Libreria ASEQ - Via dei Sediari, 10 • 00186 Roma - Email: info@aseq.it - Tel. 06 6868400

  • Il primo giorno del mondo, Mino Gabriele
  • Selezione di volumi Aseq Editrice

    Proceedings of the First International Congress on the Archaeology of the Ancient Near East

    Proceedings of the First International Congress on the Archaeology of the Ancient Near East

    Rome, May 18th-23rd 1998 – 2 Volumes
    Autore/i: AA. VV.
    Editore: Università degli studi di Roma
    edited by Paolo Matthiae, Alessandra Enea, Luca Peyronel, Frances Pinnock. vol. 1 pp. VII-908 vol. 2 pp. VII-909-1846, nn. ill. b/n, Roma

    Volume One
    G. D’Ascenzo, Indirizzo di saluto
    P. Matthiae, Introduction
    E. Ascalone, Distributive and Archaeological Analysis of Susa Ceramic Assemblage. Typological Approach and Stratigraphical Evidence
    L. Badre, Recently Discovered Bronze Age Temples: Middle Bronze Beirut and Late Bronze Tell Kazel
    F. Baffi Guardata, Les tombes du Bronze Moyen dans le secteur des fortifications à Ebla
    M.R. Belgiomo, Stone Tools in Prehistoric Cypriote Metallurgy
    M. Bietak – D. Kleinsgütl, The Synchronization of Civilizations in the Eastern Mediterranean in the Second Millennium BC
    Ö. Bilgi, Metal Workers of the Central Black Sea Region of Turkey in the Early Bronze Age. A New Perspective on the Question of the Indo-Europeans’ Original Homeland
    R. Biscione – S. Hmayakyan, The Armenian-Italian Archaeological Survey in the Sevan Lake Basin, 1994-1997
    B. Brentjes, Achaemenid Art and Animai Style
    O. Callot – Y. Calvet, Rues et places à Ougarit au Bronze récent
    I. Caneva, Mersin-Yumuktepe from 7th through 5th Millennium BC: From a Rural Settlement to a Fortified Town
    M. Casanova, Le lapis-lazuli de l’Asie centrale à la Syrie au Chalcolithique et à l’age du Bronze: trails communs et particularités régionales
    C. Castel, Le quartier dit “Hyksôs” dans la ville basse orientale d’Ougarit
    S.M. Cecchini, Un bâtiment mystérieux sur l’acropole de Tell Afis
    A. Chaaya, L’évolution et le changement culturel à Tell ’Arqa après l’invasion de Tiglath-Pileser III (Niveaux 10-9)
    J. Chabot, Deux chaines opératoires d’artefacts en pierre taillée sur un site de Mésopotamie septentrionale doté de l’Âge du Bronze Ancien (l’ell ’Atij)
    J.M. Córdoba, Tell Mahuz (Iraq): una città di confine. Osservazioni su alcuni risultati della prima campagna (1997)
    J.M. Córdoba – M. Mañé Rodriguez, Spazio architettonico e società ad al-Madam (Sharjah, EAU) durante l’età del Ferro
    R.M. Czichon, Das Hattuša/Bogazköy Surveyprojekt (Karte)
    P.M.M. Daviau, Survey and Excavation in Northern Moab
    M. Debruyne, Tell Beydar: Architecture on the Acropolis, Burial Customs in the Third Millennium and Environmental Research
    C. De Gregorio, Tell Afis (Syria): The Late Chalcolithic Stone Assemblage
    J. De Grossi Mazzorin – C. Minniti, The Northern Palace of Tell Mardikh-Ebla (Syria): Archaeozoological Analysis of a Refuse Pit F.58611/F.5701
    W.G. Dever, Imagining Ancient Israel: Archaeology, Social History, and the Sociology of Knowledge
    G.M. Di Nocera, C-14 Datings at Arslantepe and Bronze Age Chronology in the Upper and Middle Euphrates
    S. Di Paolo, L’ideologia regale nella Siria-Palestina del Bronzo Tardo attraverso le arti minori: la retorica del potere tra memoria del passato e ragioni politiche
    R. Dolce, Some Architectural Drawings on Clay Tablets: Examples of Planning Activity or Sketches?
    B. Einwag, New Discoveries at Tali Bazi, Syria
    C. Felli, Middle Uruk Pottery from Area HS1, Tell Brak. Aspects of Cultural Continuity and Change
    S. Festuccia, The Moulds of Ebla: Morphology and Archaeological Context
    E. Fiandra, Before Seals
    P.M. Fischer, A Synthesis of Ten Campaigns at Tell Abu al-Kharaz, Jordan Valley: The Early, Middle, Late Bronze and Iron Ages
    L. Foglini – M. Vidale, Reconsidering the Lapis Lazuli Working Areas of Shahr-i Sokhta
    M. Fortin – M.-C. Boileau, Particularités de la céramique peinte de la moyenne vallée du Khabour au Bronze Ancien (période de Ninive 5)
    K.S. Freyberger, The Roman Kanatha: Results of the Campaigns 1997/1998
    V. Fritz, Bronze Age Features in Cities of the Early Iron Age in the Southern Levant
    J. Gil Fuensanta et al., The EBA and Early MB Chronology at the Birecik Dam Region (Southeastern Turkey). The Tilbes Project Evidence
    P. Fuscaldo, Three Campaigns of the Argentine Archaeological Mission at Tell el-Ghaba, North Sinai, Egypt. A Salvage Project
    B. Genito, The Achaemenids and Their Artistic and Architectural Heritage: An Archaeological Perspective
    D. Giannessi, Tell Afis during the Late Chalcolithic Periodo The Late Chalcolithic Levels: Architecture and Pottery
    S. Gitin, Ekron, a Late Philistine City: The Impact of the Neo-Assyrian Empire in the 7th Century BCE
    E. Gubel, Amurru, Ṣumur (Tell Kazel) and the Mitanni. New Perspectives
    O. Hamdan, The Palestinian Experience in Conservation of Archaeological Sites and Architectural Heritage: Methodology, Policies and Technology
    Z. Herzog, Water Supply in Iron Age Tel Beersheba
    F. Hole, Tell Ziyadeh on the Middle Khabur, Syria
    B. Hrouda, Excavations at Sirkeli Höyük/Turkey, 1992-1996
    B. Hrouda, Remarks on 3 Subjects A to C of the Congress
    I.-L. Huot, Le changement et la crise: réalités archéologiques et modèles interprétatifs
    I.-L. Huot, Existe-t-il une “révolution de la laine” au début de l’age du Bronze orientai?
    A. Invemizzi, Discovering Babylon with Pietro Della Valle
    F. Ippolitoni Strika, Some New Data on the Tell es-Sawwan Human Representations
    S.A. Jasim, Recent Excavations in the Emirate of Sharjah (UAE). The Graveyard at Jebel Al Buhais
    M. lasmin, Les fouilles de l’acropole de Tel Yarmouth: la transition de l’age du Bronze à l’age du Fer
    Z. Kafafi et al., The Zarqa Valley in Jordan from Lower Paleolithic to Recent Times: Results ofthe 1993-1997 Campaigns
    V. Karageorghis, Patterns of Relations Between Cyprus and the Near East During the Second and First Millennia BC
    E.I. Keall, Changing Settlement along the Red Sea Coast of Yemen in the Bronze Age
    W. Khayyata – K. Kohlmeyer, Syro-German Excavations on the Citadel of Aleppo, 1996 and 1997
    R. Killick – J. Moon, Excavations at Saar, 1990-1999
    W. Kleiss, Achaemenidische Wasserbauten
    H. Kühne, The “Red House” of the Assyrian Provincial Center of Dur Katlimmu
    N. Laneri – S. Di Pilato, From SlabConstruction to Wheel Throwing: Evolution or Transformation?
    G. Lombardo, Some Remarks on the Archaic Cylinder Seals from Egypt, Mesopotamia and Susiana: Analogies and Differences in Iconography and Pattern Organization
    M. Luciani, Iron Age Graves in Northern Syria: The Tell Shiukh Fawqani Evidence
    S. Lumsden, On Sennacherib’s Nineveh
    J. Mallet, Ras Shamra-Ougarit (Syrie). La population des porteurs de torques et la révision de la chronologie du Bronze moyen (fin du troisième millénaire avant notre ère et première moitié du second)
    N. Marchetti, Clay Figurines of the Middle Bronze Age from Northern Inner Syria: Chronology, Symbolic Meaning and Historical Relations
    N. Marchetti – L. Nigro – H. Taha, Preliminary Report on the Second Season of Excavations of the Italian-Palestinian Expedition at Tell es-Sultan/Jericho, 1998
    Abbreviations

