Libreria ASEQ - Via dei Sediari, 10 • 00186 Roma - Email: info@aseq.it - Tel./Fax 06 6868400

La Dea Madre e il Culto Betilico

La Dea Madre e il Culto Betilico

Le origini del Mito
Autore/i: Romanazzi Andrea
Editore: Anguana Edizioni
presentazione di Ilaria Pege, prefazioni dell’autore. pp. 142, Sossano (VI)

Torna in una nuova edizione aggiornata e ampliata il primo, famosissimo libro di Andrea Romanazzi!
Un saggio sul culto della Grande Madre e sulle sue molteplici forme…
Un percorso tra le divinità per giungere al cospetto del “Toro Universale”… Un viaggio nel Mediterraneo alla ricerca delle origini del mito…
“Ci fu un tempo in cui l’uomo era libero e onorava la terra.
Dea e dio ne furono grati.
Ma giunse il giorno che l’uomo dimenticò questi valori.
La dea con il suo compagno, il dio, furono in collera con lui, cosicchè le divinità abbandonarono i sacri boschi e tutto non fu più come prima.
È giunto il tempo che l’uomo si ravveda e torni ad onorare la terra.”

Vai alla scheda libro e aggiungi al carrello Modalità di acquisto

A Dictionary of the Egyptian Language

A Dictionary of the Egyptian Language

Transactions of the American Philosophical Society
Autore/i: McCauley Y.
Editore: American Philosophical Society
preface by the author. pp. VI-241, Philadelphia

In 1880, I made a manuscript copy of Dr. Birch’s Egyptian Dictionary (Vol. V, of Bunsen’s Egypt). As it was inadequate for the present requirement I added to it a list of words compiled from translations, lately made, of papyrus texts and monumental inscriptions, with the aid of Chabas’ Melanges Egyptologiques, and the works of Grebant, Deveria, Goodwin, &c. Finally, I closely compared the work with Pierret’s Vocabulaire, the latest issue of the kind, resulting ip the Dictionary now laid before the Society.
I claim for it that it contains all the words that could be obtained from the sources I have just mentioned, and probably all that have been defined by Egyptologists up to the present time.
These words, and their variants, are placed nuder their proper initial symbols or characters, which, being carefully indexed, even the uninitiated may work but the meaning- of a hieroglyphical text.
I have not placed any geographical or theological names in the book.
Our constantly increasing information on the geography and religion of ancient Egypt, necessitating constant correction, I thought it better to restrict myself to the compilation of a book that would be of use in translating ordinary lingual text.

Vai alla scheda libro e aggiungi al carrello Modalità di acquisto

Alimentazione Naturale Vol. II

Alimentazione Naturale Vol. II

Le chiavi per una dietetica razionale – Conoscere il proprio corpo – Volume 2
Autore/i: Vaccaro Valdo
Editore: Anima
prefazione di Camilla Ripani. pp. 320, Milano

Valdo Vaccaro torna con un nuovo testo per approfondire quei temi che non erano stati adeguatamente spiegati nel primo volume, ma anche per continuare ad aggiornarsi sui problemi dell’alimentazione, dello star bene, e dell’etica. Il tutto sempre dall’angolo visuale della scienza naturale igienistica.
Alimentazione naturale, adattata e ritagliata come un vestito su misura al corpo vegeto-fruttariano-crudista di cui è dotato ogni essere umano, indipendentemente dall’eventuale porzione di carne-pesce-cibo cotto che sta forse mangiando.
Nutrizione dunque che deve per forza puntare al veganismo, all’igienismo naturale e al crudismo, non per accontentare sparuti, romantici e utopistici gruppi di idealisti vegetariani, ma per rispettare in concreto e al meglio il proprio corpo e le stesse leggi della creazione.
Il vege-fruttarianismo e il crudismo sono pertanto la verità e la perfezione assoluta per l’essere umano, in quanto lo spingono ad alimentare la sua macchina umana col solo carburante possibile e privo di effetti devastanti, che è il carboidrato vivo e naturale confezionato dalla fotosintesi clorofilliana e dal sole, caratterizzato da presenza proteica ottimale, cioè minima ed assimilabile.
Si tratta di un testo semplice e chiaro, eppure sorprendente e straordinario nei contenuti e nello stile, capace di influire e incidere, di far cambiare radicalmente il modo di pensare e lo stile di vita del lettore.

