultrone, Nicoletta Saviane
Costruire nelle valli alluvionali: il problema dei cedimenti nel terreno Raffaele Leonardi
Insulae e tabernae Stefano Buonaguro
Domus e  balneum Nicoletta Saviane
Domus e balneum: apparati decorativi Stefano Buonaguro, Federica Rinaldi
Frequentazione e abbandoni dal IV all’VIII
secolo Laura Acampora
Nota antropologica – tomba 1 Paola Catalano, Romina Mosticone
Murature Nicoletta Saviane

I MATERIALI

Classificazione dei reperti Marta Casalini
Elementi architettonici
Qualche osservazione sulla decorazione
dei mausolei Alessandro D’alessio
Catalogo mMattia Pultrone
Sculture Fedora Filippi
Sarcofagi Cecilia Proverbio
Ceramica Marta Casalini
Ossi lavorati, metalli e vetri Sara Colantonio
Monete Flavia Marani
Iscrizioni Maurizio Giovagnoli, Gian Luca Gregori, David Nonnis
Bolli laterizi Marta Casalini

L’ACQUEDOTTO VERGINE

Questioni di metodo in un episodio di restauro
archeologico Liliana Mauriello
Analisi del degrado – abaco degli interventi Tudor Dincà
Un nastro di acqua e di luce Il progetto di valorizzazione Stefano Borghini

Bibliografia

La Dottrina el Corpo Sottile

La Dottrina el Corpo Sottile

Nella tradizione occidentale
Autore/i: Mead G.R.S.
Editore: Astrolabio
Traduzione di Giovanna Pellizzi pp. 106, Roma

Dal Proemio:

“L’idea che il corpo fisico dell’uomo sia, per così dire, la manifestazione esterna di un’incarnazione, invisibile, sottile, della vita mentale è una convinzione molto antica.

Le congetture al riguardo variano ad ogni stadio di sviluppo della cultura, e differiscono all’interno di ciascun periodo. Ma la concezione di fondo resiste invariabilmente, accreditando la sua pretesa di rappresentare una delle convinzioni più tenaci dell’umanità in ogni epoca e sotto ogni clima.

È tuttavia un’abitudine generale del razionalismo scettico dei nostri giorni di scartare sommariamente questo tipo di credenze dell’antichità come sogni privi d fondamento di un’epoca pre-scientifica, e di scaricarll tutte indiscriminatamente nel mondezzaio delle superstizioni cadute in discredito. Ma di questa particolare superstizione, oserei dire, non è giusto sbarazzarsi in un modo così sprezzante.

Non soltanto gli acuti intelletti che l’hanno sostenuta in passato ci dispongono a considerare favorevolmente i loro argomenti di difesa, cioè che una veritià di grande portata puntella questa credenza diffusa in tutto il mondo, ma io sono anche persuaso del fatto che quanto più profondamente la ricerca moderna penetra nelle regioni più recondite della biologia, della psico-fisologia e della psicologia, con tanto maggior prontezza la ragione sarà disposta ad accogliere benevolmente questa nozione come una fertile ipotesi di lavoro, al fine di coordinare un considerevole numero di fenomeni mentali, vitali e fisici della personalità umana che altrimenti gravano su di noi come un conglomerato confuso e inesplicabile….”

La Vita Quotidiana in Giappone al Tempo dei Samurai (1185-1603)

La Vita Quotidiana in Giappone al Tempo dei Samurai (1185-1603)

Quando l’onore incontra l’avventura
Autore/i: Frederic Louis
Editore: Bur
traduzione di Rosanna Pelà pp. 368, Milano

Alla fine del XII secolo, l’Asia, così come l’Occidente, entra in un periodo di disordini politici e spirituali che porteranno profonde mutazioni nell’assetto geografico e sociale dei paesi medievali. In Giappone per quattro secoli si susseguono dinastie di Sh¯ogun, i dittatori militari, sullo sfondo dei conflitti tra uomini e idee contrastanti. “Gli aristocratici sulla via del declino continueranno a vegetare nella capitale, Ky¯oto, mentre il resto del paese vivrà tempi eroici, virili, movimentati”, e saranno i Samurai, il cui primo dovere è sempre quello militare, a incarnare gli ideali generati dalle nuove concezioni sociali: l’amore per la propria terra, la fedeltà alla parola data, l’entusiasmo per le idee nobili, l’onore e l’avventura, l’accanimento nel lavoro e il disprezzo per la morte; ideali che creano nuove abitudini e dinamiche all’interno della società. Perché i guerrieri si truccavano e si presentavano profumati al nemico? Come mai le relazioni amorose erano spesso fragili e fugaci? In che modo si svolgevano i riti e gli incantesimi per guarire un malato? Nonostante la scarsa documentazione pervenutaci, grazie alla letteratura degli Emakimono, i famosi rotoli miniati nipponici, Louis Frédéric riesce a fornire un quadro del Giappone dell’epoca avvincente e dettagliato, rara occasione per esplorarne la vita quotidiana della gente comune più di quella dei famosi e dei potenti.