    Volume Two
    I.-Cl. Margueron, Mari: derniers développements des recherches conduites sur le tell Hariri
    C. Mari et al., Restauro e valorizzazione turistica del sito di Ebla (Siria). Prime fasi sperimentali di restauro, consolidamento e protezione
    C. Marro, Archaeological Survey in the Kastamonu Region, Turkey: Remarks on the Preclassical Cultural Geography of the Southern Black Sea
    M. Mashkour, PaleoenvironmentalInvestigations in the Qazvin Plain (Iran)
    V. Matoïan – A. Bouquillon, Le “bleu égyptien” à Ras Shamra-Ougarit (Syrie)
    R. Matthews, Sampling an Urban Centre: Tell Brak Excavations 1994-1996
    R. Matthews, Time with the Past in Paphlagonia
    P. Matthiae, Monuments séculaires et religieux dans la Ville Basse et fortifications d’Ebla au BM I-II: fouilles à Tell Mardikh, 1991-1997
    S. Mazzoni, Crisis and Change: The Beginning of Iron Age in Syria
    E. Merluzzi, Basalt Tools at Ebla: An Example of “Ground Stone” Industry in a Central Syria Site of the Bronze Age Period
    P. de Miroschedji, Le processus d’urbanisation au Levant méridional à la lumière des fouilles de Yarmouth
    I.-L. Montero Fenollós, La métallurgie du bronze dans le bassin syro-mésopotamien au début du IIIe millénaire avo J.-C.
    D. Morandi Bonacossi, The Beginning of the Early Bronze Age at Tell Shiukh Fawqani (Tishrin Dam Area) and in the Upper Syrian Euphrates Valley
    S. Muhesen, An Overview on Recent Prehistoric Excavations in Syria
    B. Muller, Images d’architecture en deux et en trois dimensions au Proche-Orient ancien (Mésopotamie, Syrie, Palestine)
    C. Nicolle, Les origines de la période Habur en Djéziré: l’apport des fouilles de Tell Mohammed Diyab
    L. Nigro, Coordinating MB Pottery Horizon of Syria and Palestine
    Y. Nishiaki, An Ubaidian Burnt Building from Tell Kosak Shamali, North Syria
    H. Nur el-Din, The Development of Broadroom House During the Early Bronze Age and its Chieftain Architectural Concept in Palestine
    A. Otto, The Collapse of the Balance of Power in the Middle of the 18th Century B.C. and its Rejlection in Syro-Mesopotamian Glyptic
    T. Özgüç, Kanish-Nesa, The Earliest International Trade Center of the Near East
    A. Palmieri – A. Hauptmann, Metals from Ebla. Chemical Analyses of Metal Artefacts from the Bronze and Iron Ages
    N. Pannegiani, Control of Sevan Lake (Armenia) During the Urartian Period
    N. Pannegiani – M. Poscolieri, Digital Spatial Analysis of the Sevan Lake Landscape (Armenia)

    P.E. Pecorella, Tell Barri – Kahat. Un sito millenario nella Siria nord-orientale
    M. Peilstöcker, What Happened to the Early Bronze Age III in the Hinterland of Akko? Some Considerations about Terminology, Chronology and Urbanism in Northern Palestine
    M. Peilstöcker, Tel Yafo (Jaffa): A Key Site of the Central Coastal Plain Re-Discovered. Preliminary Results /rom New Excavations in the 1990’s
    L. Peyronel, The Middle Bronze II Fortress V at Tell Mardikh-Ebla (Syria). Preliminary Analysis of Architectural Contexts and Archaeological Materials
    G. Philip – O. Williams-Thorpe, The Production and Distribution of Ground Stone Artefacts in the Southern Levant During the 5th-4th Millennia BC: Some Implications of Geochemical and Petrographic Analysis
    F. Pinnock, Some Thoughts About the Transmission of Iconographies between North Syria and Cappadocia, End of Third-Beginning of the Second Millennium BC
    C. Prosperi Porta, Earthen Architectures – Survey and Site Protection: Arslantepe
    A. Pruss, Recent Excavations at Tell Chuera and the Chronology of the Site
    M. Roaf, Survivals and Revivals in the Art of Ancient Mesopotamia
    O. Rouault, Hana et Babylone. Recherches récentes dans le Moyen-Euphrate
    M. Sauvage, La genèse des briques plano-convexes et de l’appareil en arete de poisson: l’urbanisation de la Mésopotamie
    D. Schmandt-Besserat, The Personal Name in Mesopotamia: Its Impact on the Evolution of Writing
    P. Seaton, Aspects of New Research at the Chalcolithic Sanctuary Precinct at Teleilat Ghassul
    K. Sertok – R. Ergeç, The Discovery of an Early Bronze Age Cemetery in the Middle Euphrates Area, near Carchemish (Turkey)
    K. Sowada, Egyptian Palettes in EB II and EB III Canaan
    F.F. Squadrone, Metals for the Dead. Metal Finds from the Birecik Dam Early Bronze Age Cemetery in the Middle Euphrates Area, near Carchemish (Turkey)
    L. Steel, Changing Places: The Transmission of Mycenaean Pictorial Pottery to the East
    J. Strange, A Proposal for a New Periodization for the Bronze and Iron Ages in the Southern Levant (Jordan, Palestine and Israel)
    V. Strika, The Perception of the Past in the Near East. Two Case Studies: Iraq and Saudi Arabia
    H. Taha, Excavations of the Water Tunnel at Khirbet Belameh, 1996-1997
    I.-P. Thalmann, Le peuplement de la plaine du Akkar à l’age du Bronze
    I. Thuesen, Hama, the Middle Bronze Age Reconsidered – A Ceramic Typology of Periods J, H and G
    M. Trokay, Le matériel de broyage en basalte du Tell Ahmar (Area C,fouilles de 1989-1996)
    F. Trufelli, Andirons, Hut Symbols and Eye Idols
    C. Valdés Pereiro, Excavations at Tell Qara Quzaq, Northern Syria (Tišrin Dam Area)
    G.W. Van Beek, Earthen Architecture. Current Techniques Elucidate Ancient Practices
    F. Venturi, Teli Afis et la “Dark Age” (les niveaux de la fin du Bronze récent II et de l’age du Fer I)
    D. Warburton, Stratigraphy: Methodology and Terminology
    L. Watrin, Pottery as an Economical Parameter between Palestine and Egypt During the Fourth Millennium BC: From the Palestinian Presence in the Nile Delta (c. 3900-3300 BC) to the Egyptian Rule of Southern Palestine (c. 3300-3000 BC)
    S. Wimmer, “Zeret-Shahar on the Hill in the Valley” – The Discovery of a New Moabite Site in Jordan
    I.J. Winter, Babylonian Archaeologists of the(ir) Mesopotamian Past
    K.A. Yener, Between the Tigris-Euphrates and the Mediterranean Sea: The Oriental Institute Amuq Valley Regional Projects, Turkey
    M. Yon, Ougarit à la fin du Bronze récent. Vingt ans d’activités de la mission française: 1978-1997
    Abbreviations
    Program

    I Quaderni della Sapienza – Volume 3

    I Quaderni della Sapienza – Volume 3

    Autore/i: AA. VV.
    Editore: Irfan Edizioni
    pp. 152, ill. b/n, San Demetrio Corone (CS)

    Una parte importante delle attività di studio e di ricerca del Centro Studi “Dimore della Sapienza” concerne la pubblicazione di riviste e libri a carattere scientifico e divulgativo. Proprio in tale alveo è da ricondurre la pubblicazione dei “Quaderni della Sapienza”, che raccolgono una serie di saggi e articoli riguardanti vari settori scientifici e disciplinari, avvalendosi della collaborazione di studiosi e cultori di diversi ambiti.

    Luis Alberto Vittor
    Verso una definizione di Sciismo Al-Ijma: un criterio condiviso per definire l’eresia?

    Gary M. Legenhausen
    Problematiche attuali della teologia cristiana nel pensiero islamico

    Riccardo M. De Paoli
    Note sulla diffusione del Cristianesimo in età apostolica

    Giuseppe Aiello
    Il declino del cristianesimo e la nascita del mondo moderno

    Eduardo Ciampi
    Alcune considerazioni sul simbolismo del Salmone

    Antonio Bonifacio
    Henry Corbin, archeologo dello spirito (L’immaginale salverà il mondo?)