Dalla prefazione di Camilla Ripani:
“La gente si identifica con quello che mangia, lo ama visceralmente, come fosse l’unica libertà rimasta in questa vita, o almeno così mi spiegò un tizio che una volta mi disse: «Voglio essere libero di mangiare quello che voglio!».
Eppure troppo spesso si dimentica che libertà è ben più che ingurgitare cibi a caso o per automatismo culturale (e questo è ciò che accade nella maggior parte delle volte).
Libertà è scegliere consapevolmente le proprie azioni nel rispetto delle leggi del creato.
Ma che consapevolezza può esservi nella moderna alimentazione occidentale che, tra bevande gassate, hamburger, cereali raffinati e conservanti di ogni tipo, ha un impatto pesantissimo sull’ambiente, sugli animali e sulla nostra stessa salute?[...]“

Visualizza indice

Prefazione di Camilla Ripani
1. Le chiavi per una dietetica razionale
2. Conoscere bene il proprio corpo
3. America, leader nell’ammalarsi e nel curarsi
4. Il pianeta Italia
5. La difesa italiana del crudismo
6. L’igienismo d’oltralpe
7. Il salutismo bacato dei canali televisivi
8. Medici e farmaci
9. Le epidemie inventate
10. Elettrosmog, vera piaga del terzo millennio
11. Cibi innocenti, cibi concentrati, cibi naturali
12. Il ruolo dell’igienista
13. Conclusione
Bibliografia

Vai alla scheda libro e aggiungi al carrello Modalità di acquisto

Il Giapponese in 160 Ore

Il Giapponese in 160 Ore

Autore/i: Takeshita Toshiaki
Editore: Clueb
con la collaborazione di Giancarlo Giovanelli pp. 112, Bologna

La pubblicazione di quest’opera è stata sostenuta da The Japan Foundation / Japanese Language Institute sulla base delle seguenti valutazioni:

REFEREE 1

Complessivamente può essere considerato ponderoso e preparato sulla base di un approccio originale.
Anche ai principianti il giapponese è presentato fin dall’inizio in modo da creare contesti senza essere spezzettato ai fini esplicativi della grammatica. Sono ricavati poi da tale lingua viva costruzioni frasali, modi d’uso di parole ecc. che formano il corpus oggetto d’insegnamento. Ed è questo processo l’aspetto caratterizzante. Se usato da insegnanti familiari con tale metodologia, ci si potrà aspettare un ottimo risultato.
Peraltro, temo che presso gli insegnanti poco pratici del metodo proposto, non possa essere sfruttata appieno tutta la sua potenzialità; ho inoltre l’impressione che ciascuna unità didattica sia gravata di un contenuto sovrabbondante.

REFEREE 2

Presenta originalità metodologiche: sin dalla fase iniziale si affronta la lettura con il preciso scopo di aprire la via, nella seconda metà del corso elementare, alle letture dedicate alla civiltà giapponese; è data poi per scontata l’adozione del metodo diretto, fatta eccezione per la grammatica fornita in madrelingua ecc.

Già sottoposto all’uso sperimentale, nell’ambito di quanto scritto in giapponese non lascia più praticamente nulla a desiderare. La cura è tale da fornire ai discenti suggerimenti su come studiare il giapponese con profitto.

Per quanto ci è dato di sapere, sembra che specificamente ad uso degli italiani non esista in pratica nessun materiale didattico degno di fiducia. Penso pertanto che possa essere adottato anche presso altre organizzazioni.

Vai alla scheda libro e aggiungi al carrello Modalità di acquisto

Sulle Rotte di Ulisse

Sulle Rotte di Ulisse

L’invenzione della geografia omerica
Autore/i: Braccesi Lorenzo
Editore: Laterza
pp. VI-150, Roma – Bari

Furono gli Eubei di Calcide e di Eretria i più antichi esploratori delle rotte mediterranee: marinai, mercanti, coloni che, procedendo da oriente verso occidente, si spinsero fino alle acque degli empori atlantici, superando, presso Gibilterra, le mitiche colonne di Ercole. Furono loro a localizzare nelle acque del Mediterraneo il teatro delle avventure di Ulisse, eroe di riferimento per il navigante ellenico in cerca di mete sempre nuove. Lorenzo Braccesi va alla scoperta della loro storia e identità, soffermandosi sul mondo della grecità arcaica, su quella memoria dell’Odissea che è nella ‘bisaccia’ di ogni navigante o colono.