Raccontare il Mondo. Filosofia e Cosmologia

Raccontare il Mondo. Filosofia e Cosmologia

Figure dell’enciclopedia filosofica. Libro Quinto
Autore/i: Carlo Sini
Editore: Jaca Book
pp. 208, Milano

L’enciclopedia è il circolo dei saperi, qui indagato nelle sue figure paradigmatiche. Le sei scienze che fanno da guida al percorso (dalla metafisica alla psicologia, all’etologia, dall’antropologia alla cosmologia, alla pedagogia) sono a loro volta emblematiche; esse compendiano un esercizio genealogico di rifondazione dei saperi, ricondotti alle loro pratiche originative. Questo ideale ritorno a casa delle scienze libera il sapere da superstizioni recenti e antiche e lo riconsegna a una nuova, necessaria, impellente consapevolezza filosofica. Nel cammino dell’enciclopedia si compie l’esperienza di un transito dalle figure dileguanti; ma nel transito brilla l’incidente luce della verità e prende corpo l’esercizio memoriale della vita eterna.

Libro quinto
La cosmologia come racconto memoriale dell’immemorabile, sull’esempio del modello millenario del Timeo, è il tema del quinto percorso dell’enciclopedia. Nel segno dell’origine cancellata e della duplicità sessuale archetipica si snoda la favola dell’uomo, il suo incontro con il ricordo perduto della vita eterna e con l’evento dimenticato del nome. In queste figure l’evento della verità nondimeno si fa mondo e il mondo si fa racconto: eco in cui risuona il grido di un sogno ancestrale, matrice incancellabile dell’immagine di ogni risveglio.

Lo yoga dei Bambini

Lo yoga dei Bambini

Educare a crescere nella conoscenza di sé
Autore/i: Didi A ’nanda Paramita’
Editore: La Meridiana
pp. 120, ill. b.n., Molfetta

È impossibile non sentirsi attratti dallo Yoga, pratica tanto diffusa negli ultimi decenni da diventare comune. L’idea chiave dello Yoga è semplice e affascinante: l’essere umano ha potenzialità infinite e ogni livello d’esistenza (fisico, psichico, emotivo, spirituale) è decisivo per la realizzazione di queste potenzialità. Ma non è la stessa idea che muove, come un viaggio nel sé, i bambini alla crescita?

Lo Yoga e l’infanzia sono universi che combaciano con caratteristiche simili come la semplicità, l’apertura al cambiamento e all’apprendimento, la ricerca costante di verità sempre più profonde. Ascoltare il sussurro dell’animo del bambino è il modo migliore per percepire il nostro animo che langue malinconico perché troppo dimenticato. n bambino si coinvolge nello Yoga con stupore, gusto ludico, sorpresa. Prima è un pesce, poi un leone, una tigre, una farfalla … e da queste forme viventi trae le energie necessarie per affrontare la vita incessante che scorre nel sangue.

Questo originalissimo manuale si rivela, in definitiva, nella lettura ma soprattutto nell’applicazione, un essenziale strumento per aiutare educatori e genitori a inoltrarsi nel mondo interiore dei loro bambini. E quindi anche di se stessi.

Didi A ’nanda Paramita’ è nata in Italia (nome civile Maria Rosa Terzi) e pratica lo Yoga quotidianamente dal 1979.

Dopo aver esercitato la professione di ostetrica si è dedicata alla diffusione dello Yoga. È socia fondatrice del nido vegetariano ispirato ai principi dello Yoga “Giardino del Sole” di Verona e dell’Associazione per il Neo-Umanesimo (APNU). Con la meridiana ha pubblicato Bimbinyoga. Lo Yoga dalla vita prenatale ai primi tre anni (2009) e Mudra: lo Yoga nelle mani dei bambini (2015).

Esoterismo di Albrecht Durer

Esoterismo di Albrecht Durer

La Melencolia
Autore/i: Barmont Louis
Editore: Luni
pp. 96, Milano

Di tutte le incisioni di Durer, Melencolia I è sicuramente la più enigmatica. Numerosi sono i tentativi di interpretazione, la massima parte dei quali non ha potuto sottrarsi dal rivelare gli evidenti elementi di simbolismo ermetico-alchemico inseriti da Durer nella sua opera.
L’analisi di Louis Batmont segue invece un’altra strada. Rifacendosi all’insegnamento di René Guénon, essa coglie, nello studio dei singoli elementi della composizione e della loro interconnessione, il significato più profondo dal punto di vista metafisico: quello escatologico.

Per Barmont, il vero significato di Melencolia I risiede nel fatto che essa, nella compresenza dei suoi simboli, illustra le condizioni, l’origine, il corso e la fine di quest’era, la più oscura in seno all’Età Oscura, o Kali-Yuga. La fine di questo ciclo cosmico vedrà il ritorno del Messia, o Cristo Glorioso ridisceso dal Cielo, preceduto e preparato dalla venuta di Colui (il Precursore, che nell’esoterismo islamico è chiamato «Mahdi» ) che, prima della «fine del mondo», rettificherà la conoscenza deviata, restaurando la «Verità, riunificando coloro che le saranno rimasti fedeli e coducendoli alla battaglia contro quelli che si
saranno lasciati sedurre dalle fascinazioni e dalla falsa conoscenza dell’Anticristo.

La Guerra Gotica

La Guerra Gotica

Autore/i: Procopio Di Cesarea
Editore: Tea
A cura di Elio Bartolini; traduzione di Domenico Comparetti pp. 808, Firenze

Le guerre di Giustiniano, imperatore d’Oriente dal 527 al 565, nel racconto di un testimone oculare.