    Alberto Perani
    I sette gradi dell’anima in S. Agostino

    Francesco Comandini
    La visione cosmologia nei primi edifici cristiani

    Lorenzo Sangalli
    Le possibilità tradizionali del teatro. Riflessioni a partire da uno studio di René Guénon

    Recensioni:
    – Eduardo Ciampi, Il destino di Frankenstein (di P. Gulisano e A. Antonazzo)
    – Eduardo Ciampi, Peter Greenway araldo del “pensiero” europeo del XXI secolo

    The First European Colloquium of Iranology

    The First European Colloquium of Iranology

    Rome, June 18th-20th, 1983
    Autore/i: AA. VV.
    Editore: Ist. Italiano per il Medio ed Estremo Oriente
    edited by Gherardo Gnoli pp. XXII-116, Roma

    Contents

    Foreword by G. Gnoli

    Allocution de bienvenue et introduction aux travaux by G. Gnoli

    The Foundation of the Societas Iranologica Europaea by B. Utas

    J. Duchesne-Guillemin, Discours d’ouverture

    B. Gray, The Study of Iranian Art and Archaeology of the Islamic Period in Western Europe

    L. Vanden Berghe, L’état des études de l’histoire de l’art et de l’archéologie pre-islamique

    G. Lazard, Les études de philologie iranienne

    J. C. Bùrgel, État de la recherche dans le domaine de la littérature iranienne

    B. G. Fragner, Research in Iranian History

    A. Bausani, Monoteismo e Iran

    La Repubblica Romana tra Giacobinismo e Insorgenza 1798-1799

    La Repubblica Romana tra Giacobinismo e Insorgenza 1798-1799

    Autore/i: AA. VV.
    Editore: Il Centro di Ricerca
    pp. 260, Roma

    Sommario

    FRANCESCO PITOCCO, Introduzione

    DOMENICO ROCCIOLO, Sacramenti e liturgia nella Roma giacobina (1798-1799)

    ANDREA DAMASCELLI, Cimarra e gli ebrei nella Repubblica romana del 1798-1799

    MARIA PIA DONATO, La sociabilità culturale a Roma alla fine del Settecento. Studi e fonti

    DAVID ARMANDO, La tesi del complotto giacobino negli scritti di un religioso di provincia; l’«orazione funebre nella morte della Repubblica romana» di G.B. Ghiloni

    BRUNO BARBINI, Note di vita viterbese nel biennio repubblicano (1798-1799)

    MASSIMO CATTANEO, «Giacobinismo» e trasgressione morale in un paese della Sabina: il caso del carmelitano Giovan Battista Vico

    MARIA PIA CRITELLI, «C’est absolumment la Vandée» Girardon e l’insorgenza del Circeo

    ARCHIVIO DI STATO DI ROMA, Giunta di Stato (1799-1800) Inventario a cura di LUCA TOPI

    Mircea Eliade e le Religioni Asiatiche

    Mircea Eliade e le Religioni Asiatiche

    Autore/i: AA. VV.
    Editore: Ist. Italiano per il Medio ed Estremo Oriente
    a cura di Gherardo Gnoli pp. X-172, Roma

    Sommario

    Discorso introduttivo del Presidente dell’Istituto

    W. DONIGER, Time, Sleep, and Death in the Life, Fiction, and Academic Writings of Mircea Eliade

    F. SCIALPI, Mito e simbolo nelle religioni indiane

    R. TORELLA, Eliade on Tantrism

    L. LANCIOTTI, Mircea Eliade e le religioni della Cina 

    G. GNOLI, Il contributo di Mircea Eliade allo studio della religione iranica antica

    P. FILIPPANI-RONCONI, La metafisica della luce presso Sihabu’d-din Yahya Sohrawardi: analogie e considerazioni

    A. – L. SIIKALA, The Interpretation of Siberian and Central Asian Shamanistic Phenomena

    R. MASTROMATTEI, Varieties of Ecstatic Experience: Shamanism in Nepal

    U. MARAZZI, Mircea Eliade e le concezioni religiose dei Turco- Mongoli

    C. PENSA, L’approccio di Mircea Eliade alle religioni asiatiche: alcune riflessioni

    F. MICHELINI TOCCI, Gli archetipi in Eliade, Jung e Scholem

    U. BIANCHI, Mircea Eliade e la fenomenologia della Gnosi

    Cronaca del Convegno

    Astronomical Dating of Assyrian and Babylonian Reports

    Astronomical Dating of Assyrian and Babylonian Reports

    Autore/i: De Meis Salvo; Hunger Hermann
    Editore: Ist. It. per l’Africa e l’Oriente
    pp. 96, Roma

    Introduction

    After the publication of a new edition of the Reports of Assyrian and Babylonian astronomers to their kings by Hermann Hunger, Astrological Reports to Assyrian Kings (SAA 8, Helsinki, 1992), interest in dating these documents (which almost never have a date written on them) was renewed. Although in the edition dates were proposed for some of the texts, they have been criticized in a number of instances. In addition, new dates were proposed, especially by H. Neumann.

    It is the purpose of the present work to give an overview of modern astronomical theories and to apply them to the problem of dating these ancient documents. The main parts of the work are by S. De Meis; the general description of the Reports and the philological considerations are by H. Hunger.

    Contents of the Reports and Astronomical Data

    From the last century of the Assyrian empire survive about 600 clay tablets destined for the Assyrian king and written by experts in celestial divination. These tablets have been called “Reports” by modern scholars. They do in fact report about observations, but in a particular context characteristic of ancient Mesopotamian civilization.

    There it was believed that the gods send messages to mankind, especially to kings, about future events. Such omens could occur in many situations. During the rule of Sargonid dynasty (721 to 612 B.C.), celestial omens were considered particularly important. The interpretation of events in the sky as omens had by this time a written tradition of more than thousand years. Over the centuries, omens had been collected and organized in a systematic way. Each omen consisted of a conditional clause describing the phenomenon observed in the sky, and a main clause containing the future event predicted: “If A occurred (in the sky), then B will occur (on earth)”. The if-clause is called the protasis, the main clause the apodosis of the omen…

    Caterina da Siena

    Caterina da Siena

    Mistica dell’incontro
    Autore/i: Ascoli M. Elena
    Editore: Edizioni Paoline
    prefazione di Fra Bernardiono Prella, introduzione dell’autrice. pp. 240, tavv. a colori f.t., Milano

    Caterina da Siena (Siena, 25 marzo 1347 – Roma, 29 aprile 1380) è donna inviata da Cristo stesso, come «l’apostola degli apostoli», che con fuoco d amore, per il «vasello» del suo cuore abitato e plasmato dallo Spirito Santo, giunge sino alle frontiere esistenziali dei nostri giorni.
    È dalla lettera apostolica Mulieris dignitatem – in cui papa Giovanni Paolo II tratteggia così la personalità e la santità di Caterina – che l’Autrice attinge lo sfondo teologico per il suo meditare sul profetismo domenicano della Santa.
    La straordinaria vita mistica di Caterina ne ha forgiato la grande capacità di ascolto e comprensione soprattutto verso le persone provate, anche a costo della sua personale reputazione: «È meglio perdere la reputazione che la carità», diceva con schiettezza. Testimone eccellente del Dio il cui nome è Misericordia, Caterina si distingue per le opere di misericordia spirituali e corporali. Fra tutte brilla la carità della Verità, che per Caterina – senza disquisire su che cosa sia la Verità né su come e quando annunziarla – è la persona stessa del «Dolce Verbo incarnato». E non già un concetto astratto. Per questo suo alto tratto teologico, nel 1970 papa Paolo VI la proclama Dottore della Chiesa.
    In Caterina da Siena, già «guida» e modello nel cammino di santità per i suoi contemporanei, oggi anche noi possiamo incontrare una sorella in umanità, ricca della « Verità dell’Amore». E ciascuna persona può sentire porsi la domanda di allora: «Dove sono i desideri tuoi?», cifra del suo impianto formativo spirituale.

    «Da santa Caterina noi apprendiamo la scienza più sublime: conoscere e amare Gesù Cristo e la sua Chiesa. Nel Dialogo della divina Provvidenza, ella, con un’immagine singolare, descrive Cristo come un ponte lanciato tra il cielo e la terra. Esso è formato da tre scaloni costituiti dai piedi, dal costato e dalla bocca di Gesù. Elevandosi attraverso questi scaloni, l’anima passa attraverso le tre tappe di ogni via di santificazione: il distacco dal peccato, la pratica della virtù e dell’amore, l’unione dolce e affettuosa con Dio ». (Benedetto XVI, papa emerito)

    «Il rimanere costantemente, come più volte Caterina ricorda, nella “verità del proprio essere nulla per se stessi e di essere solo in Lui” è il segreto della permanenza nella “cella del cognoscimento di sé” quell’apice o profondità dell’animo in cui l’incontro contemplativo, se non sempre attuale, rimane in modo abituale vivo e operante per noi e anche quale sorgente delle nostre iniziative (…). Dall’umiliazione del Figlio unigenito, Caterina impara anche la difficile arte di sapersi posizionare davanti agli altri nella schiettezza di richieste e proposte esigenti, ma nella dolce mansuetudine di chi è lavata e inebriata dal sangue dell’Agnello ». (Bernardiono Prella, domenicano)

    M. Elena Ascoli è religiosa domenicana.
    Laureata in Lettere con una tesi sulle «Fonti paoline negli scritti di Caterina da Siena» e in Filosofia dell’educazione a Roma presso la Lumsa, ha insegnato Lingua e letteratura italiana presso il Liceo di Studi francesi Saint Dominique e Storia della filosofia presso l’Istituto teologico della diocesi di Porto Santa Rufina. Per cinque anni ha diretto l’Ufficio scuola della diocesi di Arezzo. Nel 2001 ha ricevuto il premio «Santa Caterina d’oro» a Siena. Vive a Perugia e svolge attività culturali e spirituali, con particolare attenzione ai giovani.