Visualizza indice

Prefazione – I. Una premessa generica, ma necessaria – II. La rotta nord-mediterranea: dallo Ionio al Tirreno – III. La rotta sud-mediterranea: dal Ponto Eussino all’Atlantico – IV. La rotta settentrionale: dallo Ionio al «caput Adriae» – V. Le «Odýsseiai», l’Adriatico e il monte Titano – VI. Una conclusione divagante, ma necessaria – Indice dei nomi – Indice dei luoghi.

 

Vai alla scheda libro e aggiungi al carrello Modalità di acquisto

I Misteri del Druidismo

I Misteri del Druidismo

Spiritualità Celtica, Teoria e Pratica
Autore/i: Brendan Cathbad Myers
Editore: Anguana Edizioni
prefazione, traduzione e adattamento editoriale di Devana, presentazione di Riccardo Taraglio. pp. 318, ill. b/n, Sossano (VI)

Finalmente la prima edizione italiana di un libro di Brendan Cathbad Myers!

“Questo non è come tutti gli altri libri sul druidismo. Non è solo teorico.
Questo, fratelli e sorelle, è un manuale, contiene moltissime pratiche meditative, cerimoniali ed esperienze di vita di un autore che non si limita ad essere studioso ma è lui stesso praticante di culti druidici, è dichiaratamente pagano, pur essendo un docente, e appartiene a un clan.
L’opera di Brendan Cathbad Myers immette fisicamente nel druidismo poiché non è solo un’opera didascalica e storica ma, essendo anche un manuale pratico, riporta tecniche che ci fanno assaggiare l’atmosfera e la suggestione di un vero cerchio druidico. Quindi la sua opera non si legge solo per “sapere” ma anche per sentire e praticare”. (Devana)

“…l’Autore aiuta a comprendere perché il Druidismo appaia, nonostante qualche millennio di ‘anzianità’ e diversi secoli di ‘mistero’, come una spiritualità giovane, fresca, armonica, perfettamente adatta al momento storico attuale.” (Riccardo Taraglio)

Vai alla scheda libro e aggiungi al carrello Modalità di acquisto

Il Califfo Mu’Āwiya I

Il Califfo Mu’Āwiya I

Secondo il «Kitāb Ansāb Al-Ašrāf» – (Le Genealogie dei Nobili)
Autore/i: Aḥmad Ibn Yaḥyá Al-Balāḏuri
Editore: Libreria di Scienze e Lettere
pp. XXIV-196, Roma

Traduzione annotata dal testo arabo inedito di Olga Pinto e Giorgio Levi Della Vida.

Vai alla scheda libro e aggiungi al carrello Modalità di acquisto

Culture Protostoriche e Arte delle Steppe

Culture Protostoriche e Arte delle Steppe

Autore/i: Bussagli Mario
Editore: Gherardo Casini Editore
premessa dell’autore. pp. 68-194, nn. tavv. b/n, ill. b/n, Roma

Estratto da «Le Civiltà dell’Oriente» Volume IV.

Vai alla scheda libro e aggiungi al carrello Modalità di acquisto

1421. La Cina Scopre l’America

1421. La Cina Scopre l’America

La vera storia del primo viaggio intorno al mondo
Autore/i: Menzies Gavin
Editore: Carocci
introduzione dell’autore, traduzione di Maria Cristina Coldagelli e Alessandro Listuzzi. pp. 432, 8 tavv. a colori f.t., ill. b/n, Roma