« Procopio è lì con i fatti, con il suo gusto dei fatti, con la sua straordinaria capacità descrittiva di fatti, luoghi eventi, con tutta una minuzia che si esalta quando è libera di solamente descrivere. »

Elio Bartolini

Calendari

Calendari

L’uomo, il tempo, le stagioni
Autore/i: AA. VV.
Editore: Virtuosa Mente
a cura di Sonia Maria Barillari e Martina Di Febo pp. 496, Aicurzio (MB)

Il fluire del tempo, le modalità della sua scansione in epoche diverse e in diverse civiltà, la percezione che ne ha l’uomo e le rappresentazioni che ne dà nei miti, nei riti, nelle arti e nella letteratura: tali sono le tematiche che affronta questo volume. Perché il ’calendario’ – anzi, i ’calendari’ – costituiscono un modo privilegiato di ’pensare il mondo’, quello reale e presente ai nostri occhi e quegli altri che non vediamo ma solo intuiamo, o vagheggiamo: del divino, dell’oltretomba, degli astri, delle essenze spiritali. In essi precipita, si deposita e si sublima la memoria degli eventi, condensandosi in una mappa virtuale che sul passato – effettuale o ideale che sia – impronta il presente e il futuro. Una mappa che è anche, in fondo, un immaginario dalle potenti valenze evocative ed espressive che se da un lato agevolmente si presta a farsi tramite e supporto della tradizione culturale come del vissuto storico e sociale dall’altro ha la capacità di riattivarli restituendoli a una nuova contemporaneità.

Visualizza indice

INDICE

Presentazione

Calendario, calendari

Nicolò Pasero, Calendari della rivoluzione, rivoluzione dei calendari

Nazareno Colamaria, Il tempo atteso: riflessioni sulla gestione del calendario e delle feste presso l’impero Azteco

Ida Li Vigni, Il calendario ebraico: tempo della festa e tempo della storia

Gianluca Olcese, Le vie dei Khanty, calendario e tradizione popolare in Siberia.

Il tempo della festa

Domenico Sebastiani, Uomini e animali in attesa della primavera: riti e miti della ’Candelora’

Barbara Foresti, «Su su su chi vuoi venire a veder segar la vecchia». Festa e penitenza nella Bologna del Seicento

Franco Castelli, L’almanacco drammatizzato: dalla Disputatio mensium alla Rappresentazione popolare dei mesi

Scrivere il tempo

Davide Susanetti, La ’dipendenza’ dal giorno e il tempo della sapienza. Tra Omero e Platone

Rita Caprini, Genealogie come mezzo di computo del tempo

Paolo Galloni, Tempo della pagina, tempo della memoria

Fabrizio De Falco, I tempi narrati e il tempo della narrazione. Alcune ipotesi sulla Topographia Hibernica di Giraldo Cambrens

Sonia Maura Barillari, Herla, Map e il Plantageneto: epifanie ’fantastiche’fra Le Mans e Hereford (ancora su De nugis Iv, 13)

Martina Di Febo, Quando lo spazio fagocita il tempo: l’irrilevanza cronologica nelle relazioni medievali di viaggio

Flavia Sciolette, Tempo narrato e tempo ricordato nell’epica francese: casi e prospettive

Pantalea Mazzitello, Les cinq âges du monde

Luca Peloso, Alla ricerca del senso perduto. Tempo soggettivo e tempo dellafesta ne Le correzioni di Jonathan Franzen

Maria Covino, Il tempo dell’avventura. Gilbert Chesterton, il libero arbitrio e gli istanti discreti

Andrea Nicolini, Il tempo immobile della passione: SacherMasoch, Deleuze e la ritualità del dolore

Il tempo rappresentato

Oscar Meo, Catturare il divenire. Modi e rappresentazioni della temporalità: aion, khronos, kairos

Paola Valenti, Celebrazioni rituali, comportamenti sociali e disordini affettivi: la percezione delle stagioni nelle arti visive del XX secolo e della contemporaneità

Leo Lecci, Gli almanacchi dell’olio Sasso: esempi di grafica liberty per la comunicazione pubblicitaria

Ferdinando Angeletti, Il calendario storico dell’Arma dei Carabinieri: quando lo scorrere del tempo incontra l’arte

Federica Usai, Il tempo nell’arte concettuale di Alighiero Boetti

Per circulum anni

Adelaide Ricci, «Totum tempus est hodie»: l’uomo medievale nel tempo sacro della storia

Paolo Aldo Rossi, Il ’libro delle ore’ che ti porta in paradiso

Francesco Galofaro, Le Litanie ai santi. Tempo, memoria, gerarchia

Magdalena Maria Kubas, «Al partire quest’anima dal corpo»: la sospensione del tempo nel la uda rio di Santa Maria della Morte di Bologna 

Homo Sociologicus

Homo Sociologicus

Uno studio sulla storia, il significato e la critica della categoria di ruolo sociale
Autore/i: Dahrendorf Ralph
Editore: Armando
Prefazione di Vittorio Frosini, traduzione di Paolo Massimi pp. 136, Roma