    Battaglie Normanne di Terra e di Mare

    Battaglie Normanne di Terra e di Mare

    Italia Meridionale – secoli XI-XII
    Autore/i: Coppola Giovanni
    Editore: Liguori
    premessa dell’autore. pp. 266, nn. ill. b/n, Napoli

    La guerra fu per i Normanni il principale strumento di espansione e questo modificò l’assetto politico dell’intero Mediterraneo. Una duplice vocazione, di terra e di mare, per uomini che vivevano del mestiere delle armi: tattiche di guerriglia, battaglie campali, assedi, conquiste, saccheggi, distruzioni, blocchi navali. Le strategie di guerra e gli strumenti tecnico-pratici per il raggiungimento degli obiettivi di conquista sono i temi di questo libro che racconta la lunga avventura dei Normanni nelle regioni meridionali d’Italia. Un corredo di illustrazioni presenta in modo realistico i piani delle battaglie più importanti dell’XI e XII secolo: la loro disposizione iniziale, le forze in campo, gli armamenti, le strategie, le perdite. Momenti di terrore e di eroismo, con i Normanni protagonisti nel Mezzogiorno sui campi di battaglia di terra e di mare.

    Giovanni Coppola (1959, Fontanarosa-AV) è ordinario di Storia dell’Architettura presso la Facoltà di Lettere dell’Università di Napoli “Suor Orsola Benincasa”; vasta la sua esperienza anche nel settore del restauro. Ha insegnato in Francia, Spagna, Tunisia, Algeria e Marocco, dove ha guidato missioni internazionali. È membro fondatore del “Centro Europeo di Studi Normanni” di Ariano Irpino. Autore di saggi su riviste italiane ed estere, ha collaborato con l’Enciclopedia Italiana Treccani in tutte le sezioni medievali. Fra le sue principali monografie: Trésors romans d’Italie du Sud et de Sicile (1995); Ponti medievali in legno (1996) con introduzione di G. Duby; Fortezze medievali in Siria e Libano al tempo delle Crociate (2002); L’architettura dell’Italia meridionale in Età normanna, secoli XI-XII (2005); L’edilizia nel Medioevo (2015).

    Qual è il Tuo Mito?

    Qual è il Tuo Mito?

    Autore/i: AA. VV.
    Editore: Mimesis
    a cura di Susanna Fresko e Chiara Mirabelli. pp. 124, Milano

    Nel 1912, all’affacciarsi di un momento storico di estremo disorientamento individuale e collettivo, Carl Gustav Jung si rivolse a se stesso e si chiese con drammaticità: “Ma allora qual è il tuo mito? Quello in cui vivi?”. Questa domanda interpella lo smarrimento di senso e insieme fornisce la bussola per ritrovare la via, costituendo ancora oggi una scommessa su cui puntare per uscire dalle secche dello spaesamento contemporaneo.
    Scoprire, perseguire e trasformare il proprio mito – essere ciò che si può diventare – significa innanzitutto riconoscere che la nostra personale vicenda biografica non inizia e non termina con noi, ma s’innesta in un vasto ordito di relazioni, concrete e simboliche, che la sostanziano e alle quali ciascuno contribuisce a dare forma e significato con la propria vita. Il libro invita al passaggio dall’autobiografia alla mitobiografia, in percorsi che aprono il racconto di sé all’esplorazione di quell’ampio contenitore di narrazioni (familiari, sociali, culturali e archetipiche) che ci costituiscono. Apertura che ha valore esistenziale ed etico, tanto per l’individuo quanto per il mondo in cui vive.
    In una visione caleidoscopica che fa dell’intreccio tra molteplici prospettive un aspetto costitutivo, il volume offre una panoramica articolata delle numerose declinazioni che la ricerca mitobiografica può suscitare.
    Gli autori dei saggi – Ivan Carlot, Massimo Diana, Susanna Fresko, Romano Màdera, Chiara Mirabelli, Moreno Montanari, Ivan Paterlini – sono analisti filosofi e professionisti della formazione e della cura.

    Susanna Fresko è analista filosofa (Sabof), formatrice e docente presso Philo (Milano). Ha pubblicato la monografia Dall’intimità del roveto. Verso la terra del dono (2014) e diversi articoli per la “Rivista di Psicologia Analitica” e “Adultità”.

    Chiara Mirabelli è analista filosofa (Sabof), formatrice, editor e docente presso Philo (Milano). Ha curato R. Màdera, Una filosofia per l’anima. All’incrocio di psicologia analitica e pratiche filosofiche (2013) e, con A. Prandin, Philo. Una nuova formazione alla cura (2015).

    Caterina da Siena

    Caterina da Siena

    Una mistica trasgressiva
    Autore/i: Vauchez André
    Editore: Laterza
    introduzione dell’autore, traduzione di Luca Falaschi. pp. X-220, Bari

    La straordinaria modernità di Caterina da Siena nel racconto di un grande storico.

    André Vauchez punta l’attenzione sulle molte contraddizioni della vita di Caterina da Siena, tali da rendere vano ogni tentativo di classificarla. In rottura con la famiglia e con tutti gli affetti ‘carnali’, pur convinta sostenitrice della superiorità della vita contemplativa nei confronti della vita attiva, Caterina ha mantenuto fino alla fine la sua condizione di penitente che viveva in modo autonomo in mezzo al mondo, sempre in movimento, per poter essere più libera ed efficace nella sua azione a favore della Chiesa e della sua riforma. Si è considerata una messaggera di Dio incaricata di recapitare all’umanità moniti e consigli per il conseguimento della salvezza, ma non ha preteso di essere imitata nel suo genere di vita né di fare scuola su questo.Il suo comportamento e il suo modo d’intervenire nella storia sono innovativi, in quanto non ha esitato a uscire dalla sfera privata per invadere lo spazio pubblico e a rovesciare a proprio vantaggio il rapporto di dipendenza che normalmente le donne intrattenevano nei confronti degli uomini, dei potenti di questo mondo e dei dotti. Favorita da una crisi profonda delle istituzioni e dei poteri del suo tempo, la sua azione e quella di altre donne coeve ha inaugurato una nuova stagione nella storia dell’Occidente, aprendo la strada a un ‘cattolicesimo al femminile’. Ma lei è l’unica il cui ricordo abbia attraversato i secoli e fino a oggi non abbia mai cessato di esercitare il suo influsso sulle menti.

    André Vauchezè uno dei più importanti medievisti francesi. Professore emerito di Storia medievale all’Università di Paris X-Nanterre, è stato Direttore dell’École Française di Roma dal 1995 al 2003. Membro dell’Académie des Inscriptions et Belles-Lettres e socio straniero dell’Accademia dei Lincei, nel 2013 ha vinto il Premio Balzan per la Storia del Medioevo. Tra le sue più recenti pubblicazioni: I laici nel Medio Evo (Milano), Ordini mendicanti e società italiana (sec. XIII-XV) (Milano), Esperienze religiose nel Medio Evo (Viella), La spiritualità dell’Occidente medioevale (Vita e Pensiero), La santità nel Medioevo (Il Mulino) e Francesco d’Assisi. Tra storia e memoria (Einaudi). Ha, inoltre, diretto il «Dizionario enciclopedico del Medio Evo» (3 voll., Roma 1998-1999).

    Origene di Alessandria tra Platonismo e Sacra Scrittura

    Origene di Alessandria tra Platonismo e Sacra Scrittura

    Teologia e antropologia del De principiis
    Autore/i: Di Pasquale Barbanti Maria
    Editore: Cuecm
    pp. 286, Catania

    Uno studio su Origene di Alessandria impone certamente dei limiti specie a chi, come me, si accosta alle opere del teologo alessandrino senza alcuna pretesa di ordine esegetico, ma spinta semplicemente da interessi storico-teorici.

    Ovviamente si tratta di limiti che riguardano sia la scelta e la definizione dei temi e dei testi da esaminare, sia la prospettiva di indagine, la quale non può che focalizzarsi sulla dimensione filosofica dei temi che verranno presi in considerazione. Operazione, questa, che, da una parte, esige una particolare attenzione all’ambito filosofico attorno al quale ruota Origene e, dall’altra, implica lo studio e la valutazione del rapporto tra la componente filosofica del suo pensiero e la sua lettura della Sacra Scrittura.