Cristoforo Colombo fu davvero il primo a scoprire l’America nel 1492’ E Magellano compì davvero la prima circumnavigazione terrestre nella sua spedizione del 1521’ Oggi si fa strada una nuova ipotesi, basata sul ritrovamento di antiche carte nautiche, sull’analisi al computer di dati astronomici, sulla scoperta di relitti di navi nel Mar dei Carabi. Secondo Gavin Menzies, fu una spedizione cinese a raggiungere per la prima volta le coste americane e a compiere il primo viaggio completo intorno al mondo. Al comando del leggendario ammiraglio Zheng He, una flotta composta da più di cento navi lasciò la Cina nel febbraio del 1421 per attraversare l’Oceano Indiano, doppiare il Capo di Buona Speranza, esplorare le coste sudamericane e quelle australiane. A bordo c’erano sete, gioielli e concubine che l’Imperatore celeste mandava in dono agli altri potenti della Terra. Ma soprattutto c’era un gruppo di esperti cartografi che doveva disegnare una mappa dettagliata di questo incredibile viaggio, mappa che attraverso varie peripezie raggiunse il Portogallo nel 1428 e finì poi nelle mani dei maggiori navigatori europei. Un’ipotesi che potrebbe rivoluzionare la storia delle esplorazioni geografiche, ma anche un avvincente racconto di viaggio, d’avventura, di grandi ambizioni.

Gavin Menzies è un ex ufficiale della Marina britannica. Nella sua carriera ha ripercorso le rotte di Colombo, Magellano e altri grandi navigatori. Nel corso delle ricerche svolte per questo libro ha visitato oltre 120 paesi e più di 900 tra musei e biblioteche.

Visualizza indice

Ringraziamenti/ Introduzione/ Parte I. La Cina imperiale/ 1.Il grande progetto dell’imperatore/ 2.Il fulmine colpisce/ 3.Le flotte spiegano le vele/ Parte II. La guida delle stelle/ 4.Il Capo doppiato/ 5.Il Nuovo Mondo/ Parte III. Il viaggio di Hong Bao/ 6.Viaggio in Antartide e in Australia/ Parte IV. Il viaggio di Zhou Man/ 7.Australia/ 8.La Barriera Corallina e le Isole della Spezie/ 9.La prima colonia nelle Americhe/ 10.Colonie in America centrale/ Parte V. Il viaggio di Zhou Wen/ 11.L’isola di Satana/ 12.La flotta del tesoro s’incaglia/ 13.Insediamento nell’America settentrionale/ 14.La spedizione al Polo Nord/ 15.L’enigma risolto/ Parte VII. Il Portogallo eredita la corona/ 16.Dove la terra finisce/ 17.Il Nuovo Mondo colonizzato/ 18.Sulle spalle dei giganti/ Epilogo: l’eredità cinese/ Appendici/La circumnavigazione cinese del mondo 1421-23: prove a sostegno/Diari dei testimoni oculari/Principali carte che descrivono la prima navigazione del mondo/I cinesi calcolano la longitudine all’inizio del XV secolo/Altre informazioni sul sito Internet/ Note/ Bibliografia/ Indice dei nomi.

Vai alla scheda libro e aggiungi al carrello Modalità di acquisto

1421. La Cina Scopre l’America

1421. La Cina Scopre l’America

La vera storia del primo viaggio intorno al mondo
Autore/i: Menzies Gavin
Editore: Carocci
introduzione dell’autore, traduzione di Maria Cristina Coldagelli e Alessandro Listuzzi. pp. 432, 8 tavv. a colori f.t., ill. b/n, Roma

Cristoforo Colombo fu davvero il primo a scoprire l’America nel 1492’ E Magellano compì davvero la prima circumnavigazione terrestre nella sua spedizione del 1521’ Oggi si fa strada una nuova ipotesi, basata sul ritrovamento di antiche carte nautiche, sull’analisi al computer di dati astronomici, sulla scoperta di relitti di navi nel Mar dei Carabi. Secondo Gavin Menzies, fu una spedizione cinese a raggiungere per la prima volta le coste americane e a compiere il primo viaggio completo intorno al mondo. Al comando del leggendario ammiraglio Zheng He, una flotta composta da più di cento navi lasciò la Cina nel febbraio del 1421 per attraversare l’Oceano Indiano, doppiare il Capo di Buona Speranza, esplorare le coste sudamericane e quelle australiane. A bordo c’erano sete, gioielli e concubine che l’Imperatore celeste mandava in dono agli altri potenti della Terra. Ma soprattutto c’era un gruppo di esperti cartografi che doveva disegnare una mappa dettagliata di questo incredibile viaggio, mappa che attraverso varie peripezie raggiunse il Portogallo nel 1428 e finì poi nelle mani dei maggiori navigatori europei. Un’ipotesi che potrebbe rivoluzionare la storia delle esplorazioni geografiche, ma anche un avvincente racconto di viaggio, d’avventura, di grandi ambizioni.