Homo sociologicus di Ralph Dahrendorf, pur nella sua brevità è un classico della sociologia contemporanea. A quasi vent’anni dalla sua prima edizione tedesca (1958), questo libro si colloca all’incrocio delle strade che lo storico, i! filosofo del diritto e il sociologo hanno percorso e continuano a percorrere per costruire le scienze umane.
Esiste un confine sicuro tra sociologia e politica? Esiste una discriminante netta tra struttura elementare della società e fondamento oggettivo del diritto? In rapporto a tali problemi, Vittorio Frosini, nel suo saggio introduttivo, propone un modulo di lettura originale che lascia emergere la prospettiva interdisciplinare dell’opera di Dahrendorf: un discorso che pone le premesse del lavoro nel campo delle scienze sociaii finalmente libere dall’ipoteca normativa dei valori deontologici: ma una ricerca che movendo da immagini letterarie (Shakespeare, Musil) e procedendo sugli itinerari tracciati da Durkheim e da Weber, approda alla dimensione del ruolo sociale nell’individuo; brevemente, una lezione esemplare di metodo, «una introduzione, significativa ed illuminante, come afferma V. Frosini, allo studio della sociologia del diritto, sia pure considerata piuttosto dall’angolo visuale del sociologo, che da quello del giurista; ed· è proprio sotto questo profilo, che noi abbiamo ritenuto, di riproporlo all’attenzione dei lettori italiani».

Il libro presenta sottolineature

Teosofia

Teosofia

Chiave per la comprensione
Autore/i: Layton Eunice; Layton Felix
Editore: Astrolabio
Traduzione di Franco Pintore pp. 154, Roma

Dalla Prefazione degli autori:

“Queste conversazioni sui concetti basilari della Teosofia furono tenute per la prima volta dinanzi ad auditori americani che non avevano dimestichezza con la Teosofia e con la Società Teosofica, e furono sviluppate, in seguito, nelle conferenze tenute in Nuova Zelanda, in Australia ed in altri paesi. I primi quattro capitoli furono pubblicati una prima volta in un piccolo volume intitolato Some Basic Concepts of Theosophy.

Le idee qui delineate sono principi dell’antica sapienza insegnati da uomini saggi di ogni nazione ed epoca. Queste leggi senza tempo sono esaminate nel tentativo di dimostrare come siano profondamente significative in relazione agli eventi ed alle esperienze della vita quotidiana del ventesimo secolo.

Non si pretende affatto che questi capitoli rappresentino i concetti basilari della Teosofia. Presentiamo tali idee cosi come le abbiamo scoperte nel nostro studio della grande letteratura classica della Società Teosofica e nella nostra ricerca dei significati profondi della vita.

Desideriamo mettere in rilievo che la Società Teosonca è un corpo di ricercatori della verità uniti dalla loro fede nella fratellanza universale dell’umanità. Non vi è nessun dogma o credo che limiti il pensiero dei membri in un senso o in un altro, se non ciò che è implicito nei principi della fede nella fratellanza e nell’accettazione dell’ideale della ricerca della verità. Quando, perciò, esponiamo queste idee sulla Teosona, semplicemente le offriamo alla considerazione dei colleghi che ricercano la verità nella speranza che possano esser loro d’aiuto, come lo sono state a noi nella formazione d’una più completa comprensione della vita…”

Fishke lo Zoppo

Fishke lo Zoppo

Autore/i: Sfurim Mendele Moicher
Editore: Marietti
pp. 238, Genova

Fishke lo zoppo è considerato il capolavoro di narrativa di Mendele Moicher Sfurim: dalle sue pagine emerge l’universo degli schnorrer, accattoni vagabondi, descritto con fedeltà e bonaria ironia. È come un’affettuosa esortazione ad abbandonare l’arretratezza e la chiusura dell’isolato mondo dello shtetl nel rispetto dell’autentica tradizione.
Anche per questo Sfurim è unanimemente riconosciuto come il primo grande classico della letteratura jiddisch: nella sua opera trovano una perfetta sintesi l’entusiasmo riformistico degli illuministi e l’incrollabile saldezza dell’ebreo orientale dinanzi alle aggressioni della storia, la pietas tenerissima e la sbrigliata invenzione linguistica, con la sua irresistibile comicità.

L’Isola del Tonal

L’Isola del Tonal

Autore/i: Castaneda Carlos
Editore: Rizzoli
Introduzione e traduzione di Furio Jesi pp. 400, Milano

Un etnologo serio, di formazione universitaria, viene per dieci anni «imbrogliato» e «preso in giro» dagli stregoni indios; ma proprio questo « imbroglio» è una tecnica di insegnamento: solo cosi egli giunge al sapere degli stregoni.

Questo libro narra le fasi conclusive dell’« imbroglio» e forma la sintesi dell’apprendistato. Il sapere degli stregoni sembra essere qualcosa che si sperimenta più con il corpo che con la mente, o almeno che bisogna sperimentare con il corpo prima di conoscerlo cori la mente. È qualcosa che amplifica la coscienza, e nello stesso tempo le fa riconoscere una prigionia ferrea e ineluttabile. L’uso della droga – dice Castaneda – non apre alcuna porta verso il mistero: è solo un aiuto pratico e pericoloso per chi sia particolarmente ottuso e restio ad avviarsi verso il sapere. Le rivelazioni contenute in questo libro sono state accusate d’essere in tutto o in parte un falso. Ma anche in questo caso le pagine di Castaneda resterebbero affascinanti e non prive di interesse scientifico, quale testimonianza sconcertante della crisi delle scienze dell’uomo, spia di caverne aperte sotto le sicurezze accademiche di informazione e di metodo.