    Ora la particolare collocazione di Origene tra la Rivelazione e la speculazione greca, le influenze che sul pensiero esercitano la filosofia platonica, aristotelica, stoica, medioplatonica e del neoplatonismo delle origini, nonché la molteplici espressioni religiose dei primi secoli della nostra era, nulla togliendo alla sua originalità, ne fanno una personalità complessa e di notevole spessore speculativo, ancora oggi soggetta a diverse, e talora divergenti, valutazioni storiografiche.

    Visualizza indice

    Introduzione

    Parte I – Prospettive storico-culturali

    I.1. Origene fu discepolo di Ammonio Sacca? Le testimonianze

    I.1.1. Eusebio e Porfirio

    I.1.2. La questione dei due Origene

    I.1.3. La testimonianza di Prodo

    I.1.4. Origene e Ammonio

    I.2. Il programma filosofico dell’insegnamento di Origene

    I.2.1. L’Encomio di Origene e la Lettera a Gregorio

    I.2.2. Il ruolo della filosofia nell’insegnamento di Origene

    I.2.3. L’interpretazione della Scrittura

    I.2.4. Il platonismo e il didaskalèion origeniano

    Parte II – Aspetti teorici

    II.1. La teologia

    II.1.1. La teoria dei principi

    II.1.2. L’ineffabilità del primo principio

    II.1.3. Origene tra platonismo e aristotelismo

    II.1.4. Origene tra filosofia e Sacra Scrittura

    II.2. L’antropologia

    II.2.1. La preesistenza delle anime

    II.2.2. Le fonti della teoria origeniana della preesistenza delle anime

    II.2.3. Caduta delle anime e doppia creazione

    II.2.4. La doppia creazione tra platonismo e rivelazione cristiana

    II.2.5. L’uomo terreno e la sua condotta

    II.2.6. Platonismo e Scrittura nell’antropologia e nell’etica origeniane

    II.3. La concezione della corporeità

    II.3.1. I vari livelli di corporeità

    II.3.2. Il corpo luminoso

    II.3.3. Le ascendenze della teoria origeniana del corpo luminoso

    Conclusione

    Bibliografia

    Testi

    Studi consultati

    Indici Indice dei nomi antichi

    Indice dei nomi moderni

    Vita Semplice di Rene Guenon

    Vita Semplice di Rene Guenon

    Autore/i: Chacornac Paul
    Editore: Luni
    nota dell’editore, prefazione dell’autore, traduzione di Anna Pensante. pp. 140, ill. b/n, Milano

    Ad alcuni, forse, potrà sembrare incongruo realizzare la biografia di uno scrittore come René Guénon, che per tutta la vita rifuggì dal mettersi in primo piano, e che non si curò mai di ottenere un qualsiasi riconoscimento pubblico per la sua persona o la sua opera. Allora, perché scrivere una storia della sua vita? In questo caso, si può dire innanzitutto che la biografia non vuole rispondere al bisogno, così «moderno» e «attuale», di soddisfare la curiosità del pubblico nei confronti di aspetti più o meno personali o intimi dell’esistenza di un personaggio celebre, e non è nemmeno il tentativo di elaborare un’analisi psicologica o psicoanalitica, tanto per restare in un ambito oggi così caro a molti, ma che Guénon non teneva in nessuna considerazione.
    La biografia di Guénon risponde invece a esigenze di ordine profondamente diverso, dal momento che un autore come lui, che si è mantenuto così a lungo e volontariamente nell’ombra, può essere facilmente frainteso, o viceversa mitizzato. Proprio perché ciò che gli stava maggiormente a cuore non erano i riconoscimenti personali, ma la sua opera, questo libro intende anche liberare il campo dagli equivoci che possono essere sorti intorno alla sua figura, alla sua formazione e ai suoi libri.
    Paul Chacornac ricostruisce così non sono le varie fasi della vita di Guénon, di cui fu un amico e uno stretto collaboratore, come editore  di Le Voile d’Isis e di Études Traditionelles, ma chiarisce anche la genesi dei suoi testi più importanti, tracciando la storia delle esperienze intellettuali e spirituali che segnarono la sua vita. Attingendo alle testimonianze e alle memorie di coloro che conobbero Guénon e ai suoi ricordi personali, Chacornac fa rivivere la figura di uno scrittore che ha dato un contributo essenziale alla conoscenza e all’interpretazione delle forme tradizionali occidentali e orientali, un contributo che abbraccia ambiti talmente vasti da rendere difficile qualsiasi classificazione. Da questa biografia, infine, emerge soprattutto un aspetto che in questi casi si rischia di sottovalutare: la coerenza di un uomo che non si limitò a essere solo uno studioso, ma che fu un praticante per tutta la vita, compiendo le scelte più difficili e radicali alla ricerca della verità e della Liberazione.

    La Razza Ventura

    La Razza Ventura

    Autore/i: Bulwer Lytton Edward
    Editore: Arktos
    introduzione e cura di Gianfranco De Turris e Sebastiano Fusco. pp. 234, Carmagnola (TO)

    Nel cavo della Terra vive, nascosta da tutti, la “razza perfetta”. Una stirpe più che umana, che ha appreso come regolare le forze vitali, che sa dominare i propri istinti inferiori, e conosce le vie che portano alla serenità e l’imperturbabilità derivanti dalla consapevolezza dell’essere superiori.
    La “razza ventura” immaginata da Bulwer-Lytton in questo romanzo, che si presenta come un apologo anti-utopistico, ma in realtà cela una serie di sottili allegorie esoteriche, non è che il simbolo dell’uomo rigenerato dalla Grande Opera alchemica. La stirpe ignota è celata nel sottosuolo perché gli antichi alchimisti dicevano che per ritrovare la rigeneratrice pietra filosofale occorre “visitare le viscere della terra”.
    Il protagonista del romanzo si sottopone perciò ad una vera e propria “discesa agli inferi”, una catàbasi dal chiaro significato mistico. Nel sottosuolo, conosce la grande razza: ma si rende conto anche dal fatto che non basta intravedere la meta per poterla raggiungere.
    Occorre fare appello anche a forti risorse interiori, e chiedere aiuto di quello che Goethe definì “l’eterno femminino” (è palese il riferimento allegorico alle pratiche di magia sessuale che Bulwer-Lytton aveva appreso da Eliphas Levi).
    Non tutti sono pronti a questo: la maggioranza di coloro che tentano, emergono dal viaggio agli inferi indeboliti nel corpo e nello spirito, come il protagonista di questo libro.

    Magia Applicata

    Magia Applicata

    Autore/i: Fortune Dion
    Editore: Venexia
    Roma

    L’esistenza va oltre quanto percepiscono i nostri cinque sensi e ognuno può accedere ai piani invisibili dell’esistenza, per entrare in armonia con le grandi Forze Cosmiche. La celebre esperta di magia inglese accompagna questo suo principio fondamentale con spiegazioni su come uscire dal piano materiale, chi sono gli spiriti disincarnati, gli elementali e gli angeli, come difendersi dalla magia nera, come crearsi una personalità magica, cosa comportano i viaggi nell’astrale e molti altri temi ancora. Contiene anche il famoso glossario esoterico della Fortune. La prefazione è di Gareth Knight.

    La Simbologia Massonica

    La Simbologia Massonica

    Autore/i: Boucher Jules
    Editore: Atanòr
    prefazione dell’autore, prefazione dell’autore. pp. XXII-378, nn. ill. b/n, Roma

    La Simbologia Massonica presenta in modo chiaro e approfondito i simboli della tradizione massonica. Nei primi quattro capitoli l’Autore illustra i simboli del tempio e quelli operativi del grado di Apprendista. Nei capitoli successivi vengono presentati e spiegati i simboli dei gradi di Compagno e di Maestro.
    L’Opera, inoltre, si occupa della simbologia riferita ai diversi Riti Massonici e alle parole, posizione e gesti all’interno della ritualità nel Tempio.
    La Simbologia Massonica è un’opera fondamentale per la comprensione della natura esoterico-iniziatica della Massonica, cd è uno strumento operativo per tutti i massoni appartenenti ai diversi gradi iniziatici.

    Aritmosofia

    Aritmosofia

    Autore/i: Reghini Arturo
    Editore: Arché
    presentazione di Sergio Còdega pp. 25, Milano

    L’opera di Reghini, più che un punto di arrivo è, infatti, un punto di partenza: alcuni passaggi matematici talvolta appena abbozzati diverranno, per lo studioso appassionato, motivo di approfondimento e di nuove scoperte.

    Per istinto fu un apologeta della matematica pitagorica, mise le basi per la soluzione di importanti ed insoluti di matematica e di scienza, la cui soluzione è forse racchiusa in qualche suo scritto o appunto, andato perso oppure non ancora tornato alla luce. Si prova una specie di sbalordimento di fronte a questo personaggio, contemporanemante umanista e scienziato; la sua naturale padronanza dei più importanti linguaggi antichi e moderni gli permisero svariate forme di speculazione, specialmente su testi antichi, greci e latini, fino ad Apollonio e Diofanto. Per lui il numero, forse, fu una inesauribile fonte di intuizioni per una continua scoperta di nuove e meravigliose connessioni.