Gavin Menzies è un ex ufficiale della Marina britannica. Nella sua carriera ha ripercorso le rotte di Colombo, Magellano e altri grandi navigatori. Nel corso delle ricerche svolte per questo libro ha visitato oltre 120 paesi e più di 900 tra musei e biblioteche.

Visualizza indice

Ringraziamenti/ Introduzione/ Parte I. La Cina imperiale/ 1.Il grande progetto dell’imperatore/ 2.Il fulmine colpisce/ 3.Le flotte spiegano le vele/ Parte II. La guida delle stelle/ 4.Il Capo doppiato/ 5.Il Nuovo Mondo/ Parte III. Il viaggio di Hong Bao/ 6.Viaggio in Antartide e in Australia/ Parte IV. Il viaggio di Zhou Man/ 7.Australia/ 8.La Barriera Corallina e le Isole della Spezie/ 9.La prima colonia nelle Americhe/ 10.Colonie in America centrale/ Parte V. Il viaggio di Zhou Wen/ 11.L’isola di Satana/ 12.La flotta del tesoro s’incaglia/ 13.Insediamento nell’America settentrionale/ 14.La spedizione al Polo Nord/ 15.L’enigma risolto/ Parte VII. Il Portogallo eredita la corona/ 16.Dove la terra finisce/ 17.Il Nuovo Mondo colonizzato/ 18.Sulle spalle dei giganti/ Epilogo: l’eredità cinese/ Appendici/La circumnavigazione cinese del mondo 1421-23: prove a sostegno/Diari dei testimoni oculari/Principali carte che descrivono la prima navigazione del mondo/I cinesi calcolano la longitudine all’inizio del XV secolo/Altre informazioni sul sito Internet/ Note/ Bibliografia/ Indice dei nomi.

Vai alla scheda libro e aggiungi al carrello Modalità di acquisto

Vie della Tradizione – Anno XLV, Volume XLVII, nn. 166 – gennaio-giugno 2014

Vie della Tradizione – Anno XLV, Volume XLVII, nn. 166 – gennaio-giugno 2014

Rassegna semestrale di orientamenti tradizionali, fondatore Gaspare Cannizzo.
Autore/i: AA. VV.
Editore: Vie Della Tradizione
pp. 68, Palermo

Sommario:

MANLIO TRIGGIANI
Perché il mito?

ANNA CANNIZZO
Mito e rito come ricerca del tempo sacro

GIANDOMENICO CASALINO
Tra mito e rito nel medioevo

ANTONIO BOSNA
Alcune considerazioni sul significato del mito

LUCA VALENTINI
Sull’inversione moderna della simbologia arcaica

LORENZO DI CHIARA
“Wei Wu Wei”: l’agire olimpico nella tradizione estremo-orientale

PAOLO LOPANE
Il culto cavalleresco di Maria

MANLIO TRIGGIANI
Brevi note su fiaba, favola e mito

RECENSIONI

Vai alla scheda libro e aggiungi al carrello Modalità di acquisto

“Protocolli” dei “Savi Anziani” di Sion

“Protocolli” dei “Savi Anziani” di Sion

Rassegna mensile di politica, Anno XII, Fascicolo CXXXVII, Roma, 15 maggio 1924, direttore Giovanni Preziosi.
Autore/i: Nilus Sergey
Editore: La Vita Italiana
Prima edizione italiana. pp. 346-424, Roma

Questo fascicolo contiene la traduzione dei “Protocolli” dei “Savi Anziani” di Sion.

 

Vai alla scheda libro e aggiungi al carrello Modalità di acquisto

I “Protocolli” dei “Savi Anziani” di Sion

I “Protocolli” dei “Savi Anziani” di Sion

Rassegna mensile di politica, direttore Giovanni Preziosi.
Autore/i: Nilus Sergey
Editore: La Vita Italiana
introduzione di Julius Evola, “al lettore” di Giovanni Preziosi, prefazioni, introduzione ed epilogo di Sergyei Nilus. pp. XXIII-204, Roma

Versione italiana con appendice e introduzione di Julius Evola.