Trattato Pratico di Rivoluzioni Solari

Trattato Pratico di Rivoluzioni Solari

Autore/i: Discepolo Ciro
Editore: Blue Diamond Publisher
pp. 208, ill. b/n, Milano

In questo libro, l’autore “offre” tutto il suo sapere, senza nulla nascondere sull’argomento Rivoluzioni solari e Rivoluzioni solari mirate. Troverete in esso capitoli che non sono presenti in alcuna altra pubblicazione realtiva a questo argomento. Seguendo il motto “vale più un esempio che cento parole”, Discepolo esamina più di 60 esempi inediti e li commenta esaustivamente. L’autore ritiene che questo sia il testo più importante, rispetto a tutti gli altri suoi, perchè esso è il frutto di tutta la sua esperienza, maturata in decenni di studi e di pratica astrologica

Rime

Rime

Autore/i: Alighieri Dante
Editore: Oscar Mondadori
Edizione commentata a cura di Claudio Giunta pp. 682, Milano

Le Rime di Dante sono, insieme al Canzoniere di Petrarca, la più importante e la più bella raccolta poetica del nostro Medioevo.
La maggior parte dei componimenti è di tema amoroso, ma non mancano canzoni e sonetti filosofico-morali che anticipano il Convivio e la Commedia. Dante eredita, da un lato, il repertorio delle convenzioni medievali e, dall’altro, emancipandosi dai cliché letterari della sua epoca e aprendo strade destinate ad avere ampia fortuna, anticipa orientamenti che saranno caratteristici della poesia moderna. Aspetti su cui si sofferma il commento di Claudio Giunta – il più ricco, completo e aggiornato oggi disponibile.

La Théâtre de la Guérison

La Théâtre de la Guérison

Autore/i: Jodorowsky Alexandro
Editore: Éditions Albin Michel
pp. 256, Paris (France)

Personnalité inclassable, chilien d’origine russe, Alexandro Jodorowsky est cinéaste, dramaturge, tarologue et fondateur, avec Arrabal et Topor, du concept de «Théâtre panique». À la manière d’un Carlos Castaneda, Alexandro Jodorowsky nous entraîne, tout au long de ce dialogue avec Gilles Farcet, dans un périple magique, qui est celui même de sa vie.

À partir de ses multiples expériences, Alexandro Jodorowsky a développé une véritable psychothérapie de groupe où jeu et je se répondent pour délier les nœuds enfouis dans l’inconscient. En soulignant le pouvoir de guérison propre à l’imagination, il nous révèle ici les secrets d’un parcours entièrement tourné vers la recherche d’une authenticité intérieure enfin vécue.

Graal

Graal

Anno XXXV – Vol. XXXV – N. 139-140 Dicembre 2017
Autore/i: AA. VV.
Editore: Tilopa
pp. 99-176, Roma

Rivista di Scienza dello Spirito

Ascesi e morte dell’anima

Massimo Scaligero, Seminario Solare (4 marzo 1978)

Orao, La Soglia del Mondo Spirituale. Considerazioni sull’XI capitolo

Artefio, Riflessioni sulla via

Gaetano Colonna, Incontri di popoli 

Significato delle riunioni

Ascheo, Zoroastro e l’Avesta nella cultura moderna

Poesie

Fiabe e Rosacroce

Fiabe e Rosacroce

Autore/i: Bockemul Almut
Editore: Aedel
traduzione dal tedesco di Claudio Puglisi pp. 176, Torino

Spesso confinate nell’ambito della pedagogia infantile le fiabe e le saghe rappresentano un importante contributo alla conoscenza della storia dei popoli anche grazie ai loro cantori medievali che Rudolf Steiner, in una conferenza del 10 giugno 1911, denominò «rapsodi».

Egli, alla domanda sulla loro provenienza e chiedendosi dove avevano imparato a tenere le loro rappresentazioni, si rispose che erano stati allievi dei Rosacroce nei loro templi considerati anche come scuole.

Il testo sottolinea quindi un aspetto poco conosciuto dei Rosacroce e al contempo getta una nuova luce sulle fiabe e le saghe popolari, analizzando gli elementi comuni nella tradizione di vari paesi europei e indicando gli archetipi del pensiero immaginativo.

Il mondo fantastico, che ha accompagnato l’uomo dal Medio Evo sino all’epoca attuale, e in esso le fiabe dei fratelli Grimm sono il file rouge del libro che ci conduce in una rivisitazione di questo percorso.

Guicciardini Machiavelli Savonarola

Guicciardini Machiavelli Savonarola

Autore/i: Bayle Pierre
Editore: Edizioni della Normale
a cura di Luisa Brotto, introduzione di Gianni Paganini pp. 264, Pisa

Il Dictionnaire historique et critique di Pierre Bayle è stato uno dei testi-archetipi della ‘cultura dei moderni’ e ha influenzato molteplici generazioni, costruendo dei canoni critici che hanno inciso a fondo sull’interpretazione dei principali esponenti della cultura europea, studiati, e proposti, attraverso un giudizio che intreccia considerazioni storiche e motivazioni di carattere etico-politico e anche religioso. In questo volume sono raccolte le voci su Guicciardini, Machiavelli e Savonarola: un trittico da cui risulta un giudizio sul Rinascimento italiano, tagliente per lucidità come una lama, capace di affrontare problemi cruciali per Bayle e, in generale, per la civiltà europea.