    Lo Spirito dell’Omeopatia

    Lo Spirito dell’Omeopatia

    Primo Volume
    Autore/i: Sankaran Rajan
    Editore: Salus Infirmorum
    terza edizione rivista e corretta, volume primo, traduzione a cura di Bianca Libei e Elena Tomassini, presentazione di Jost Künzli von Fimmelsberg. pp. 442, Selvazzano Dentro (PD)

    L’Omeopatia è un sistema di cura basato su una nuova concezione di salute e di malattia che considera l’Uomo nella sua globalità di corpo, psiche e spirito. Questa visione è il requisito fondamentale di una pratica di successo e persino la conoscenza minuziosa dei rimedi della Materia Medica non può rimpiazzarla. Il Dr. Rajan Sankaran si è impegnato con dedizione nell’ambito della sua fervida attività allo sviluppo di tale visione scavando a fondo in questa Scienza. Grazie a ciò, ha raggiunto una lucida penetrazione dell’autentico significato degli insegnamenti di Hahnemann, che gli ha permesso di constatare che la pratica dell’Omeopatia può essere notevolmente semplificata. Egli ha esposto le sue osservazioni in una serie di Seminari molto apprezzati e che in questo libro vengono riassunti.
    Benché quanto da lui affermato non differisca fondamentalmente dagli insegnamenti di Hahnemann, i suoi scritti sono dotati di una notevole chiarezza e originalità che possono scaturire solo da una lunga esperienza personale. Ogni capitolo è impostato in modo pratico e corredato da una gran quantità di casi clinici. Nell’Opera, l’Autore tratta il concetto di malattia e di cura; discute in modo approfondito di come capire la psiche; espone minuziosamente le proprie idee su come utilizzare le ‘False percezioni’ e i ‘Sogni’ nella presa del caso e nell’analisi dei sintomi. I capitoli sulla presa del caso, sull’uso creativo delle rubriche del Repertorio e sulla ‘Omeopsicoterapia’ risulteranno indubbiamente molto utili nella pratica clinica.
    Nel complesso, il libro offre materia di riflessione e d’applicazione concreta a tutti gli studiosi dell’Omeopatia, siano essi neofiti o veterani.

    La Quintessenza delle Religioni

    La Quintessenza delle Religioni

    Autore/i: Elenjimittam Anthony
    Editore: Verdechiaro
    introduzione dell’autore. pp. 488, Montalbano di Zocca (Modena)

    Il primo libro scritto da Padre Anthony, tuttavia ancor oggi attualissimo.
    Ci mostra come, al di là delle forme, dei rituali e dei dogmi, ciò che sta alla base di ogni religione è la stessa unica essenza: la realizzazione di Dio e del Sé, quel IO SONO che permea e vivifica ogni essere. La differenza non sta nel seguire una religione piuttosto che un’altra, bensì nel praticare i valori etici e divini che sono la solida roccia su cui poggia ogni vera religione.
    Il Cristianesimo di Gesù, il Buddismo Zen, l’Islamismo Sufi, il Vedanta Induista e tutte le altre correnti mistiche, hanno sempre dovuto lottare contro il dogmatismo, il settarismo ed il fanatismo delle religioni ortodosse e organizzate, ma è tempo ora di trovare la comune essenza, per arrivare alla Religione Universale dell’Uomo.
    ”Dio è tutto, tutto è Dio. Gli uomini camminano per strade diverse, diritte o tutte curve, guidati da libri o liberi nello spirito: sono solo strade che portano allo stesso obbiettivo”.

    La Verità Nascosta dei Cavalieri di Malta

    La Verità Nascosta dei Cavalieri di Malta

    Autore/i: Callegaro Salvo Francesco
    Editore: Harmakis Edizioni
    introduzione di Lyon Leo Zagami. pp. 496, nn. ill. b/n, Montevarchi (AR)

    Questo studio e relativa pubblicazione vuole presentare in maniera semplice e lineare il percorso dell’Ordine di San Giovanni, dalla sua venuta nell’isola mediterranea ed, in seguito, la gemmazione degli altri Ordini cavallereschi che si sono costituiti e la descrizione di quali, fra i tanti, continuino la loro opera. Quasi tutte queste Confraternite od Ordini cavallereschi hanno condiviso, dal punto di vista storico, quei sentimenti di carità e assistenza, che motivarono la nascita dell’Ordine Gerosolimitano. Le tracce del passato, infuse nelle trasformazioni e nelle evoluzioni del presente, caratterizzano quello che è stato ed è l’Ordine di San Giovanni. L’Ordine di San Giovanni, dal
    quale, in seguito, sono sorti altri rami, rimane quello che ha avuto un ruolo determinante dal punto di vista geopolitico e geo-economico. La sua presenza ha influito sugli aspetti sociali, economici, culturali e di altro vario genere sulla popolazione odierna e passata dell’arcipelago maltese. Malta ed i suoi Cavalieri sono un binomio inscindibile, insieme alla croce ottagona evocano periodi lontani di un ricordo immortale e il mito del loro valore influenza ancora il nostro immaginario. La Croce di Malta, logo medioevale indimenticabile, è incisa nel cuore di tutti i suoi appartenenti.

    Cristianesimo un’Antica Religione Egizia

    Cristianesimo un’Antica Religione Egizia

    Autore/i: Osman Ahmed
    Editore: Harmakis Edizioni
    edizione italiana tradotta e curata da Leonardo Paolo Lovari. pp. 304, 35 tavv. b/n, Montevarchi (AR)

    Nuove scoperte archeologiche fanno luce sulle radici del Cristianesimo, riscrivendo la storia degli inizi.
    In questo libro l’autore Ahmed Osman sostiene che le radici della prima fede cristiana non provengono dalla Giudea, ma dall’Egitto.
    Egli paragona la cronologia del Vecchio Testamento e il suo contenuto con antichi documenti Egiziani per dimostrare che le vite dei personaggi principali delle Scritture Ebraiche, tra cui Salomone, Davide, Mosè e Giosuè, si basano su dati storici Egiziani.
    Egli suggerisce inoltre che questi personaggi e le storie ad essi associati coltivate sulle rive del Nilo, come i principi fondamentali della fede cristiana, l’unico Dio, la Trinità, la gerarchia del cielo, la vita dopo la morte, e la nascita dalla vergine di nascita, sono tutti di origine Egiziana.
    Egli fornisce anche un argomento convincente sul fatto che Gesù stesso sia venuto dall’Egitto.
    Con l’aiuto dei moderni reperti archeologici, Osman dimostra che il Cristianesimo è sopravvissuto come un culto misterico Egiziano fino al quarto secolo d.C., quando i Romani intrapresero una missione di repressione e persecuzione.
    Nel 391 d.C., il Vescovo Romano Teofilo, portò una folla nel quartiere Serapeo di Alessandria che bruciò la biblioteca di Alessandria, distruggendo tutti le testimonianze delle vere radici Egiziane del Cristianesimo.
    In questa opera, Ahmed Osman ripristina l’Egitto al suo giusto posto nella storia del cristianesimo.

    Ahmed Osman è nato a Il Cairo, Egitto nel 1934. Ha studiato legge all’Università del Cairo e ha lavorato come giornalista nel 1960. Nel tentativo di trovare le radici storiche che stanno dietro il conflitto politico continuo tra Egitto e Israele, ha lasciato il suo paese per Londra alla fine del 1964. Da allora è stata la ricerca del collegamento tra le storie della Bibbia e le testimonianze storiche scoperte dalla archeologi durante gli ultimi cento anni. Il suo primo successo è stato l’individuazione di una grande figura biblica, Giuseppe il Patriarca della mano di molti colori, come Yuya il ministro e il padre-in-law di Amenhotep III (c. 1405-1367 aC). Questa identificazione è diventato il soggetto del suo primo libro, Stranger In The Valley Of The Kings (1987). Nel suo secondo libro Mosè: Faraone d’Egitto (1990), il suo sforzo è stato quello di chiarire la data di Esodo israelita dall’Egitto, mentre nel suo terzo libro La Casa del Messia (1992) ha tentato di stabilire l’identità di Re Davide grande antenato di Gesù Cristo. Il libro di Ahmed “Mosè e Akhenaten” è la base per il film di John Haymen “Mosè e Nefertiti”, che è stato girato in Egitto.