Vai alla scheda libro e aggiungi al carrello Modalità di acquisto

The Assyrian Dictionary

The Assyrian Dictionary

Volume 19, Letter Ṭ [tet]
Autore/i: Roth Martha T.
Editore: The Oriental Institute of The University of Chicago
pp. xxxii-167, Chicago

The manuscript drafts for this volume were written by Hermann Hunger, Burkhart Kienast, and Matthew W. Stolper. Martha T. Roth edited the ̃nal manuscript, assisted by Timothy J. Collins and David Testen. Comprehensive citation checking was
accomplished by Robert D. Biggs, Gertrud Farber, Michael Kozuh, Erica Reiner, Martha T. Roth, and Matthew W. Stolper. Further work on the volume was contributed by Remigius Jas and Jennie Myers. The complete manuscript was read for accuracy by the members of the in-house Editorial Board—Robert D. Biggs, John A. Brinkman, Miguel Civil, Walter Farber, Erica Reiner, Martha T. Roth, and Matthew W. Stolper—and by our colleagues Wilfred G. Lambert (University of Birmingham), Simo Parpola (University of Helsinki), and Klaas R. Veenhof (University of Leiden).
Karel Van Lerberghe (Catholic University of Leuven) worked primarily on the P Volume and consulted with the editor on this volume during his stay in Chicago in 1996.
The T Volume appears shortly after the death of Erica Reiner, who died on December 31, 2005. We dedicate this volume to her memory. (Chicago, Illinois MARTHA T. ROTH June, 2006)

The Chicago Assyrian Dictionary was conceived to provide more than lexical information alone, more than a one-to-one equivalent between Akkadian and English words. By presenting each word in a meaningful context, usually with a full and idiomatic translation, it recreates the cultural milieu and thus in many ways assumes the function of an encyclopedia. Its source material ranges in time from the third millennium BC to the first century AD, and in geographic area from the Mediterranean Sea in the west to the Zagros Mountains in the east. The Chicago Assyrian Dictionary has become an invaluable source for the study of the civilisations of the ancient Near East, their political and cultural history, their achievements in the sciences of medicine, astronomy, mathematics, and linguistics, and not least the timeless beauty of their poetry.

The Chicago Assyrian Dictionary, initiated in 1921 by James Henry Breasted, is compiling a comprehensive dictionary of the various dialects of Akkadian, the earliest known Semitic language that was recorded on cuneiform texts that date from c. 2400 B.C. to A.D. 100 which were recovered from archaeological excavations of ancient Near Eastern sites. The Assyrian Dictionary is in every sense a joint undertaking of resident and non-resident scholars from around the world who have contributed their time and labor over a period of seventy years to the collection of the source materials and to the publication of the Dictionary.
The CAD project began not long after James Henry Breasted founded the Oriental Institute in 1919, and barely one hundred years after the decipherment of the cuneiform script. This initial decipherment, and the soon-to-follow achievements in understanding the languages in which the hundreds of thousands of clay tablets were inscribed, opened an unsuspected treasure-house for the study and appreciation of one of the world’s oldest civilizations.
The Chicago Assyrian Dictionary was conceived to provide more than lexical information alone, more than a one-to-one equivalent between Akkadian and English words. By presenting each word in a meaningful context, usually with a full and idiomatic translation, it recreates the cultural milieu and thus in many ways assumes the function of an encyclopedia. Its source material ranges in time from the third millennium b.c. to the first century a.d., and in geographic area from the Mediterranean Sea in the west to the Zagros Mountains in the east.
With sixteen of the projected twenty-one volumes published and the remaining volumes in various stages of preparation, with close to two million file cards – a database which is continually updated and which is accessible to scholars and students who wish to consult it – the Chicago Assyrian Dictionary has become an invaluable source for the study of the civilizations of the ancient Near East, their political and cultural history, their achievements in the sciences of medicine, astronomy, mathematics, and linguistics, and not least the timeless beauty of their poetry.