Islam des Lumières

Islam des Lumières

L’Illuminismo spirituale del terzo millennio
Autore/i: AA. VV.
Editore: Rosenberg & Sellier
a cura di Alessandra Luciano pp. 132, Torino

L’Islam des Lumières rappresenta la prospettiva di filosofi e intellettuali musulmani sulla complessa questione del rapporto tra islam e contemporaneità.
Questo volume ne presenta le linee essenziali con l’intento di proporre al dibattito contemporaneo la possibilità di percorsi teorici per l’espressione di un umanesimo musulmano impegnato in un fecondo dialogo culturale con l’Occidente. Un’opportunità in grado di rappresentare da entrambe le parti l’occasione, impensata sino ad oggi, di individuare altre prospettive di vivere oltre la religione e oltre Dio, ma non senza i valori, e la saggezza, di antiche e nuove forme di spiritualità.
Il volume propone in anteprima la postfazione a Un Islam per il nostro tempo del filosofo francese Abdennour Bidar.

Visualizza indice

Introduzione di Alessandra Luciano

Nota della curatrice

Ringraziamenti

PARTE PRIMA

Un nuovo illuminismo per l’islam di Luigi Berzano

1. Uscita dalla religione tra autonomia ed eteronomia

2. L’Islam des Lumières

3. La questione ermeneutica

4. Conclusione: quattro omologie

Islam des Lumières: ragione e spiritualità oltre la religione di Alessandra Luciano

1. Il manifesto per un Islam des Lumières di Malek Chebel

2. Oltre la riforma dell’islam

3. Tra mitificazione e mistificazione: l’umanesimo di Mohammed Arkoun

4. Un altro modo di uscire dalla religione: l’esistenzialismo di Abdennour Bidar

5. E l’Islam des Lumières?

Libertà personale e critica storica: principi dell’Islam des Lumières di Abdennour Bidar

PARTE SECONDA

Tra rivoluzione e violenza: il dibattito sulla riforma dell’islam di Michele Brignone

1. Il ritorno dell’islam istituzionale. Al-Azhar e il rinnovamento del discorso religioso

2. Dall’islamismo alla democrazia musulmana: il partito Ennahda

3. Il caso serio della riforma: la parità uomo-donna

Limiti dell’immaginario e inter-narratività: intorno all’interdizione del film Noè da parte di al-Azhar di Abdessamad Belhaj

1. Un racconto biblico nel Corano

2. Immaginario e autorità

3. Eroi e guardiani degli eroi

4. La concorrenza narrativa

5. Percorsi per condividere un immaginario comune

6. Modificare la postura ermeneutica

Bibliografia

Gli autori

Les Admirables Secrets de Magie Naturelle

Les Admirables Secrets de Magie Naturelle

Autore/i: Grand Albert; Petit Albert
Editore: Éditions Albin Michel
pp. 176, Paris (France)

Albert-le-Grand, auteur de nombreux et savants ouvrages, naquit en Souabe vers 1200, de famille noble. Devenu moine, il étudia la philosophie arabe et les textes d’Aristote. Il professa dans les plus grandes villes, à Paris (la place Maubert lui dait son nom et saint Thomas d’Aquin fut l’un de ses disciples); à Rome, où le pape Alexandre III l’avait appelé. Il se démit de sa charge d’éveque de Ratisbonne et se retira à Cologne, où il reprit son enseigement. Il mourut en 1280, laissant une œuvre considérable.

Le «Grand Albert» – le «Petit Albert» n’étant qu’un rejeton du premier – est un «grimoire», c’est-à-dire un écrit dont le sens, apparemment inintelligible, est caché sous des arrangements de mots, dans des associations d’idées dont il s’agit de découvrir la clef.

Le célèbre moine y a donné des recettes, composées par lui même ou empruntées à la médecine, à la magie naturelle des Arabes, des Grecs, des Egyptiens et des Chaldéens.

Qu’il s’agisse du fameux «Traité des fientes» – qui ne figure que dans les éditions anciennes les plus rares – ou de chapitres inclus dans des éditions plus récentes mais incomplètes, ce livre aussi bizarre que profondément passionnant fera les délices de tous les lecteurs curieux.

Con gli Occhi Rivolti al Cielo

Con gli Occhi Rivolti al Cielo

Paesaggi infernali e mondani nella letteratura medioevale
Autore/i: Magrella Stefano
Editore: Effigi
pp. 384, ill. b/n, Arcidosso (GR)

A partire dalla recente cronaca, l’opera si propone di analizzare i principi fondanti l’oltretomba dall’antichità fino all’avvento del cristianesimo, con una particolare attenzione agli elementi naturali carichi di simbolismo e fondamentali per il sacro come alberi, monti, foglie, fiumi, animali… Il nucleo centrale rimane il Medioevo: le tematiche sociali più rilevanti espresse dalle visioni vengono rapportate alla dimensione storica medioevale, con uno specifico approfondimento rispetto ai temi della dimensione umana e familiare, in un continuo rimando sia con la Commedia dantesca, e con la imprescindibile figura di Dante, quanto con i testi medioevali di Giacomino, Bonvesin e di altri predicatori. Infine, viene esplorato l’aldilà nelle sue dinamiche relazionali con l’umanità: Lucifero, i diavoli, i demoni antichi, i mostri, i santi, gli angeli, la donna, vengono indagati nel loro ruolo sia secondo la dottrina uffciale sia rispetto al folclore, che tende a rielaborare queste figure in modo originale.