    Viaggio nell’Aldilà dell’Antico Egitto

    Viaggio nell’Aldilà dell’Antico Egitto

    Autore/i: Testa Pietro
    Editore: Harmakis Edizioni
    prefazione dell’autore. pp. 432, nn. tavv. colori, Montevarchi (AR)

    L’argomento di questo libro è un testo religioso dell’Antico Egitto dal titolo Amy-Duat, ciò che c’è nell’aldilà. Lo studio di questo grande testo che orna le camere funerarie dei re della XVIII dinastia, e che proseguirà con qualche variante nei secoli seguenti, non è dei più semplici e richiede una conoscenza abbastanza approfondita della religione egiziana. Anche se la lettura potrebbe sembrare alquanto noiosa, è pur vero che si tratta di penetrare in un campo della religione funeraria destinato e fruito dal sovrano e, in parte, anche dai comuni mortali.
    Si tratta del viaggio notturno del sole (il dio Ra) nelle regioni del mondo oscuro della notte, in opposizione a quello luminoso del giorno. Il viaggio del dio solare, però, non è una semplice passeggiata, bensì rappresenta i pericoli di questa quarta dimensione popolata da entità pericolose, da defunti, da spiriti e da potenze malefiche che cercano di rendere difficile e ostacolare il cammino del dio della luce nelle dodici regioni, quante sono le ore della notte. Il lettore scoprirà nello svolgersi delle ore che l’antica composizione rivela un mondo di conoscenze e di stati di essere dalla dualità terrena e ultraterrena.

    Il Costituzionalismo di Fronte all’Islam

    Il Costituzionalismo di Fronte all’Islam

    Giurisdizioni alternative nelle società multiculturali
    Autore/i: AA. VV.
    Editore: Bordeaux
    a cura di Francesco Alicino, prefazione di Nicola Colaianni, postfazione di Roberto Martino.
    pp. 316, Roma

    Il volume affronta l’odierna “questio­ne islamica” da un punto di vista poco frequentato dal grande pubblico, ep­pure fondamentale per comprendere i rapporti tra lo Stato e le comunità dei credenti: le ADR (Alternative Dispute Resolution) religiose. Si tratta di arbitrati privati con i quali le autorità religiose emettono decisioni che han­no rilevanza civile. Un argomento che solleva delicate questioni, soprattutto in relazione alla tutela effettiva dei di­ritti fondamentali per quelle fasce più deboli della popolazione – ad esempio donne e bambini – che si ritrovano a far parte di una comunità di fede, non sempre liberamente.
    Il confronto tra Stato e comunità isla­miche, nello specifico delle teorie, del quadro giuridico e delle conseguenze sociali, permette anche una serena e necessaria riflessione sulla valenza e sulla concreta operatività del costitu­zionalismo occidentale, nel suo plurisecolare rapporto con la religione e di fronte ai problemi sollevati dalle attuali società multiculturali.

    Alicino Francesco è professore associato in Diritto pub­blico delle religioni presso la Facoltà di Giurisprudenza della LUM “Jean Mon­net” (Casamassima, Bari) e docente nel Master MISLAM presso la School of Government della LUISS “Guido Carli” (Roma). Ha insegnato in diverse univer­sità ed enti di ricerca italiani ed esteri ed è membro di numerosi istituti e comitati scientifici di rilevanza internazionale. Ha conseguito il Diplôme national de Docteur en DROIT (discipline: Science juridique) presso l’École doctorale dell’Università Paul Cézanne Aix­ Marseille III (Aix­ en Provence, France), il Diplôme de formation doctorale européenne en droit canonique et droit des relations religions Etats presso l’Università Pa­ris­ Sud 11 (Paris, France) e il titolo di Dottore di ricerca in Istituzioni e Politiche Comparate presso l’Università degli Studi di Bari. È autore di monografie e numerosi saggi scientifici pubblicati su riviste nazionali e internazionali.

    Ariosto i Volgari e i Latini Suoi

    Ariosto i Volgari e i Latini Suoi

    Autore/i: Cabani M. Cristina
    Editore: Pacini Fazzi
    premessa dell’autrice. pp. 180, Lucca

    Ci sono dei testi per i quali l’indagine intertestuale è imprescindibile: il Furioso è tra questi; non c’è quasi verso del poema, infatti, che non rimandi a una voce precedente. Ariosto esige che il buon lettore se ne renda conto. Pur contemplando anche un tipo di lettore ‘ingenuo’, soddisfatto della bella storia, egli ammicca di continuo all’intendente, al quale riserva il piacere squisito dell’agnizione.
    Questo libro indaga alcuni aspetti della vasta dimensione intertestuale del Furioso: l’indagine mira non tanto a un incremento quantitativo dei dati, quanto ad approfondire la funzione che ‘la voce degli altri’ svolge all’interno del poema.
     
    Maria Cristina Cabani insegna letteratura italiana all’Università di Pisa. Si è occupata a lungo di letteratura epico-cavalleresca, di Ariosto, Tasso, Marino e del genere eroicomico. Fra i suoi contributi Le forme del cantare epico-cavalleresco (Lucca, Pacini Fazzi 1980); Costanti ariostesche (Pisa, Scuola Normale Superiore 1990); Fra omaggio e parodia. Petrarca e i petrarchisti nel Furioso (Pisa, Nistri Lischi, 1990); Amici amanti. Coppie eroiche e sortite notturne nell’epica italiana (Napoli, Liguori 1996); La pianella di Scarpinello (Lucca, Pacini Fazzi 1999); L’occhio di Polifemo (Pisa, ETS 2005); Eroi comici (Bari-Brescia, Pensa 2010).

    La Trinità

    La Trinità

    Autore/i: Novaziano
    Editore: Città Nuova
    traduzione, introduzione e note a cura di Ilaria Ricciardi. pp. 176, Roma

    Il primo trattato di argomento teologico scritto in latino a Roma.
    La Trinità di Novaziano, presbitero romano della prima metà del III secolo, espone la “regola della verità” per definire quale debba essere la giusta fede nelle tre Persone divine e cerca di prendere le distanze da alcune dottrine eretiche allora in circolazione. La maggior parte del trattato si concentra sul Figlio, vero Dio e vero uomo, e chiarisce il suo rapporto con il Padre, ricorrendo costantemente alle Scritture. Pur proponendo in alcuni punti interpretazioni non del tutto ortodosse ciò, tuttavia, non sminuisce il valore di questo primo trattato di argomento teologico scritto in latino a Roma. L’ultima traduzione italiana de La Trinità di Novaziano è stata curata da Vincenzo Loi per la serie Corona Patrum e risale al 1975. Tre anni prima era stata pubblicata da G. F. Diercks una nuova edizione critica pienamente soddisfacente (Corpus Christianorum. Serie Latina). La presente traduzione è la prima in lingua italiana a basarsi interamente sul testo di Diercks e, nel commento, tiene conto di numerosi contributi recenti.

    Memorie Spirituali

    Memorie Spirituali

    Autore/i: Favre Pierre
    Editore: Castelvecchi
    introduzione e traduzione dal francese di Giuseppe Mellinato. pp. 192, Roma

    Pierre Favre è tra i più importanti esponenti della Chiesa cattolica e della spiritualità cristiana del Cinquecento, membro del gruppo dei fondatori della Compagnia di Gesù e fonte di ispirazione per generazioni di cattolici. È tornato negli ultimi anni al centro dell’attenzione a seguito della canonizzazione decisa da papa Francesco, che ne è sempre stato un fervente ammiratore. “Memorie spirituali” è il suo testo più importante, un diario religioso intenso e appassionato, in cui s’intrecciano mistica e vita apostolica, slancio missionario e meditazioni intime sul rapporto con Dio. La spiritualità di Pierre Favre, connotata dall’apertura all’altro e dalla costante ricerca del dialogo, palesa oggi la sua attualità nel solco del rinnovamento della Chiesa avviato dal Concilio.

    Forma Sinarum

    Forma Sinarum

    Personaggi cinesi nella letteratura italiana
    Autore/i: Soscia Danilo
    Editore: Mimesis
    pp. 104, Milano

    In maniera sotterranea e persistente, un preciso immaginario intorno alla Cina e ai cinesi matura nell’opera di numerosi autori italiani. Da Marco Polo a Ermanno Rea, passando per l’opera di Boccaccio, Ariosto, Metastasio, Leopardi, Calvino, Malerba, fino alla nutrita produzione di scritti di viaggio che nel corso del Ventesimo secolo ha raccontato dal vivo quella regione del mondo e i suoi abitanti. Un affresco in continua mutazione, ricco di figure in primo piano, ma anche di comprimari e di sfondi frastagliati dove hanno trovato collocazione, nel corso di una storia lunga quanto avvincente, personaggi e paesaggi perlopiù scomparsi dalla memoria. Forma Sinarum tenta di individuare in un unico disegno, quasi una costellazione di senso, le maschere, gli stereotipi, le utopie che hanno materializzato agli occhi dei lettori il Centro del Mondo e le sue meraviglie.