Vai alla scheda libro e aggiungi al carrello Modalità di acquisto

The Assyrian Dictionary

The Assyrian Dictionary

Volume 18, Letter T
Autore/i: Roth Martha T.
Editore: The Oriental Institute of The University of Chicago
pp. xxx-500, Chicago

The final manuscript of the T volume was sent to J. J. Augustin in April 1991, and we continued to receive galleys from them through 1998. When it became clear that Augustin was unable to complete publication of the volume, the manuscript was retrieved and sent for composition to Eisenbrauns, Inc., in 2001. The editorial decision was made at that time that the manuscript was to be considered closed as of 1995; no citations or references published after that date have been included.
Several CAD volumes are in production simultaneously, and work on the manuscript of the T volume began in 1984. Drafts of articles were written by Richard I. Caplice, Dietz Otto Edzard, Brigitte Groneberg, Hermann Hunger, Burkhart Kienast, Marie-Christine Ludwig, Simo Parpola, Erica Reiner, Johannes M. Renger, Martha T. Roth, Wilfred van Soldt, Matthew W. Stolper, and Frans Wiggermann.
Erica Reiner, assisted by Martha T. Roth, edited the ̃nal manuscript. Comprehensive citation checking began in 1989 and was accomplished by in-house scholars Robert D. Biggs, Gertrud Farber, Erica Reiner, Martha T. Roth, and Matthew W. Stolper, and by visiting scholars Burkhart Kienast and Wilfred van Soldt. Further work on the volume was contributed by Erekle Astakhishvili, Timothy J. Collins, Remigius Jas, Michael Kozuh, Jennie Myers, and David Testen. The complete manuscript was read for accuracy by Robert D. Biggs, John A. Brinkman, Miguel Civil, Erica Reiner, Martha T. Roth, and Matthew W. Stolper, and by our colleagues Wilfred G. Lambert (University of Birmingham), Simo Parpola (University of Helsinki), and Klaas R. Veenhof (University of Leiden).
The T Volume appears shortly after the death of Erica Reiner, who died on December 31, 2005. We dedicate this volume to her memory.
(Chicago, Illinois MARTHA T. ROTH June, 2006)

The Chicago Assyrian Dictionary was conceived to provide more than lexical information alone, more than a one-to-one equivalent between Akkadian and English words. By presenting each word in a meaningful context, usually with a full and idiomatic translation, it recreates the cultural milieu and thus in many ways assumes the function of an encyclopedia. Its source material ranges in time from the third millennium BC to the first century AD, and in geographic area from the Mediterranean Sea in the west to the Zagros Mountains in the east. The Chicago Assyrian Dictionary has become an invaluable source for the study of the civilisations of the ancient Near East, their political and cultural history, their achievements in the sciences of medicine, astronomy, mathematics, and linguistics, and not least the timeless beauty of their poetry.

The Chicago Assyrian Dictionary, initiated in 1921 by James Henry Breasted, is compiling a comprehensive dictionary of the various dialects of Akkadian, the earliest known Semitic language that was recorded on cuneiform texts that date from c. 2400 B.C. to A.D. 100 which were recovered from archaeological excavations of ancient Near Eastern sites. The Assyrian Dictionary is in every sense a joint undertaking of resident and non-resident scholars from around the world who have contributed their time and labor over a period of seventy years to the collection of the source materials and to the publication of the Dictionary.
The CAD project began not long after James Henry Breasted founded the Oriental Institute in 1919, and barely one hundred years after the decipherment of the cuneiform script. This initial decipherment, and the soon-to-follow achievements in understanding the languages in which the hundreds of thousands of clay tablets were inscribed, opened an unsuspected treasure-house for the study and appreciation of one of the world’s oldest civilizations.
The Chicago Assyrian Dictionary was conceived to provide more than lexical information alone, more than a one-to-one equivalent between Akkadian and English words. By presenting each word in a meaningful context, usually with a full and idiomatic translation, it recreates the cultural milieu and thus in many ways assumes the function of an encyclopedia. Its source material ranges in time from the third millennium b.c. to the first century a.d., and in geographic area from the Mediterranean Sea in the west to the Zagros Mountains in the east.
With sixteen of the projected twenty-one volumes published and the remaining volumes in various stages of preparation, with close to two million file cards – a database which is continually updated and which is accessible to scholars and students who wish to consult it – the Chicago Assyrian Dictionary has become an invaluable source for the study of the civilizations of the ancient Near East, their political and cultural history, their achievements in the sciences of medicine, astronomy, mathematics, and linguistics, and not least the timeless beauty of their poetry.

Vai alla scheda libro e aggiungi al carrello Modalità di acquisto
Pagina 1 di 1.05212345...102030...Ultima »

Libreria ASEQ s.r.l. - Via dei Sediari, 10 - 00186 Roma - Tel./Fax 06 6868400 - Partita IVA 08443041002