La Leggenda Nera dei Templari

La Leggenda Nera dei Templari

Autore/i: Frale Barbara
Editore: Edizioni G. Laterza
pp. 232, cartine in appendice, Bari

Nell’anno 1099 i crociati venuti dall’Occidente conquistano Gerusalemme e fondano un regno cristiano nella Città Santa. Pochi anni dopo, il re di Gerusalemme patrocina la formazione di una milizia religiosa, un corpo di combattenti che dovranno difendere i pellegrini in viaggio verso i luoghi santi. E sposta il quartier generale di questo corpo scelto presso il luogo più carismatico di Gerusalemme: le rovine del Tempio del Signore, quello edificato duemila anni prima da re Salomone con l’aiuto del leggendario architetto fenicio Hiram.
Circonfuso da un’aura di leggenda sin dalle sue origini, l’ordine dei Templari conosce un’espansione incredibile che lo porta a diventare una vastissima multinazionale finalizzata alla difesa della Terrasanta. I Templari non sono soltanto gloriosi combattenti, sono anche abilissimi banchieri che gestiscono la tesoreria di vari regni cristiani. Il loro successo incrementa la leggenda che li circonda, e quando nel 1307 il re di Francia Filippo IV detto il Bello li accuserà di eresia con l’aiuto dell’Inquisizione, la storia si tingerà di toni oscuri.

Conversioni

Conversioni

Una radicale rivoluzione interiore
Autore/i: Campanozzi N. Michele
Editore: I Libri del Casato
pp. 126, Roma

Non si tratta soltanto di “convertiti” a una fede religiosa, provenienti magari da posizioni contrapposte alla stessa, ma anche di personaggi che hanno saputo dare una “svolta” alle proprie scelte progettuali di futuro in direzione di una presa di coscienza del ruolo che si occupa e si dovrebbe occupare sullo scenario di questo mondo, perché i “valori” dell’onestà, della legalità, dell’amore per la verità, della cura per la salute e l’ambiente, dell’impegno per la tutela della vita e per l’uomo di ogni giorno e di ogni colore non sono prevalentemente o esclusivamente di natura religiosa, ma costituiscono il tessuto principale di ogni società che voglia definirsi “umana”: insomma esiste una “sacralità” anche “civile”, senza la quale non si potrebbe né parlare e né tantomeno costruirne una di stampo religioso.
Le vicende di tutti i convertiti nel tempo hanno sempre seguito questo itinerario: da un genere di vita confuso e indistinto, e troppo spesso anche irto di scelte non positive, all’apertura di un altro che farà assumere un più alto significato all’intero corso del vivere.
Le conversioni non accadono mai a caso, ma costituiscono sempre il frutto di un intreccio di eventi che vanno a concatenarsi fra di loro per realizzare la ricostruzione di un mosaico, i cui frammenti erano già sparsi qua e là.
Questo è il miracolo, ma anche il mistero della nostra permanenza su questa terra.

Approcci al Fenomeno Religioso

Approcci al Fenomeno Religioso

Autore/i: Schuon Frithjof
Editore: Edizioni Mediterranee
traduzione dal francese di Giorgio Jannaccone pp. 168, Roma

“Come approcciare il fenomeno religioso? Quando non ci si vuole attenere a uno studio di semplici circostanze storiche e psicologiche, bisogna anzitutto riconoscere che quel fenomeno rappresenta una realtà positiva la quale è insieme una e diversificata, comporta cioè modi quasi equivalenti circa l’essenziale; giacché ‘tale religione’ è una cosa e la ‘religione in quanto tale’ è un’altra. Quest’assioma è tuttavia insufficiente se non ammettiamo a un pari il carattere soprannaturale – non soltanto psichico o sociale – del fatto religioso; carattere che è il contenuto stesso e il motivo della religione ed è il solo a renderla degna d’interesse”.

“Il linguaggio della religione è il simbolismo, e questo è ciò che al tempo stesso separa e unisce. Il simbolismo costituisce la particolarità insieme illuminante e separativa che caratterizza le religioni, e ancora il simbolismo, per la sua validità universale e la sua illimitatezza in profondità, permette invece di pervenire alla religio perennis; di liberare il contenuto uno, e la ragion d’essere, del fenomeno religioso.

Questo fenomeno dà conto della duplice missione dell’uomo, del suo dharma a due dimensioni: conoscere l’Assoluto movendo dal contingente e manifestare il primo nel secondo”.

“Non ho potuto evitare, alla lettura di questo libro, un sentimento d’ammirazione per la finezza e l’equilibrio dei propositi di F. Schuon”.
(R.A. Ninck)

Il Mistero dell’Astrologia

Il Mistero dell’Astrologia

Autore/i: Parker Derek
Editore: Palazzi Editore
pp. 244, Roma

Derek Parker è uno di quegli intellettuali che non poteva non incontrarsi con l’astrologia e non solo perché sua moglie Julia è una famosa astrologa. Giornalista della BBC e poeta – dirige una delle più note riviste di poesia inglesi, «Poetry» Parker è spinto dalla curiosità intellettuale ad interessarsi di tutti quegli argomenti che siano fonte di dibattiti e polemiche, di fede appassionata e di altrettanto decise stroncature. Che cosa quindi più dell’astrologia oggi rappresenta tutto questo ed ha raggiunto così ampi margini di popolarità?