    Danilo Soscia (1979), studioso di letterature comparate, giornalista e scrittore, è autore di In Cina. Il Grand Tour degli italiani verso il Centro del mondo (Ets, Pisa). Oltre al cinema e alla produzione letteraria cinese contemporanea, le sue ricerche hanno affrontato il tema del viaggio e della scoperta nella letteratura europea in Età Moderna.

    Lo Specchio Magico

    Lo Specchio Magico

    I Cristalli Viventi di Giovanni Tritemio
    Autore/i: Ambelain Robert
    Editore: Venexia
    contiene 33 sigilli e figure magiche in b/n, Roma

    Questo trattato presentato in veste integrale da R. Ambelain, svela per la prima volta i segreti della Teurgia evocatoria attraverso l’uso degli specchi magici e in particolare del cristallo di rocca, autentico medium naturale del mondo minerale.
    Tale enorme studio complementare rende accessibile il testo di Giovanni Tritemio (1462-1516), Abate di Spanheim e di Wurtzburg e maestro di E. C. Agrippa, agli studiosi moderni dell’Alta Scienza, con indicazioni indispensabili per lo svolgimento dei rituali e dell’Opera.

    Mudra, lo Yoga delle Mani

    Mudra, lo Yoga delle Mani

    I benefici effetti delle antiche tecniche indiane
    Autore/i: Hirschi Gertrud
    Editore: Il Punto D’Incontro
    traduzione di Giulia Amici. pp. 256, nn. ill. b/n, Vicenza

    Noti anche come “punti di potere nelle dita”, i mudra sono posizioni yoga delle mani eseguibili in qualunque luogo, seduti, sdraiati, in piedi o camminando. Essi impegnano alcune zone del cervello e dell’anima, esercitando una specifica influenza a livello mentale, psicologico e anche fisico. La loro origine rimane avvolta nel mistero, poiché l’uso dei gesti nei rituali non è prerogativa asiatica, ma si ritrova anche nelle altre culture del mondo. Cionondimeno, in India i mudra hanno acquisito un particolare significato nella raffigurazione delle divinità, delle quali rappresentano anche le caratteristiche salienti.
    Queste antiche tecniche indiane sembrano sposarsi in maniera perfetta con i ritmi frenetici della vita di oggi. Non solo esse possono essere praticate in qualsiasi tempo e luogo con uno sforzo minimo, ma creano anche un’ “oasi” di riposo che ci libera dallo stress e dall’agitazione, rigenerandoci e ristabilendo una comunione con noi stessi. Nel traffico di una moderna metropoli, in ufficio o in viaggio, queste facili tecniche ci aiutano a ritrovare equilibrio, tranquillità e benessere.
    Questo pratico ed efficace manuale presenta numerosi suggerimenti e utili indicazioni per eseguire i mudra e intensificarne gli effetti. Per ogni esercizio, corredato da chiare illustrazioni, viene fornita una descrizione completa, che include anche il tempo di esecuzione, le respirazioni aggiuntive e gli usi del mudra in questione. Agli esercizi vengono inoltre associate una o due erbe sinergiche. Grazie a questi semplici gesti, ben presto impareremo a ricaricare le nostre riserve di energia, a migliorare la qualità della vita, a prevenire curare molte malattie, a superare i disturbi emotivi e a ritrovare l’equilibrio interiore.

    Gertrud Hirschi è una delle maggiori esperte di lingua tedesca nell’ambito dello yoga e della spiritualità asiatica. Dal 1982 dirige una scuola di yoga a Zurigo e organizza seminari a vari livelli. Le sue numerose pubblicazioni l’hanno resa un’autrice di successo, in particolare il tema dei mudra (lo yoga delle mani) deve in gran parte a lei la sua notorietà in Europa. Tra i suoi libri ricordiamo il best seller Mudra, lo yoga delle mani, Edizioni Il Punto d’Incontro, 2002.

    Copisti a Roma nel Quattrocento

    Copisti a Roma nel Quattrocento

    Autore/i: Caldelli Elisabetta
    Editore: Viella
    pp. 320, 48 tavv. b/n, Roma

    Indagare sui copisti, questi oscuri e spesso trascurati personaggi pure tanto citati negli studi sulla tradizione manoscritta dei testi, è la ragione principale di questo libro. Il punto di vista scelto è quello della Roma quattrocentesca, una realtà sfuggente perché in pieno divenire, travagliata dai mutamenti che l’avrebbero vista, nell’arco di un secolo, passare da piccolo comune in balia di “bovattieri” e rissose famiglie nobiliari a città rinascimentale, rinnovata sede del papato.
    Finora non era mai stato pubblicato un censimento organico e sistematico dei molti scribi, italiani e stranieri, che hanno lavorato a Roma nel secolo XV: esso è stato l’indispensabile punto di partenza per tracciare le biografie, talune molto ricche di dati, altre estremamente essenziali, dei singoli copisti attivi a Roma e per stilare un elenco dei manoscritti da essi realizzati.
    Il censimento non può ovviamente dirsi esaustivo, ma costituisce la base per esaminare alcune dinamiche che presiedevano alla produzione del libro e per far luce sulla fisionomia dei copisti, studiandone l’origine, le motivazioni che li spingevano a trasferirsi a Roma, il rapporto con i committenti e lo Studium Urbis.

    Dalle Indie al Pianeta Marte

    Dalle Indie al Pianeta Marte

    Il caso Hélène Smith: dallo spiritismo alla nascita della psicoanalisi
    Autore/i: Flournoy Theodore
    Editore: Feltrinelli
    a cura di Mario Trevi, traduzione dal francese di Emanuele Trevi pp. 200, Milano

    Nel dicembre del 1894, lo psicologo ginevrino Theodore Flournoy è invitato ad assistere alle prestazioni di una medium non professionista, una bella donna sulla trentina che suscita in lui un’immediata simpatia.

    Non appena lo studioso comincia a interessarsi ad Hélène Smith, il suo comportamento medianico cambia e di forma e di contenuto: al posto delle “visioni” che le avevano dato una certa notorietà, essa elabora delle “avventure” ipnotiche che si protraggono per mesi e per anni. Volta a volta, la giovane in trance rivive in una principessa indiana del XV secolo, si reincarna in Maria Antonietta regina di Francia, visita Marte e ne descrive – anche con disegni – i paesaggi, gli abitanti, gli usi e costumi, l’organizzazione sociale, e addirittura ne inventa il linguaggio e la scrittura. Nelle sue migrazioni spazio-temporali, la medium si accompagna ai tipi più diversi di sapiente-saggio, da Victor Hugo all’enigmatico Leopold, che finirà per rivelarsi il celebre alchimista Cagliostro, che le si impone come confidente e a un certo punto prende persino a parlare in lei con la sua voce grave e l’accento italiano …

    Il caso Hélène Smith nasce così, e questo libro sorprendente, dato alle stampe nel 1900 e per molti versi attualissimo, contiene davvero due feuilleton o romanzi storici (il “ciclo indù” e quello “regale”), un viaggio di fantascienza (il “ciclo marziano”), diversi drammi dell’identità e un western tra il buon senso, il senso e il non senso. Ma al di là della sua spettacolarità romanzesca, esso costituisce il documento eccezionale di un’indagine scientifica che ha saputo aprirsi alla scena dell’inconscio nello stesso anno dell’Interpretazione dei sogni di Sigmund Freud. D’ora in poi bisognerà inscrivere Flournoy – insieme con Charcot, Janet, Breuer e Freud – nelle tappe fondamentali della scoperta dello psichismo inconscio e della sua forza creatrice.

    L’avventurosa Hélène ci insegna sull’automatismo psichico e sul lavoro dell’immaginario assai più che la massa delle riflessioni teoriche che hanno finito per ostruire il paesaggio della nostra epoca. In particolare, ci mostrà con tattile evidenza che la simulazione è il motore essenziale dell’opera dell’invenzione. Una attrattiva ulteriore del libro per il lettore d’oggi è il suo porre con singolare rigore il problema della lingua: non a caso il grande linguista Ferdinand de Saussure, concittadino dell’autore, entra a far parte dei “personaggi”, invocato a far luce sulla strana lingua sanscritoide coniata dalla signorina Smith nei percorsi intricati del “ciclo indù”. E, infine, questa storia ginevrina fin de siècle si può ben leggere come una storia di seduzione: quella che oggi chiameremmo la relazione transferale (e controtransferale), ovvero il contenuto psicosessuale del rapporto tra Hélène e Théodore, acquista in suggestione per il modo in cui Flournoy, fascinatore-affascinato, ce la restituisce schermata da una distaccata ironia e da un pudore tutto vittoriano.

     

    Tracce d’uso

    1 di 75412345...1020304050...Ultima »

    Libreria ASEQ s.r.l. - Via dei Sediari, 10 - 00186 Roma - Tel. 06 6868400 - Partita IVA 08443041002