Quest’opera si pone dunque come una prima risposta a molte domande riguardanti l’astrologia: sul significato profondo e antico che le hanno affidato gli uomini, sull’esistenza di una base scientifica, sulle teorie e sulla loro applicazione, sulle possibilità di divinazione, sull’influenza che esercita su larghe masse, soprattutto di giovani.

Il libro cerca di essere obiettivo, ma se una tesi c’è – pienamente dimostrata – è che, di fronte all’interesse che oggi l’astrologia riveste, non è più rinviabile un esame scientifico di questa teoria, secondo cui, studiando il movimento dei pianeti, siamo in grado di scoprire molti fenomeni che concernono la vita terrena.

Un esame accurato della professione dell’astrologo e delle applicazioni dell’astrologia nei vari campi dell’attività umana completa il volume, a cui hanno collaborato anche lo psichiatra Anthony Stevens, che esprime il suo punto di vista professionale sulla materia, e Julia Parker, che ha permesso la pubblicazione di un esempio di oroscopo personale. In appendice un glossarietto dei più usati termini astrologici.

I Misteri dell’Occulto

I Misteri dell’Occulto

Autore/i: Vernette Jean
Editore: Oscar Mondadori
traduzione di Claudio Lamparelli pp. 204, Milano

Il mondo dell’occulto e dell’irrazionale esercita da sempre un fascino ambiguo e potente. Maghi, veggenti, medium occhieggiano dalle inserzioni dei giornali e dalle trasmissioni delle televisioni private. Ma come si può distinguere ciò che ha un fondamento da ciò che nasconde una volgare truffa? Cosa pensare del mistero dell’ignoto svelato dalle carte, dalle linee della mano, dai tarocchi, dall’ I Ching, dalla numerologia, dall’astrologia e dalla chiaroveggenza? E cosa c’è di vero nell’esplorazione dell’aldilà attraverso lo spiritismo, la scrittura automatica, il channeling, i sogni, le esperienze di pre-morte? Questo libro, scritto da un vescovo esperto di nuove credenze religiose e di pratiche misteriche, si inoltra in un lucido viaggio alnnterno del variegato universo dell’occultismo contemporaneo. Un’esplorazione ad occhi aperti, vigile e consapevole, che si trasforma in un’utile guida per il lettore che voglia formarsi un’opinione personale e documentata su un argomento delicato e controverso.

Danni Causati da Vaccini e Sieri

Danni Causati da Vaccini e Sieri

Autore/i: Shelton Herbert
Editore: Società Editrice Igiene Naturale
pp. 110, ill. a colori, Gildone (CB)

Non c’è peggior cieco di chi non vuoi vedere“, e ci saranno sicuramente alcuni che rifiuteranno o che terranno di poco conto le informazioni contenute in questo piccolo libro, magari solo perchè in disaccordo con le ormai accettatissime credenze medico-scientifiche. Sappiamo che molti, nel campo medico, diranno che le affermazioni qui esposte sono false, ma le loro asserzioni non costituiscono “fatti”.
D’altra parte, molti di noi credono che “LA VERITA’ DOVREBBE RENDERE LIBERI”. Questi onesti ricercatori troveranno tanta di verità nelle pagine di questo Iibricino da potersi liberare, se non di tutte, per lo meno di alcune delle tirannie mediche che hanno ritardato il progresso della salute di questo paese.
Non intendiamo dire che quanto esposto in questo libro risponda a tutte le vostre domande o che ricopra tutti i rischi della vaccinazione, ma ha abbastanza punti di vista validi, fatti e figure per convincervi ad uscire dal pantano della confusione medica e della slealtà pagata.

After Tarot

After Tarot

Autore/i: Massaglia Giulia F.
Editore: Lo Scarabeo
78 carte con istruzioni, Torino

Nel nostro immaginario le immagini dei Tarocchi appaiono fisse e immutabili. Ma se le vedessimo invece come fotografie istantanee, che colgono solo un attimo di una scena più complessa? Cosa accade dunque al Matto, pochi secondi dopo aver camminato sull’orlo del dirupo? “After Tarot” ci mostra la risposta a questa e a tutte le altre domande.

Saturnia Regna – N. 62 Gennaio-Giugno 2017

Saturnia Regna – N. 62 Gennaio-Giugno 2017

Autore/i: AA. VV.
Editore: Victrix
pp. 152, ill. b/n, Forlì

Sommario

La fine dell’uomo nella società iperconsumistica (parte I) di A.R.Q

Il vizio della cvriositas. La deviazione sulla via della conoscenza (parte I) di L.M.A. Viola

Breve introduzione alla natura, alla dinamica e al fine della iniziazione (parte I) di Principivm Lvminis

Qvo vadit Romanitas? Orientarsi nel marasma delle diverse iniziative che intendono rifarsi a Roma (parte I) di A. R.Q.

Il metodo storico-critico. L’approccio antitradizionale alla tradizione e la sua sovversione (parte III) di L.M.A. Viola

Domina. La donna nella tradizione  (parte III) di M.I.A.V. Raggi

I diversi problemi presenti nell’approccio alla romanità (parte I) di A. R.Q.

Le basi dottrinali per la formazione dell’animo religioso. La catabasi dell’anima e lo stato dell’uomo comune

1 di 87012345...1020304050...Ultima »

Libreria ASEQ s.r.l. - Via dei Sediari, 10 - 00186 Roma - Tel. 06 6868400 - Partita IVA 08443041002